Il colore del crimine: trama e finale del film basato sul libro di Richard Price

Il colore del crimine (Freedomland) è un thriller del 2006 con Samuel L. Jakson e Julianne Moore basato sul best seller omonimo di Richard Price. Ecco la trama e il sorprendente finale della pellicola.

Interpretato da due attori brillanti del calibro di Samuel L. Jackson e Julianne Moore, Il colore del crimine (titolo originale Freedomland) è un film thriller del 2006 diretto da Joe Roth e basato sul romanzo best seller omonimo di Richard Price.

Nonostante un cast stellare e un cospicuo budget di produzione di ben 30 milioni di dollari, Il colore del crimine non ha però ottenuto un gran successo da un punto di vista commerciale, arrivando ad incassare soltanto poco più di 14 milioni di dollari a livello mondiale.

La pellicola si caratterizza per essere un godibile trhiller per gli amanti del genere.

Price, Richard Freedomland
Price, Richard

Freedomland

15,55 €

Il colore del crimine: la trama

La pellicola subito comincia in maniera molto intensa: la protagonista Brenda Martin (Julianne Moore) entra nel pronto soccorso della cittadina di Dempsy (un piccolo centro del New Jersey abitato prevalentemente da persone di colore) con le mani insanguinate e in apparente stato di shock. Sul posto viene inviato il detective della polizia Lorenzo Council (Samuel L. Jackson) che deve raccogliere le dichiarazioni di Brenda. La donna afferma che la sua auto è stata rubata con all'interno il figlio Cody, che si trovava sul sedile posteriore della vettura. La polizia così inizia freneticamente a cercare Cody.

Il fratello di Brenda, Danny (Ron Eldard), ufficiale di polizia in una città vicina di prevalente etnia bianca, convoca diversi poliziotti per cercare indizinel complesso di case popolari Armstrong, abitato principalmente da neri. Ciò fa arrabbiare i residenti che protestano per la loro innocenza e si sentono sopraffatti, ancora una volta, dal razzismo. Lorenzo, incaricato delle indagini, invece inizia a sospettare che Brenda gli stia nascondendo qualcosa e la spinge a rivelargli la verità.

Di contro, Brenda insiste sul fatto non sta mentendo e che non farebbe mai del male a suo figlio. Con l'aiuto di un disegnatore, Brenda fornisce alla polizia un'immagine dell'uomo che sostiene gli abbia rubato la macchina. I colleghi bianchi di Danny arrestano un uomo del complesso popolare che sembra corrispondere all'immagine e che finisce per essere picchiato dallo stesso Danny, zio del piccolo Cody.

Nel disperato tentativo di trovare il bambino, Lorenzo chiede l'aiuto di un gruppo di volontari che gli suggeriscono di cercare Freedomland, un orfanotrofio che si trova nelle vicinanze.

Il finale della pellicola: "La verità si nasconde dove nessuno osa guardare"

Sony Pictures Releasing/TMDBIl colore del crimine - scena film
Una scena del film con Julianne Moore

Mentre tutti cercano Cody, il leader del gruppo Karen Collucci (Edie Falco) parla con Brenda. Scopriamo che Karen aveva perso suo figlio anni prima e convince Brenda ad ammettere che anche il suo Cody è morto. Lorenzo capisce che Brenda non avrebbe potuto spostare le rocce da sola e così, sotto interrogatorio, la donna ammette finalmente la verità. Ha avuto una relazione con un uomo di nome Billy (Anthony Mackie) che viveva nel quartiere popolare.

Una sera, ha dato al suo Cody lo sciroppo per la tosse in modo da farlo addomentare e poter incontrare Billy. La notte in questione, una volta tornata a casa Brenda ha trovato Cody morto, dopo essersi resa conto che il bambino aveva ingerito l'intera bottiglia di sciroppo per la tosse e Billy l'ha, in seguito, aiutata a seppellire il suo corpo. Quando la polizia va ad arrestare Billy, gli agenti vengono affrontati dai residenti arrabbiati per le precedenti molestie infondate della polizia e scoppia una violenta rivolta.

La pellicola si chiude con Brenda che viene accusata di negligenza criminale, mentre Lorenzo le promette che andrà a farle visita in carcere.

Il colore del crimine non passerà di certo alla storia come il miglior thriller di sempre, ma risulta comunque un film piacevole e capace di indurre alla riflessione su temi importanti come il razzismo e i crimini verso i minori, che in questa storia finiscono con l'incrociarsi più volte.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca