Come finirà Dark? 7 teorie sui personaggi e la storia dell'ultima stagione

Netflix Jonas, Martha e Bartsoz in Dark

L'attesa è quasi finita. Il 27 giugno (il giorno dell'apocalisse), la terza e ultima stagione di Dark arriverà su Netflix. Cosa accadrà nei nuovi episodi? I fan hanno le loro teorie sul destino dei personaggi e la fine della storia...

Tic, toc. Il tempo scorre e l'uscita della terza e ultima stagione di Dark, il 27 giugno, si avvicina. Il trailer ufficiale e il recap della trilogia hanno fatto schizzare l'hype alle stelle (e anche oltre) e i fan non vedono l'ora di scoprire il destino di Jonas, Martha e compagnia.

Ma nell'attesa di conoscere il futuro (il passato, il presente e... la realtà) pensato da Baran bo Odar e Jantje Friese per i loro personaggi, gli appassionati della serie hanno tessuto i fili delle loro teorie. E se l'intreccio di Dark era complesso, così lo è diventato ancora di più. Perché nulla è certo e tutte le ipotesi sono possibili. Almeno, fino a che i nuovi episodi scioglieranno (forse) il groviglio inestricabile dell'albero genealogico e delle vicende di Winden.

Se avete voglia di partecipare al gioco di "quello che potrebbe accadere", qui trovate 7 teorie sui personaggi e la storia della stagione 3. Le avvertenze sono due, anzi tre. Sono solo speculazioni (non c'è niente di ufficiale), ci sono spoiler sulla stagione 1 e 2 e... è vivamente consigliato prendere appunti!

Il mondo alternativo è stato creato da Adam

Adam fa la sua comparsa nella stagione 2 di Dark e viene mostrato mentre interagisce con Jonas (e pochi altri personaggi) nel 1921 e nel 2019. Del resto delle sue azioni non si sa nulla, a parte che il suo obiettivo è creare un mondo libero da Dio e dal tempo. E se ci fosse riuscito nel corso dei numerosi viaggi che ha compiuto e che hanno consumato il suo corpo (come dice lui stesso)? In questo caso, la realtà alternativa esisterebbe già... fuori dal tempo. E la Martha che salva Jonas alla fine della stagione 2 potrebbe arrivare da lì.

D'altra parte, nel trailer di Dark 3 viene svelato che l'apocalisse avviene in entrambi i mondi. Dunque, Adam ha fallito nel suo piano? Oppure la realtà alternativa non è stata creata da lui? A seconda che sia corretta l'una o l'altra ipotesi, le conseguenze sembrano inevitabilmente differenti.

Martha è Eva

Il trailer della stagione 3 introduce un nuovo mondo che sembra a tutti gli effetti una versione speculare di quello che i fan conoscono (e che pare essere stata presente fin dall'inizio, come sembrano suggerire la sigla "simmetrica" e altri indizi disseminati negli episodi). E nel modo in cui nell'"originale" c'è (un) Adam, in quello alternativo pare possibile l'esistenza di (una) Eva.

La candidata più probabile è Martha, che nella realtà parallela sembra avere il ruolo di Jonas. Se così fosse, l'esistenza di un "primo uomo" e una "prima donna" potrebbe significare che Martha e Jonas sono all'origine del groviglio inestricabile dell'albero genealogico di Winden. Un groviglio fatto di paradossi non solo temporali, ma anche spaziali, che presuppone che i due mondi siano connessi in un modo che trascende la logica.

Non solo. L'esistenza di Martha/Eva apre a un altro interrogativo cruciale: è "cattiva" come la sua controparte nel mondo originale? Oppure rappresenta la luce, in opposizione all'oscurità di Adam? Inutile dire che le due ipotesi aprono a scenari molto diversi tra loro...

Noah è il figlio di Adam (ed Eva)

In Dark 2 è stato rivelato che Agnes e Noah sono fratelli. Ma chi sono i loro genitori? Nell'episodio 2x01, Principio e fine, l'uomo dall'identità (ancora) misteriosa che sta scavando il passaggio nelle grotte di Winden nel 1921 dice a Noah: "Chiedi ad Adam perché ti ha accolto. E chiedigli perché ti ha chiamato Noah".

