La Conan Doyle Estate fa causa a Netflix per Enola Holmes

Prima ancora di essere rilasciato su Netflix, il film Enola Holmes dovrà risolvere una bega legale!

Netflix A destra Enola Holmes, insieme ad altri due personaggi del film

Secondo Conan Doyle Estate, il film di Netflix Enola Holmes violerebbe le leggi sul copyright.

Gli eredi del leggendario scrittore britannico Arthur Conan Doyle, vissuto dal 1859 al 1930, hanno quindi avviato una causa legale contro il colosso dello streaming americano, sostenendo che la rappresentazione - da parte di Netflix - del personaggio di Sherlock Holmes sia ancora protetta da copyright.

Tecnicamente, per la legge sul copyright degli Stati Uniti, i diritti di uno scritto e dei suoi personaggi di oltre 95 anni fa sono liberi.

Ma, secondo i legali della famiglia Conan Doyle, il personaggio di Sherlock Holmes (che apparirà nel film interpretato da Henry Cavill) di Netflix sarebbe cordiale e amichevole come lo è la sua controparte cartacea nelle ultime 10 storie scritte dal drammaturgo britannico e pubblicate tra il 1923 e il 1927.

Quindi, in teoria, ci sarebbe ancora una finestra di tempo che proteggerebbe sotto copyright il detective più famoso del mondo.

Il film di Netflix, però, è tecnicamente basato sulla serie di 6 romanzi dal titolo I misteri di Enola Holmes, scritti da Nancy Springer e pubblicati tra il 2006 e il 2010, e non direttamente sulle storie di Conan Doyle.

Ma anche su questo Conan Doyle Estate ha avuto qualcosa da ridire.

Brand: Puffin The Case of the Gypsy Goodbye: An Enola Holmes Mystery
Brand: Puffin

The Case of the Gypsy Goodbye: An Enola Holmes Mystery

7,29 €

Secondo gli eredi dello scrittore britannico, anche la rappresentazione di Sherlock Holmes fatta nei romanzi di Springer sarebbe sotto copyright, dato che il detective mostra sentimenti di amicizia e preoccupazione verso il dottor Watson e, come precedentemente riportato, questo tipo di carattere è stato mostrato solo nelle ultime 10 storie originali.

La storia però sembra comunque essere dalla parte di Netflix, dato che la casa editrice di Springer aveva già vinto una causa nel giugno del 2014, quando la Corte d'Appello ha affermato che il personaggio di Enola era di pubblico dominio, respingendo la volontà dei Conan Doyle di bloccare la distribuzione dei libri di storie basate sui misteri di Holmes.

Inoltre, lo stesso tipo di causa era stato intentato (e perso) nel 2015 dagli eredi di Conan Doyle contro la casa di produzione Miramax, che aveva portato al cinema il film Mr. Holmes con Ian McKellen.

Insomma, non dovrebbero esserci particolari problemi per il film Netflix, scritto da Jack Thorne e interpretato dalla giovane star di Stranger Things, la cui prima immagine ufficiale la si può vedere in testata a questo articolo.

Via Variety

Leggi anche

      Cerca