Il finale di Valeria e le possibilità sulla seconda stagione della serie Netflix

Il finale aperto della serie di Netflix Valeria spalanca le porte a una nuova stagione. Ma ne abbiamo davvero bisogno? Questa serie ha poco in comune con Sex and the City, se non il mood festaiolo.

Netflix Una scena di Valeria

Era stato presentato come il Sex and the City dei Millennials, ambientato in Spagna. Le quattro protagoniste sono amiche di Madrid che vivono esperienze sentimentali, sessuali e lavorative a cavallo della trentina.

In primo piano, la storia di Valeria, un’aspirante scrittrice sposata da quando aveva 22 anni, in crisi creativa (e coniugale), che si trova davanti al bivio della propria vita. Qual è la strada giusta da prendere? 

Valeria è una serie Netflix in otto episodi creata da María López Castaño e interpretata da Diana Gómez, Silma López, Paula Malia e Teresa Riott. La sceneggiatura è un adattamento dei romanzi di Elísabet Benavent.

Ma quale sarà il destino di Valeria? Vedremo una nuova stagione? 

Il finale di Valeria

Tutta la prima stagione di Valeria è focalizzata su una doppia crisi della protagonista, la 28enne Valeria: meglio provare a essere una scrittrice o trovare un lavoro sicuro? Meglio rimanere nel porto sicuro del proprio matrimonio o spostare i propri orizzonti?

Un’estate afosissima accompagna i dilemmi della protagonista, tra serate alcoliche, incontri inaspettati e delusioni dilanianti. Sembrerebbe proprio che Valeria abbia il blocco dello scrittore e  che la sua editrice non apprezzi gli sforzi della ragazza, che dopo tanti dubbi ha deciso di scrivere una novella erotica.

Valeria però ha un “fatal flow”, almeno secondo chi la conosce bene: comincia tante cose e non le finisce, si fa prendere dall’entusiasmo ma le manca la costanza.

NetflixUna scena tra Lola e Valeria in Valeria
Lola e Valeria discutono per Victor

Nel frattempo, proprio a causa del dilemma sulla scrittura, è in rotta con il marito Adri, un fotografo freelance che vorrebbe che lei si dedicasse a un’attività più sicura e remunerativa, come il lavoro al museo Reina Sofía che le è stato proposto.

Intanto però lei conosce Victor, un sexy architetto che comincia immediatamente a corteggiarla, gettandola nella confusione più totale.

Dopo mille dubbi, ripensamenti e cambi di rotta, Valeria si schiarisce le idee: tradisce suo marito prima con uno sconosciuto e poi con Victor, e apprende che anche Adri è pronto per la separazione. Va a vivere da sola in un nuovo appartamento e comincia a frequentare Victor, ormai follemente innamorato di lei.

Il finale, però, è aperto: dal punto di vista professionale, Valeria riceve finalmente le lodi che tanto aspettava, ma la casa editrice è disposta a pubblicare il suo romanzo solo con un altro nome, una firma maschile, più d’appeal per il pubblico di lettrici.

Valeria è sconcertata: quel romanzo ha distrutto il suo matrimonio e le è costato una fatica immensa, quella di spalancare la porta su se stessa e sulle proprie inquietudini. D’altro canto, accettare l’offerta significherebbe risolvere tutti i problemi economici, abbandonare il museo e vivere scrivendo.

Intanto Victor le chiede di salire su un treno e partire con lui, ma lei rifiuta. Ha appena cominciato a ritrovare se stessa e non se la sente di impegnarsi in una storia così delineata.

NetflixUna scena di Valeria
Adri, il marito di Valeria

Anche le sue amiche si trovano davanti a situazioni ambigue. Lola, l’amica del cuore, si era liberata di Sergio, l’uomo sposato di cui si era innamorata (non contraccambiata) e aveva rivisto sua madre dopo molto tempo. Alla fine, però, ha ripreso a vedere il suo amante per brevi incontri sessuali, gli stessi che la facevano soffrire. 

Carmen sembrava l’unica completamente realizzata del gruppo: aveva coronato la storia d’amore con il collega Borja e al lavoro andava tutto a gonfie vele, tanto da ricevere un’allettante proposta da un cliente, che aveva rifiutato per non staccarsi dal suo fidanzato, con cui ormai lavorava in team.

Peccato che, dopo il suo diniego, il manager si è rivolto proprio a Borja, che invece ha accettato immediatamente l’opportunità, abbandonando l’agenzia dove Carmen aveva deciso (proprio per lui) di restare.

Nerea ha trovato il coraggio di fare coming out, di lasciare il lavoro con i suoi genitori, di trasferirsi dalla periferia al centro di Madrid e infine di partire per un lungo viaggio con la sua nuova ragazza.

Materiale per nuove storyline ce n’è. Ma una seconda stagione di Valeria sarebbe opportuna?

Le reazioni alla prima stagione

La critica non ha osannato Valeria, che è molto lontana dai binari analitici, profondi (e, perché no, anche morali) di Sex and the City. 

Nella serie di fine anni '90 si parlava esplicitamente di sesso, e questo aveva fatto scalpore, ma tutto aveva un senso, una coesione perfetta, un'analisi femminile (e femminista), antropologica e sociale che lanciava la specificità delle protagoniste nelle storie degli episodi. In questo caso tutto questo sesso non ha un retroterra tematico così forte.

L’amicizia, che è il perno centrale della storica serie HBO e che accompagna in modo profondo le vicende di Carrie, Charlotte, Miranda e Samantha, non emerge allo stesso modo in Valeria, dove le ragazze sembrano troppo occupate a pensare a se stesse prima di preoccuparsi delle altre. 

La protagonista stessa, con le amiche, si comporta in modo strano. Non le ascolta, non chiede mai dei loro problemi, ma si limita a inviare loro lunghissime note vocali (oltre i dieci minuti, da denuncia!) in cui parla a ruota libera, per poi distrarsi e perdersi quando le incontra dal vivo.

Forse Valeria è più realistico di Sex and the City, che si muoveva su (meravigliosi) archetipi, e mostra spesso le protagoniste che si parlano sopra, che si lanciano piccole frecciate (o pugnalate alle spalle) e si disinteressano le une delle altre, ancorate al proprio egocentrismo.

NetflixUna scena di Valeria
Valeria torna a Valencia per pensare

Anche il percorso di “liberazione dalla falsità” di Valeria, che “mente a tutti, mente a se stessa” non è soddisfacente. Per smettere di fingere, Valeria inganna il marito, lo tradisce, e quindi si libera dall’inganno ingannando, dopo aver preso coscienza dei gravi e inconciliabili problemi con Adri.

Nella storia non c’è un antagonista e le ragioni di Adri appaiono decisamente condivisibili: come si può contestare un uomo che chiede alla moglie semplicemente di lavorare, e contribuire al bilancio familiare? Certo, non sostiene mai Valeria nella sua grande passione, la scrittura, ma solo perché ha un carattere molto concreto. E in una famiglia è normale anche sedersi a un tavolo e fare dei conti.

Il plus di Valeria è il mood: la serie riesce davvero a rendere l’anima festaiola e late night di Madrid e Malasaña, i suoi locali, le feste a tema, i bar e i bistrot dove si va a lavorare con il proprio Mac, gli appartamenti dei diversi quartieri, e il connotarsi della città sempre di più verso una dimensione europea, mantenendo però i propri tratti identitari.

NetflixUna scena di Valeria
L'incontro serale delle amiche in Valeria

Valeria: ci sarà una seconda stagione?

Nonostante le perplessità, sembrerebbe che una seconda stagione di Valeria sia già in cantiere. Dopo le prime voci, è arrivata l'indiscrezione da Bluper di El Español, che ha rivelato che Valeria starebbe già predisponendo il nuovo capitolo, la cui fase produttiva (le riprese vere e proprie) è stata rallentata per l’emergenza Covid-19.

Nessun annuncio ufficiale da parte di Netflix, per ora, ma sembrerebbe che nell’hub produttivo messo a punto a Madrid, sul piano lavori ci siano anche le riprese di questa serie al femminile.

Ma, nel caso, cosa succederà nella seconda stagione?

Stando al secondo romanzo della scrittrice, Valeria allo specchio, dovremmo ritrovare la protagonista di nuovo in crisi, per il dilemma lavorativo e per il delicato momento del divorzio da Adri. Victor sarà sempre presente, ma Valeria dovrà capire che direzione dare alla sua relazione con lui.

NetflixUna scena di Valeria
Valeria si fidanzerà con Victor?

Lola sarà in conflitto con se stessa per il rapporto con Sergio, mentre Carmen, che si troverà senza lavoro, dovrà misurarsi con la differenza tra lei e Borja, che non ha atteso neanche un secondo prima di accettare un nuovo lavoro. 

E Nerea? Anche lei si troverà di fronte a una scelta difficile.

Cosa ne pensate? Vi piacerebbe vedere di nuovo Valeria e le sue amiche in una seconda stagione?

Leggi anche

      Cerca