9-1-1: episodio 3x16: paura della solitudine, privacy e sicurezza

Un grosso incendio, una donna sorda, un atto di coraggio... E l'incontro con un ex vigile del fuoco che sta per morire. Da solo. Ecco la recensione di 9-1-1, episodio 3x16.

Nel vivo dell’azione, subito. Ci precipita sul luogo di un terribile incendio, insieme ai vigili del fuoco della 118, con la squadra impegnata a recuperare i superstiti.

Un uomo quasi privo di conoscenza, Anton, chiede di salvare Gladys, che Buck (Oliver Stark) crede sia il suo gatto, mentre Maddy (Jennifer Love Hewitt) dal 9-1-1 avvisa la squadra del capitano Nash (Peter Krause) che Gladys è la moglie dell’uomo, e che non ha sentito le urla di Buck perché è sorda.

Insieme a Eddie (Ryan Guzman), Buck passa dal tetto del palazzo adiacente e si cala perpetrare fuori Gladys, con uno spettacolare salvataggio.

Qualcuno ha sbagliato

Nonostante le attenzioni di Hen (Aisha Hinds), che fa un quadro diagnostico preciso di Anton all’ospedale quando prendono in carico il paziente, Anton muore per un arresto cardiaco.

Convinta che sia stato per la mancata attenzione all’ipercalcemia che aveva segnalato, Hen non riesce più a fidarsi dei medici e sceglie di praticare interventi molti invasivi prima di arrivare in ospedale.

Nonostante la contrarietà di Chimney (Kenneth Choi), esegue un’operazione ad alto rischio, una toracotomia, in ambulanza e quando arriva in ospedale pretende di accompagnare il suo paziente fino alla sala operatoria.

Dopo aver parlato con un vigile del fuoco in pensione, Red (la guest star Jack McGee), Buck si spaventa all’idea di un futuro solitario ed è terrorizzato all’idea di perdere i contatti con la sua squadra. E Buck commetterà un errore, in buona fede…

Privacy e sicurezza 

Un uomo e suo figlio hanno un incidente con un monopattino per colpa di un drone, il cui proprietario viene arrestato.

La privacy e la sicurezza sono al centro di questo episodio, che ci racconta anche il commovente incontro fra Red e il suo perduto amore, che soffre di Alzheimer. Buck ha violato la privacy di Red a fin di bene, ma ha finito per causargli un forte dolore. Avrà modo di farsi perdonare quando Red, gravemente malato, lo chiama al suo capezzale.

Intanto Athena (Angela Bassett) scopre che il proprietario del drone lo usava per spiare delle donne: privacy e sicurezza diventano una cosa sola. Soprattutto quando scopre, insieme al detective Ransone (Sasha Roiz, l’ex capitano di Grimm), che l’uomo è uno stupratore seriale…

La sicurezza, invece, è protagonista assoluta dell’incidente avvenuto sul set di un programma di cucina.

Solo commozione, invece, per il momento in cui Buck organizza il rientro a casa di Red trasportato da un camion dei vigili del fuoco e omaggiato dai suoi compagni. Red ha esaudito il suo desiderio: è morto a casa sua. E non da solo. Buck era accanto a lui.

Hai sacrificato la vita per il tuo lavoro, dirti grazie era il minimo.

Perché nessuno dovrebbe morire solo...

      Cerca