Gli Animorphs, i ragazzi mutaforma dei libri cult negli anni '90, avranno presto un loro film

Negli anni '90 hanno appassionato (e terrorizzato) un'intera generazione di lettori con le loro battaglie clandestine contro una misteriosa invasione aliena. Ora gli Animorphs si preparano a sbarcare al cinema.

Mondadori Una trasformazione da ragazzo a tigre sulla copertina di un libro della saga Animorphs

Gli alieni sono tra noi e nulla sarà come prima. Con un claim sinistro e le affascinanti trasformazioni fotografiche dei protagonisti umani in animali in copertina, gli Animorphs sono stati fedeli compagni di letture per un'intera generazione di ragazzi e adolescenti negli anni '90, secondi per fama solo alla loro controparte horror Piccoli Brividi. La serie, composta da ben 54 libri (i cui due finali inediti in Italia), è un piccolo classico della fantascienza per ragazzi. Cinque adolescenti statunitensi molto diversi tra loro per carattere, aspetto e passioni scoprono per caso un alieno atterrato poco al di fuori della loro cittadina. Prima di venire ucciso da una razza nemica, grazie a una tecnologia aliena avanzata la bizzarra creatura dona ai ragazzi il potere di trasformarsi in qualsiasi essere vivente con cui entrino in contatto, impossessandosi del suo DNA. 

Con l'avanzamento delle possibilità visive degli effetti speciali e la fame di franchise che capitalizzano sull'effetto nostalgia a Hollywood, non è una grande sorpresa che qualcuno abbia pensato di rispolverare la saga letteraria di K. A. Applegate, che presto diventerà un film. Ad annunciarlo è stata la storica casa editrice della serie, Scholastic, che ha stretto un accordo con Picturestart per portare i ragazzi mutaforma sul grande schermo.

Non è però il primo adattamento che la serie di libri conquista: già all'epoca della prima pubblicazione (durata dal 1996 al 2001) era stata realizzata una serie televisiva canadese

Dopo Piccoli Brividi, anche gli Animorphs sbarcano al cinema

Si conferma dunque l'interesse di Hollywood per le saghe letterarie cult degli anni '90 e la capacità di un grande editore come Scholastic di rinverdire le gemme del proprio catalogo. infatti la casa editrice canadese di libri per ragazzi ha già collaborato attivamente alla produzione dei due film (discretamente riusciti) che hanno portato su grande schermo i Piccoli Brividi. 

I piani per gli Animorphs sono ancora più ambiziosi: oltre al film in cantiere appena annunciato, Scholastic sta preparando una riedizione dei primi volumi della saga e una graphic novel basata su L'invasione, il romanzo introduttivo della serie. Come avvenuto per Piccoli Brividi, sarà interessante scoprire che tipologia di adattamento si sceglierà di realizzare. Nel caso dei libri di R. L. Stine sono stati realizzati film per un target giovane con una trama che mescolava vari personaggi cult dei romanzi e rendeva l'autore stesso un protagonista attivo della storia. 

MondadoriLe copertine di tre volumi italiani
Le iconiche copertine "mutaforma" contribuirono al successo della saga

L'invasione aliena alla base degli Animorphs ha dei contorni sinistri, così come la possibilità che i 5 ragazzi acquisiscono di trasformarsi temporaneamente in animali. L'invasione degli alieni Yerk è subdola perché silenziosa, strisciante. Gli umani assoggettati al potere degli alieni sono indistinguibili da quelli ancora liberi, il che rende i cinque giovani protagonisti una sorta di gruppo clandestino costretto continuamente a guardarsi le spalle. I libri colpirono l'immaginario dei giovani lettori dell'epoca anche per la loro componente zoologica. In ogni romanzo i protagonisti acquisivano il DNA di nuove specie animali e, trasformandosi in esse, si calavano nella mentalità di animali con istinti e schemi di comportamento molto differenti da quelli umani, con esiti spesso terrorizzanti. 

Non resta che attendere per scoprire che direzione prenderà il progetto o quale sarà il prossimo caposaldo letterario anni '90 a finire nelle mire di Hollywood. 

Leggi anche

      Cerca