Da oggi possiamo giocare online ad Ammazza che Mazza, il videogioco più odiato da Bart Simpson

Ricordate il gioco che chiude l'episodio Marge non essere orgogliosa? L'improbabile simulatore di golf è ora a vostra disposizione...

Aaron Demeter Il videogame online Lee Carvallo's Putting Challenge

Ricordate l'episodio Marge non essere orgogliosa, l'11esimo della settima stagione dei Simpson? Bart vuole a tutti i costi per Natale il violentissimo videogioco Tempesta d'ossa ("Dite ai vostri genitori: comprami Tempesta d'ossa o vai all'inferno!", recita lo spot), ma non ha i soldi per comprarlo e allora decide di taccheggiarlo al supermercato. 

Quando l'ispettore Don Brodka (doppiato in originale da Lawrence Tierney) lo pizzica sul fatto, avverte Homer e Marge lasciando loro un messaggio in segreteria e soprattutto intima a Bart di non tornare più nel supermercato durante il periodo natalizio. 

La tradizionale foto di famiglia al Try-N-Save mette ovviamente nei guai Bart, costretto a confessare il furto ai genitori. Ma siamo a Natale e il lieto fine è dietro l'angolo: commossa dal comportamento riparatore del figlio, Marge gli regala un videogame. Non proprio "Bonestorm", ma l'improbabile simulatore di golf Ammazza che Mazza.

Incredibile ma vero: dopo decenni di spasmodica attesa, da oggi è possibile giocare online attraverso il browser a Lee Carvallo's Putting Challenge, questo il titolo originale di Ammazza che Mazza.

Il merito è di Bill Oakley, già autore e produttore esecutivo del cartoon di Matt Groening, che ha affidato al programmatore Aaron Demeter la realizzazione del videogame dei sogni, dal massimo della giocabilità e del level design.

Marge non essere orgogliosa – citato dal creatore di BoJack Horseman, Raphael Bob-Waksberg, come uno dei suoi episodi preferiti dei Simpson – è stato scritto da Mike Scully basandosi su un'esperienza traumatica che gli è accaduta in gioventù: quando sgraffignò in un discount di West Springfield, nel Massachusetts, e venne scoperto dalle guardie del market. 

"È fantastico essere pagato per rivivere gli orrori della tua vita", ha confessato con la consueta ironia a Variety. Se Tempesta d'ossa era ovviamente ispirato a Mortal Kombat, Ammazza che Mazza è una parodia di Lee Trevino's Fighting Golf, arcade del 1988 con il glorioso golfista messicano-statunitense degli anni Settanta e Ottanta. 

Lee Carvallo's Putting Challenge è disponibile a questo indirizzo e nel giro di poche ore ha già raggiunto numeri da capogiro, che hanno sorpreso lo stesso Demeter.

Digitato 787 per colpire? La palla è dentro! Il parcheggio… Vuoi giocare ancora?

Leggi anche

      Cerca