Fantastic 4 - I fantastici 4: Josh Trank voleva una Sue Storm nera (ma lo studio disse di no)

A che punto è la diversità a Hollywood? Josh Trank ha svelato che voleva una Sue Storm nera in Fantastic 4 - I fantastici 4, ma lo studio disse di no. E Michael B. Jordan ha chiesto maggiore attenzione e inclusività al mondo dello spettacolo.

20th Century Studios I protagonisti di Fantastic 4 - I fantastici 4

Dopo aver rivelato di avere temuto per la propria vita in seguito al casting di Michael B. Jordan e nei giorni in cui le proteste per la morte di George Floyd infiammano gli USA, Josh Trank ha raccontato un altro retroscena di Fantastic 4 - I fantastici quattro destinato a fare discutere.

In una video intervista con Geeks of Color, il regista ha dichiarato che il suo progetto originale era di portare sullo schermo una famiglia Storm di colore (dal minuto 55:25, nel video qui sotto). Ma lo studio - la 20th Century Fox, diventata 20th Century Studios in seguito all'acquisizione da parte di Disney - si è mostrato reticente:

Dietro le quinte ci sono state molte discussioni controverse. Ero interessato soprattutto a una Sue, a un Johnny e a un Franklin Storm di colore. Ma quando hai a che fare con uno studio per un film di simile portata, tutti vogliono restare aperti sulle possibili star da coinvolgere. 'Forse Margot Robbie'. E così via.

E di fronte alla proposta di una Sue Storm nera, il filmmaker si è trovato davanti un muro:

Quando siamo arrivati a questo punto, ho ricevuto dei rifiuti piuttosto netti al casting di un'attrice di colore per il ruolo.

La parte è andata poi a Kate Mara, mentre gli attori afroamericani Michael B. Jordan e Reg E. Cathey hanno avuto i ruoli di Johnny e Franklin Storm. E nonostante la bocciatura (parziale) della sua proposta, Josh Trank è rimasto al timone del film (uno dei cinecomic meno amati di sempre, per dirla tutta). Ma nell'intervista con Geeks of Color ha dichiarato che avrebbe dovuto lasciare la regia:

Quando ci ripenso, avrei dovuto semplicemente andarmene nel momento in cui ho realizzato [l'accaduto, n.d.r.]. E mi sento in imbarazzo per non averlo fatto, solo per principio. Perché non sono quelli i valori che fanno parte della mia vita. Non lo erano allora e non lo saranno mai. Perché sono una persona che dice di difendere sempre quello in cui crede, anche a costo della carriera. E mi fa stare male non averlo fatto. In questo senso, sento di aver fallito.

E mentre Josh Trank esprimeva il proprio rammarico per non essere stato coerente con i propri valori di diversità e inclusione, un'altra voce di peso si è levata dalle strade di Los Angeles. Come riporta Variety, l'interprete di Johnny Storm, Michael B. Jordan, ha rivolto un appello a Hollywood per investire sulle persone di colore.

L'attore ha detto di essere "orgoglioso" di esercitare l'inclusion rider, ovvero una clausola per cui il 50% del cast e della crew di un film devono essere composte di professionisti appartenenti a minoranze, e ha affermato di usare la propria influenza per una maggiore diversità nel mondo dello spettacolo. Ma ha aggiunto che non basta e che è tempo che gli studi, le agenzie e tutte le società collegate all'indotto facciano lo stesso:

Vi siete impegnati per la parità di genere al 50% nel 2020. Dov'è la sfida per assumere persone nere? Contenuti che raccontino la cultura e la società di colore, gestiti da dirigenti e consulenti neri. State tenendo sotto controllo anche lo storytelling che ci riguarda? Portiamo la nostra oscurità alla luce. Cultura nera: sneakers, sport, fumetti e tutte le cose che voi ragazzi amate. Affrontiamo la discriminazione da sempre. Potete aiutarmi a finanziare marchi, aziende, leader culturali e organizzazioni di colore?

Michael B. Jordan si è imposto all'attenzione della critica e del grande pubblico proprio con il ruolo di un giovane afroamericano ucciso dalla polizia nel film (basato su una storia vera) Prossima fermata Fruitvale Station. Più di recente, l'attore è stato il villain Erik Killmonger in Black Panther e il giovane avvocato Bryan Stevenson ne Il diritto di opporsi, due pellicole che in modo diverso esprimono il forte impegno della star per l'affermazione dei diritti degli afroamericani e di tutte le minoranze.

Senza dubbio la sua voce, insieme a quella di colleghi come John Boyega, è un grande megafono per il movimento Black Lives Matter.

Leggi anche

      Cerca