New Amsterdam è tratto da una storia vera? L'ispirazione per la serie TV

A differenza di tante serie TV, New Amsterdam si basa su fatti di vita reale: ed è anche per questo che la serie ci emoziona così tanto.

Pico Creek Productions/Mount Moriah/Universal Television Un'immagine della serie New Amsterdam

Tra i vari medical drama recenti che stanno avendo maggior successo in tutto il mondo ce n’è uno in particolare: New Amsterdam. La serie, che in Italia riprende il 4 giugno 2020 (trasmessa in prima serata su Canale 5 dopo ben quattro mesi di pausa), non è frutto di un progetto originale ma si basa su fatti realmente avvenuti.

Ideato e creato dallo showrunner David Schulner, la serie TV si ispira alla storia vera di Eric Mannheimer, ex direttore medico del Bellevue Hospital che ha messo su carta le sue esperienze e il suo vissuto, scrivendo il libro Twelve Patients: Life and Death at Bellevue Hospital, una vera e propria autobiografia.

Ma quali sono i fatti reali che fanno parte della serie? Scopriamoli insieme.

La storia vera di Eric Mannheimer

Sin dalla sua prima comparsa, ormai avvenuta a fine 2018, abbiamo imparato a conoscere il dottor Max Goodwin (interpretato da Ryan Eggold), il direttore sanitario del New Amsterdam che pensa fuori dagli schemi e che vive con una sola priorità: dare il massimo per i suoi pazienti, affinché questi vengano seguiti e curati nel miglior modo possibile, senza distinzione alcuna. Sarà proprio Max che, dopo il suo arrivo al New Amsterdam, risolleverà e darà qualcosa in cui credere allo staff dell’ospedale, sottovalutato e privo di ispirazione che, nel tempo, aveva abbassato il livello di qualità dell’assistenza ai pazienti.

Pico Creek Productions/Mount Moriah/Universal TelevisionUn'immagine della serie New Amsterdam

Ma nella realtà, chi è il vero Max?

Come riportato anche da Bustle, il protagonista di New Amsterdam si rifà sulla figura del dottor Eric Manheimer, colui che fu direttore sanitario del Bellevue Hospital per quindici anni, dal 1997 al 2012. Anni in cui ha visto passare sotto i suoi occhi tantissimi pazienti e anni in cui ha avuto modo di vivere a pieno tantissime esperienze, sia positive che negative.

Il libro da lui scritto, Twelve Patients: Life and Death at Bellevue Hospital, si basa dunque su storie vere di pazienti, tra cui si include anche lo stesso Eric. Il dottore, così come il suo alter ego televisivo, è stato colpito da un cancro alla gola proprio durante il suo periodo lavorativo al Bellevue Hospital, diventando paziente dell’ospedale da lui seguito e facendosi curare in loco.

Manheimer, Eric Twelve Patients: Life and Death at Bellevue Hospital (The Inspiration for the NBC (English Edition)
Manheimer, Eric

Twelve Patients: Life and Death at Bellevue Hospital (The Inspiration for the NBC (English Edition)

9,49 €

Contraddistinto da inguaribile senso dell’ottimismo, da una forte tenacia e dalla sua credenza in determinati valori come la verità e la trasparenza, Manheimer ha dovuto tenere duro per 15 lunghi ed intensi anni. Un periodo in cui ha dovuto far fronte a strani casi di tubercolosi, alla diffusione dell’HIV, ad emergenze di vario tipo, senza dimenticare una data importante: l’11 settembre 2001.

Dunque, sebbene la serie New Amsterdam si sviluppi seguendo diversi archi narrativi e altrettanti diversi personaggi, la storia che segue il protagonista è esattamente quella di Manheimer tra cui, come detto sopra, il decorso della sua malattia, un carcinoma a cellule squamose. A differenza della sua controparte televisiva, Manheimer ha dovuto fermarsi per un certo periodo di tempo prima di riprendere a lavorare, così come lui stesso ha dichiarato al New York Post durante un’intervista:

Sapevo cosa significasse la diagnosi. Sono rimasto senza lavoro per 6-8 mesi. E quando sono tornato ho lavorato solo per un paio di ore al giorno, giusto per iniziare.

Il Bellevue Hospital e la fiducia tra medico e paziente

Pico Creek Productions/Mount Moriah/Universal TelevisionUn'immagine della serie New Amsterdam

Così come avviene nel medical drama New Amsterdam, anche nella vita reale uno dei principi fondamentali della gestione di Eric Manheimer era quella di dare nuove fondamenta al rapporto di fiducia che dovrebbe esistere tra medico e paziente, spesso molto poco considerato.

Sebbene il New Amsterdam sembri in tutto e per tutto un vero ospedale, bisogna sottolineare che in realtà questo luogo non esiste ma è stato reso tale con l’utilizzo di diverse location.

Tuttavia, il Bellevue Hospital esiste davvero e si trova nel centro di New York. Situato sulla First Avenue a Manhattan, questo ospedale in realtà ha radici piuttosto antiche: fondato il 31 marzo del 1736, da quello che era stato pensato come un ospizio è diventato, nel tempo, un ospedale di tutto rispetto, protagonista di scoperte scientifiche di rilievo.

Nonostante l’ospedale sia ancora ben più che attivo, alcune riprese sono avvenute un uno spazio che era stato costruito diversi anni prima che era rimasto inoccupato, diventando così set della serie New Amsterdam.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca