I Marvel Studios affronteranno di nuovo la saga di Fenice Nera?

Proviamo a lanciarci in un po' di sana speculazione sul futuro cinematografico degli X-Men per indagare su un possibile ritorno della saga di Fenice Nera.

Twentieth Century Fox/Marvel Entertainment Sphie Turner in X-Men: Dark Phoenix

La saga di Fenice Nera è uno degli archi narrativi più amati della già celebratissima run di Chris Claremont sugli X-Men. Una storia complessa che coinvolge poteri cosmici, scontri tra eroi e distruzione su grandissima scala, che i fan dell'universo mutante hanno adorato. Proprio per questi motivi, quando gli X-Men sono arrivati al cinema nei primi 2000, la produzione decise di adattare quella saga per il terzo, gigantesco capitolo. Qualcosa però andò storto e proprio quella pellicola è tuttora riconosciuta come uno dei punti più bassi dell'intero ciclo dedicato ai mutanti sul grande schermo.

Così, a distanza di più di dieci anni da quel primo tentativo, si decise di riprovare a dare un degno adattamento a quella storia così iconica. A scriverla è Simon Kinberg, già sceneggiatore di quel tormentato X-Men - Conflitto finale di cui parlavo qui sopra, che questa volta debutta anche alla regia. Controllo creativo più ampio quindi e tra i due film un reboot, che mette in mano all'autore una nuova Jean Grey, interpretata questa volta da Sophie Turner, tutta da plasmare. Tuttavia anche in questo caso il risultato non è all'altezza e il film diventa uno dei flop più clamorosi di tutto il 2019.

Oltretutto X-Men: Dark Phoenix resterà nella storia come l'ultimo capitolo della serie cinematografica dei mutanti o almeno della linea narrativa principale, esclusi gli spin-off. Questo perché dopo l'acquisizione di Fox da parte di The Walt Disney Company, i diritti su questi personaggi sono tornati ai Marvel Studios, che potranno finalmente sfruttarli per il proprio universo. Questo significa quasi sicuramente un rilancio, con un nuovo cast, nuovi personaggi e una nuova storia. E chissà, magari potrebbe esserci spazio per un nuovo tentativo con la saga di Fenice Nera. O forse sarebbe meglio evitare? Proviamo ad approfondire la questione...

La saga di Fenice Nera merita giustizia...

Twentieth Century Fox/Marvel Entertainmentposter di X-Men Conflitto Finale

Un primo punto a favore di un ritorno di questa storia sul grande schermo è che una saga così importante per il mondo dei fumetti della Casa delle Idee, dovrebbe avere un adattamento di qualità. Una strada per farlo potrebbe essere ad esempio una maggiore fedeltà alla versione cartacea. Quanto portato finora sul grande schermo infatti ha ripreso (quasi) solo il concetto centrale dell'emersione dei poteri di Fenice in Jean Grey e il fatto di andare fuori controllo, aprendo le porte a uno scontro con i propri compagni X-Men e soprattutto il suo amato Ciclope.

Ci sono però tutta una serie di elementi più complessi della mitologia dei fumetti sui mutanti che hanno un ruolo chiave nella storia, come l'impero Shi'ar e la sua sovrana Lilandra o Emma Frost e il Club Infernale. Tutti elementi peraltro che hanno avuto una parte decisamente secondaria nell'universo cinematografico mutante, soprattutto a confronto di quella che interpretano su carta. Un nuovo adattamento potrebbe quindi "correggere i torti" nei confronti sia della storia che di alcuni dei suoi interpreti. E un'idea di questo tipo era stata effettivamente considerata.

Recentemente infatti Simon Kinberg, partecipando a un watch party di X-Men - Giorni di un futuro passato, ha spiegato di come avrebbe voluto riportare il cast originale per una nuova versione della storia. Sfruttando i viaggi nel tempo di Wolverine che hanno cancellato gli eventi del passato dalla timeline, avrebbe potuto provare nuovamente ad affrontare la saga di Fenice Nera, prendendosi il tempo necessario (almeno due film immaginava) e con Shi'ar, Lilandra, il Club Infernale e tutti gli altri elementi. Un piano che poi non si è realizzato, ma che forse potrebbe essere ripreso dai Marvel Studios.