La spiegazione potrebbe avere a che fare con la simbologia biblica che pervade tutta la serie e Noah potrebbe essere un giovane scelto da Adam per una qualche ragione specifica. Ma potrebbe anche implicare che Noah è il figlio di Adam. E se così fosse, le conseguenze sarebbero esplosive.

NetflixDark: poster
Jonas all'ingresso di Winden al centro di una realtà che si specchia in sé stessa

Poiché, a quanto pare, il cognome di Agnes da nubile è Nielsen (sembra poco probabile che la donna abbia tenuto quello dell'uomo dal quale è scappata), anche Noah è un Nielsen. Di conseguenza, Noah è il prozio di Ulrich, il pro-prozio di Mikkel, Martha e Magnus e il pro-pro-prozio di Jonas. Ma quest'ultimo sarebbe anche suo padre.

Inoltre, l'uomo è il padre di Charlotte, che ha avuto nel futuro dalla figlia della donna, Elizabeth. Di conseguenza, è anche il nonno di Franziska e della stessa Elizabeth. E se Tronte, che è figlio di sua sorella oltre che padre di Ulrich, dovesse essere anche il padre di Regina Tiedemann (in quanto frutto della relazione clandestina con Claudia), Noah sarebbe il prozio di Regina e il pro-prozio di Bartosz. Ovvero, avrebbe un legame con tutta la terza generazione di Winden, che a cascata deriverebbe per intero da Adam.

Ultimo ma non ultimo, se (come pare probabile) sua madre fosse Eva (la Martha alternativa), le implicazione genealogiche non solo diventerebbero ancora più intricate nel mondo originale, ma si estenderebbero anche alla realtà parallela. Con quali conseguenze, è tutto da capire. Anche se le probabilità che siano buone sembrano molto basse.

Alexander è il figlio di Jonas e Martha

Aleksander Köhler/Boris Niewald, diventato Aleksander Tiedemann in seguito al matrimonio con Regina, è un personaggio misterioso. Soprattutto, non è chiaro chi sia, da dove venga e perché sia finito a Winden. E poiché in Dark "tutto è collegato", una teoria sostiene che l'uomo sia figlio di Jonas/Adam e Martha alternativa/Eva. Se così fosse e fosse vera anche l'ipotesi per cui pure Noah e Agnes sono figli di Jonas/Adam e Martha alternativa/Eva, Aleksander sarebbe loro fratello e darebbe forma a nuove ramificazioni nell'albero genealogico di Winden

Ma qual è il fil rouge che lega Jonas/Adam, Martha alternativa/Eva e Aleksander? Secondo una teoria, la risposta è la pistola che il giovane nasconde nel bosco con il suo passaporto.

Hannah bambina ruba l'arma, che viene poi usata da Jonas adulto per costringere Martha a entrare nel bunker. In qualche modo, la pistola arriva nel 1921 ed è quella con la quale Noah cerca di uccidere Adam. Ma l'arma non funziona e permette ad Agnes di prenderla e di sparare al fratello. A quel punto, la pistola passa nelle mani di Adam, che la porta nel 2019 e la usa per uccidere Martha. Se tutto è un loop, l'ipotesi è che Adam l'abbia data al "figlio" (o quest'ultimo l'abbia presa) prima di mandarlo nel 1986. O prima che Aleksander ci finisse in qualche modo.

Non solo. Questa teoria sembrerebbe supportare un'altra per cui il giovane avrebbe un ruolo (consapevole o inconsapevole) nell'apocalisse. Secondo tale ipotesi, la calligrafia sulla lettera che Martha (alternativa?) invia a Jonas adulto è molto simile (per non dire uguale) a quella sulla missiva anonima che porta il detective Clausen a Winden. Se la calligrafia è un indizio, Martha/Eva potrebbe avere fatto in modo di innescare la serie di eventi che porta Clausen a fare spegnere la centrale nucleare e di fatto a scatenare l'apocalisse. Ma perché? Martha/Eva agisce in accordo con Jonas/Adam? Oppure persegue un obiettivo diverso?

