Le cronache di Narnia: cosa sappiamo dell'adattamento Netflix

Disney Una scena tratta da Le cronache di Narnia - Il principe Caspian

Le cronache di Narnia arrivano su Netflix. Il colosso dello streaming ha stretto un accordo con C.S. Lewis Company per un grande progetto che adatterà tutti e sette i libri della saga.

Era il 3 ottobre del 2018 quando la pagina Facebook ufficiale dedicata ai romanzi de Le cronache di Narnia di C.S. Lewis ha dato un importante annuncio sul futuro della saga al cinema e in TV.

Secondo quanto riportato, Netflix ha stretto un accordo con la C.S. Lewis Company per sviluppare una serie e alcuni film basati sulle storie dei fratelli Pevensie, di Digory e Polly, di Eustachio e Jill, e di Shasta.

Quello firmato da Netflix e C.S. Lewis Company è un accordo pluriennale che prevede lo sviluppo e la realizzazione di diverse storie legate all'universo di Narnia nella forma di film e serie televisive.

Serie e lungometraggi verranno distribuiti in tutto il mondo e prodotti da Netflix in collaborazione con Mark Gordon di Entertainment One e con i produttori esecutivi Douglas Gresham e Vincent Sieber.

Le storie de Le cronache di Narnia sono già in precedenza state adattate per il piccolo e grande schermo. Il nuovo accordo, però, segna un punto si svolta per la saga: è infatti la prima volta che i diritti di tutti i libri che compongono la saga vengono detenuti dalla stessa società.

Una serie televisiva BBC ha portato in TV Il leone, la strega e l’armadio, Il principe Caspian, Il viaggio del veliero e La sedia d’argento tra il 1988 e il 1990.

Walt Disney ha invece firmato i film Le Cronache di Narnia – Il leone, la strega e l’armadio nel 2005 e Le Cronache di Narnia – Il principe Caspian nel 2008.

Le Cronache di Narnia – Il viaggio del veliero, terzo film della saga adattato per il cinema nel 2010, è targato Walden Media e 20th Century Fox.

Inizialmente era previsto che la saga proseguisse al cinema con Le Cronache di Narnia – La sedia d’argento, ma il progetto, dopo essere stato rimandato svariate volte, è stato definitivamente cancellato da C. S. Lewis Company e Mark Gordon Company.

La cancellazione di quest'ultimo progetto ha reso possibile l'accordo con Netflix che Ted Sarandos, Chief Content Officer della società, ha commentato in questo modo:

Le storie de Le Cronache di Narnia di C.S. Lewis hanno accompagnato generazioni di lettori in tutto il mondo. Le famiglie sono innamorate di personaggi come Aslan e dell’intero mondo di Narnia. Siamo entusiasti di poter essere la casa di produzione di queste storie per i prossimi anni.

Anche Douglas Gresham, figlio adottivo di C.S. Lewis, ha dato voce a parole ricche di entusiasmo:

È meraviglioso sapere che persone provenienti da tutte gli angoli della Terra non vedono l’ora di scoprire qualcosa in più su Narnia. I progressi nella tecnologia, nella produzione e nella distribuzione faranno sì che le avventure di Narnia prendano vita in tutto il mondo. E Netflix sembra essere lo strumento migliore per raggiungere questo scopo. Sono elettrizzato all'idea di lavorare con loro.

Infine, Mark Gordon, Presidente e Chief Content Officer di eOne, Film & Television, ha dichiarato:

Non vediamo l’ora di iniziare la produzione.

Dopo l'annuncio, non ci sono stati nuovi aggiornamenti fino al 12 giugno 2019, quando è stata diffusa la notizia secondo cui il co-sceneggiatore di Coco, Matthew Aldrich, sarà coinvolto nei progetti relativi a Narnia e li supervisionerà in tutte le fasi di sviluppo.

L'ultimo aggiornamento, risalente a gennaio 2020, è stato riportato dal portale Narniaweb. Il sito ha riportato un'intervista a Douglas Gresham che, ospite del podcast The Call to Mastery di Jordan Raynor, ha candidamente affermato di non essere a conoscenza dei dettagli della produzione.

Abbiamo firmato un accordo mesi fa, ma da allora non ho saputo più nulla. Voglio dire, sono accreditato come produttore, ma non ho sentito nulla su ciò che hanno intenzione di fare o di come intendono farlo o quando hanno intenzione di farlo.

Secondo Gresham, probabilmente Netflix non è ancora pronta a lavorare a un progetto così ambizioso, ma “lo scopriremo presto”, ha concluso.

Leggi anche

      Cerca