...ma non è l'unica

Twentieth Century Fox/Marvel EntertainmentI protagonisti di X-Men: L'inizio

Allo stesso tempo però, gli X-Men non sono solo la saga di Fenice Nera. Ci sono moltissime storie che meriterebbero di arrivare sul grande schermo tratte dalla lunga storia editoriale dei mutanti nei fumetti. Cicli narrativi che vanno oltre la leggendaria gestione di Chris Claremont, sia dopo di essa che prima, e che potrebbero essere una scelta migliore di un terzo tentativo di adattare la stessa avventura, per quanto il risultato possa finalmente essere all'altezza.

Soprattutto, molti commentatori hanno ipotizzato che un eventuale debutto dei mutanti nel MCU potrebbe non coinvolgere il nuovo gruppo di eroi degli anni '70, protagonista di gran parte della serie cinematografica, ma quello originale. Personaggi rilevanti come Angelo, Uomo Ghiaccio, Havok o Polaris, oltre che volti più noti come Ciclope o Bestia potrebbero guidare il ritorno degli X-Men. Le nuove origini sarebbero quindi più fedeli a quelle cartacee (fatta eccezione per qualche eventuale modifica minore) portando un po' di freschezza al franchise.

Dopotutto, uno dei maggiori ostacoli che dovranno affrontare i mutanti del MCU sarà riuscire a fare dimenticare la serie cinematografica del passato. Rilanciare personaggi con quasi vent'anni di storia (sebbene travagliata) non sarà semplice, tanto più se a breve distanza dall'ultima avventura sul grande schermo. Scegliendo un gruppo di eroi nuovo aiuterebbe a diluire il ricordo delle versioni precedenti nella mente degli appassionati e piano piano costruire un nuovo mito degli X-Men, in un processo che richiederà molto tempo. E un ragionamento simile si potrebbe fare per la saga di Fenice Nera: dato il risultato non eccezionale dell'ultimo adattamento, sarà necessario farlo dimenticare ai fan prima di riprovarci.

E il tempo è proprio la questione

Twentieth Century Fox/Marvel EntertainmentSophie Turner in X-Men: Dark Phoenix

Già, perché la grande difficoltà di ragionare sul futuro del MCU, in particolare sul lato mutante, è che si parla di progetti decisamente lontani nel tempo. L'introduzione degli X-Men nel franchise richiede tempo e attenzione e per ora non ci sono voci di piani specifici in merito. Guardando al calendario comunque un eventuale film non potrebbe uscire prima del 2023, per cui sono previsti quattro film Marvel non ancora svelati. Tuttavia, le ipotesi principali per quei titoli non coinvolgono gli X-Men, per cui realisticamente non li vedremo prima del 2024.

A quel punto ci sarà da vedere se il team protagonista sarà nuovamente quello di Wolverine, Tempesta, Nightcrawler e soci o se sarà quello degli anni '60 a cui accennavamo sopra. E nel caso i Marvel Studios optassero effettivamente per quest'ultimo potrebbero servire ancora diversi anni prima di ritrovarsi con un cast adatto a riproporre una versione fedele della saga di Fenice Nera, magari anche come grande crossover del franchise, sulla scia dei film di Avengers. Insomma, si potrebbe facilmente arrivare verso la fine degli anni '20, se non addirittura negli anni '30. Un orizzonte temporale che va ben oltre la già lunga programmazione del MCU, avventurandosi in periodo in cui l'universo cinematografico potrebbe essere già tramontato da tempo.

Insomma, ci sono sicuramente dei buoni motivi per volere un nuovo adattamento della saga di Fenice Nera, ma al momento è difficile immaginare che possa avvenire nel breve tempo. Nell'attesa comunque ci saranno tante altre avventure da seguire sul grande e piccolo schermo che sembrano pronte a esaltare ancora una volta gli appassionati. Forse quindi non c'è bisogno davvero di "svegliare la Fenice che dorme": meglio lasciarla riposare, dopo la sua vita cinematografica travagliata, e poi chissà, un giorno magari...

E tu cosa ne dici? Ti piacerebbe vedere la saga di Fenice Nera in un nuovo adattamento dei Marvel Studios?

Leggi anche

      Cerca