Tyler Rake: Chris Hemsworth e le acrobazie sul set del film Netflix

Netflix Chris Hemsworth e Rudhraksh Jaiswal in una scena di Tyler Rake

Chris Hemsworth racconta le grandi sfide sul set di Tyler Rake. Contrariamente a quanto avviene nei film di Marvel Studios, l'attore australiano ha eseguito personalmente gran parte delle acrobazie sul set.

Tyler Rake (Extraction) sembra al momento il lungometraggio action che ha segnato il 2020.

Uscito direttamente su Netflix e diretto dal coordinatore di stunt di Avengers: Endgame Sam Hargrave, il film vede protagonista un intrepido Chris Hemsworth. Come ben sappiamo, l'attore australiano non è nuovo ai ruoli super-impegnativi dal punto di vista fisico: adora le sfide e, secondo le sue stesse parole, si è particolarmente divertito ad interpretare il mercenario Tyler Rake.

Probabilmente nel vederlo destreggiarsi sullo schermo, tra un inseguimento in auto di 12 minuti e un combattimento solo contro tutti, il vostro primo pensiero sarà stato: "beh, è Chris Hemsworth, lui è Thor, cosa vuoi che sia?". E invece... no! Non dovete assolutamente credere che il ruolo di Tyler Rake non abbia messo Hemsworth di fronte ad una serie di ostacoli insormontabili.

L'attore australiano ha infatti recentemente parlato del set di Sam Hargrave con il wrestler Drew McIntyre per il canale YouTube WWE.

Il faccia a faccia a distanza è cominciato con i soliti saluti tra i due e un visibilmente emozionato McIntyre, che ha innanzitutto precisato di stare conducendo la sua "prima intervista in assoluto" (in compenso è stato intervistato diverse volte).

Hemsworth ha innanzitutto raccontato di come è stato coinvolto nel progetto di Tyler Rake: sono stati Joe e Anthony Russo, registi di Avengers: Endgame e autori con Ande Parks di Ciudad, il graphic novel da cui è tratto il film, a volerlo nell'esordio al lungometraggio di Sam Hargrave, prodotto proprio dai due fratelli di Cleveland:

Volevamo fare il film d'azione più folle che ci fosse. Spingerci oltre i limiti e fare cose abbastanza uniche nel cinema d'azione: pochi effetti speciali, uso del green e blue screen, avremmo girato tutto in camera.

Qui va fatta una precisazione: solitamente nei film di Marvel Studios, a cui ha finora lavorato Hemsworth, abbondano i green screen, gli effetti speciali realizzati in CGI e le acrobazie eseguite dagli stuntman. In Tyler Rake invece l'attore ha coperto personalmente gran parte delle scene d'azione presenti nella sceneggiatura di Joe Russo.

Sarà per questo che Hemsworth era inizialmente anche un po' intimidito dal film Netflix:

È stato un po' intimidatorio all'inizio lanciarsi [in questo progetto, n.d.r.], sai, per via della natura di quello che stavamo girando, non potevamo avere troppi doppi e sostituzioni per le acrobazie, e via dicendo. Quindi ho dovuto fare io il 90-95% di queste [acrobazie, n.d.r.].

Ovviamente è stata un'esperienza anche eccitante per Hemsworth. Ogni giorno arrivava sul set sapendo che sarebbe stato protagonista di una scena d'azione e che avrebbe dovuto appellarsi a tutte le sue energie. Tanto impegno sicuramente, ma anche tanta gratificazione:

Devo dire che è stato uno dei film più gratificanti a cui ho lavorato perché [sapevo che, n.d.r.] ogni giorno avrei fatto qualcosa. Sentivamo di star realizzando un prodotto davvero speciale.

Una delle scene più incredibili di Tyler Rake è sicuramente quella in cui il nostro eroe cade da una rampa di scale mentre combatte contro un suo avversario. Hemsworth si rialza praticamente come se niente fosse, ma sappiamo bene quanto sia irrealistica questa scena: normalmente dopo una caduta del genere ci ritroveremmo come minimo con il collo spezzato. Intervistato dal canale YouTube Netflix Film Club, il regista Sam Hargrave ha spiegato come è stata realizzata questa scena:

Il pavimento per la maggior parte del tempo era imbottito. Quindi, invece di nascondere le gomitiere, potevi cadere tranquillamente proteggendoti.

D'altronde, Hemsworth ha una vasta esperienza in fatto di acrobazie, e questo soprattutto grazie al suo ruolo di Thor in MCU. La sua familiarità con le scene più rischiose è tale da renderlo per preparazione fisica praticamente un atleta. Anzi, le sue controfigure devono allenarsi due volte al giorno poter stare al passo con lui.

Oltre ai combattimenti, in Tyler Rake è presente anche un inseguimento in auto lungo 12 minuti, che ha richiesto riprese e preparazioni continue poiché non ci sono tagli, una cosa che secondo Hemsworth ha costituito gran parte del lavoro nel film.

Naturalmente l'approccio di Hemsworth al personaggio va ben oltre le "semplici" prove di resistenza fisica. Tyler è un uomo che si butta nelle sue missioni impossibili - spesso da altri rifiutate prima di essere affidate a lui - per sfuggire ad un dolore passato che sembra ancora tormentarlo. La conversazione tra McIntyre e Hemsworth si è spostata poi proprio sul discorso creativo. L'attore australiano ha ammesso che un altro aspetto del suo lavoro è stato cercare questa verità del personaggio dentro di sé: per avvertire la perdita di un figlio, si è dovuto concentrare infatti sulla mancanza che avverte quando il suo lavoro lo porta lontano dalla sua famiglia, manipolando questa emozione appositamente per il ruolo.

L'impegno dell'attore e del team di Tyler Rake in generale è stato ben ricompensato: il film ha raggiunto un record incredibile ed è tra i più visti su Netflix. Anzi, Joe Russo è già al lavoro sul copione del sequel: l'idea dei fratelli registi era proprio quella di realizzare un nuovo franchise incentrato sullo stesso personaggio. E sembra ci siano riusciti!

Leggi anche

      NoSpoiler Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

      Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all'uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Informativa privacy e Policy sui cookie aggiornate in qualsiasi momento.