Bartosz è l'uomo ucciso dal giovane Noah

All'inizio della stagione 2, il giovane Noah è impegnato nello scavo alle grotte di Winden con un uomo sconosciuto. L'identità del suo compagno non è (ancora) stata rivelata, ma una buona fetta di fan sembra d'accordo sul fatto che potrebbe essere Bartosz, per la somiglianza fisica tra i due. È probabile che la storia del giovane sia legata a quella di Magnus e Franziska. Tutti quanti hanno viaggiato nel tempo con Jonas adulto poco prima dell'apocalisse e i due amici fanno parte dei Sic Mundus nel 1921 (almeno, sicuramente Magnus). Ma non solo.

NetflixIl poster di Dark 3
Jonas e Martha (alternativa?) nel poster di Dark 3

Secondo un'altra teoria, Bartosz potrebbe essere il misterioso marito di Agnes. A sostenere l'ipotesi c'è una frase che pronuncia il giovane Noah: "Adam aveva ragione. Tu hai perso la fede".

Quando nel 1953 Doris Tiedemann chiede ad Agnes del marito, la donna dice che è morto e che "era un pastore che ha perso a fede". La descrizione sembra calzare a pennello per Bartosz. Ma se così fosse, si innescherebbe un altro cortocircuito genealogico e i legami tra gli abitanti di Winden diventerebbero ancora più inestricabili. Basti pensare che Bartosz diventerebbe il padre di Tronte, il nonno di Ulrich, il bisnonno di Magnus, Mikkel e della sua amata Martha. Oltre che il trisnonno di Jonas/Adam.

Hannah è la donna annegata nel lago

Dopo avere rubato la macchina del tempo a Jonas adulto, Hannah è andata nel 1954. La donna si è vendicata di Ulrich e sembra avere trovato l'opportunità di un nuovo inizio. La stagione 2 di Dark lascia intendere che potrebbe avere una relazione con Egon Tiedemann, ma è tutto da vedere. Di certo, nel trailer della stagione 3, qualcuno le regala una medaglietta che rappresenta il santo patrono dei viaggiatori (!), San Cristoforo. La stessa (a quanto pare) che Jonas e Martha trovano al lago il 20 giugno 2019. Secondo un'ipotesi piuttosto gettonata, Hannah potrebbe essere la donna annegata di cui parla Bartosz.

Se davvero è andata così, come ci è finita Hannah nel lago? È stata uccisa? E da chi? E soprattutto, prima di morire (se davvero è morta), cosa ha combinato? La possibilità che anche lei abbia contribuito a ingarbugliare l'albero genealogico di Winden è altissima...

Il significato e il destino di Winden

Anche se per strade e in modi diversi, tutte le teorie su Dark 3 sembrano convergere sul fatto che Winden è una somma di paradossi. Tutti gli abitanti sono legati tra loro in un ciclo infinito che collega passato, presente e futuro. E probabilmente anche un'altra realtà. Nel corso delle stagioni, viene ripetuto più di una volta che la città "è malata". E come sostengono parecchi fan, questo insieme di fattori sembra condurre a un'unica, possibile conclusione: Winden deve essere distrutta. O non deve esistere.

Ma in che modo? Nel trailer della stagione 3, Martha alternativa dice a Jonas: "Ti aiuterò a trovare l'origine. Quella cosa che dà inizio a tutto". Come osservano in molti, probabilmente la chiave consiste nel tirare il capo del filo che forma la matassa della storia della città. Tuttavia, il risultato è imperscrutabile. Se Winden viene distrutta o non esiste, quale sarà ed è la sorte dei suoi abitanti? La realtà si scomporrà in una serie di frammenti e tutto quello che è accaduto... non sarà mai accaduto? È sempre esistita un'altra realtà (diversa dalle due in gioco)? Del resto, un tema ricorrente è quello del "sacrificio". Tutto deve essere sacrificato perché ci sia un nuovo presente (passato e futuro) e un nuovo mondo?

Dark 3 darà (forse) una risposta. Ma intanto c'è anche chi pensa che la serie sia un'allegoria moderna del mito della creazione e Winden rappresenti il Giardino dell'Eden...

Fonti: Bustle, Scoop Whoop, Reddit

      Cerca