The Winds of Winter arriverà nel 2021 (forse): quanto sarà diverso da Game of Thrones?

Forse c'è una data per The Winds of Winter. George R.R. Martin ha detto che l'isolamento forzato lo ha aiutato a scrivere, che il libro fa continui progressi e spera che sia finito per il 2021. Ma quanto sarà diverso il romanzo (e il successivo) da GoT?

Sanna Pudas/CC BY 4.0 George R.R. Martin a un incontro con il pubblico

La pandemia di Covid-19 ha portato anche qualcosa di positivo? La notizia è da prendere con le molle, ma nelle scorse ore George R. R. Martin ha scritto sul suo Not a Blog che The Winds of Winter è a buon punto.

Certo, l'agognato penultimo libro delle Cronache del ghiaccio e del fuoco non "sarà finito domani o pubblicato la prossima settimana", come ha puntualizzato l'autore. Tuttavia, GRRM ha rivelato che l'isolamento forzato lo ha aiutato a scrivere e che spera che il romanzo sia pronto per il 2021. Ma quanto sarà diverso (se lo sarà) da Game of Thrones?

Le novità su The Winds of Winter

Non è la prima volta che Martin rassicura i (disperati) lettori sul suo impegno a concludere The Winds of Winter, ma le parole del suo ultimo post suonano più concrete del solito.

Lo scrittore ha scherzato sul fatto che ormai è chiuso in un rifugio in montagna da mesi e inizia ad avere la "smania di uscire", ma non ha intenzione di correre rischi e sta facendo tutto il possibile per un "giovanotto di 71 anni fuori forma" per restare in buona salute. E poi ha osservato che non tutto il male viene per nuocere (come si usa dire):

Se non altro, l'isolamento forzato mi ha aiutato a scrivere. Trascorro lunghe ore ogni giorno su The Winds of Winter e faccio continui progressi. Ieri ho finito un capitolo, un altro tre giorni fa e un altro ancora la scorsa settimana. Ma no, questo non significa che il libro sarà finito domani o pubblicato la prossima settimana. Sarà un libro enorme e ho ancora molta strada da fare.

GRRM ha detto che l'annullamento del CoNZealand e del suo viaggio a Wellington a causa del coronavirus gli ha spezzato il cuore, ma ha osservato che potrà sempre visitare la città nel 2021, quando spera che "il Covid-19 sia passato e The Winds of Winter sia finito". Certo, la sua agenda non si è svuotata del tutto e l'autore ha ancora diversi impegni "virtuali". Ma ha osservato che sono "molto meno dispendiosi in termini di tempo e distrazione":

Tra una registrazione e l'altra, torno a Westeros. Di recente, ho fatto visita a Cersei, Asha, Tyrion, Ser Barristan e Areo Hotah. Ritornerò a Braavos la prossima settimana. Ho delle brutte giornate, che mi deprimono, e delle belle giornate, che mi sollevano, ma tutto sommato sono contento di come stanno andando le cose.

Henry Söderlund/CC BY 4.0George R.R. Martin a un evento pubblico
L'isolamento forzato ha fatto bene a George R.R. Martin, che spera he The Winds of Winter sia finito nel 2021

Le differenze tra gli ultimi libri e Game of Thrones

Ma cosa devono aspettarsi i lettori da The Winds of Winter e poi da A Dream of Spring? Gli ultimi libri delle Cronache del ghiaccio e del fuoco (ri)percorreranno la strada tracciata da Game of Thrones o andranno per una nuova?

Nel corso del tempo, George R.R. Martin ha rimescolato più volte le carte. Ma oltre la cortina di fumo sollevata ad arte, quello che sembra emergere è che non ci saranno differenze sostanziali tra l'opera letteraria e televisiva. Anche se questo non significa che saranno uguali. Del resto, la serie ha (già) apportato diversi cambiamenti alla storia originale.

In una intervista a Rolling Stone precedente all'ultima stagione di GoT, lo scrittore ha rivelato che per la conclusione David Benioff e D.B. Weiss hanno lavorato su idee sue

I punti principale del finale saranno cose che ho detto loro 5 o 6 anni fa. Ma potrebbero esserci anche dei cambiamenti. E ci saranno della cose in più.

Qualche settimana dopo, GRRM è stato ospite della trasmissione 60 Minutes e ha parlato di nuovo dell'argomento con osservazioni più o meno simili (nel video qui sotto). L'autore ha dichiarato che per essere completamente fedele a The Winds of Winter e A Dream of Spring, Game of Thrones non avrebbe dovuto fermarsi alla stagione 8, ma proseguire per altre 5. Tuttavia, diversi "incontri per discutere della storia" con Benioff e Weiss nella sua casa in New Mexico hanno portato libri e serie a essere molto vicini:

Credo che il finale di David e Dan non sarà molto diverso dal mio, per via delle conversazioni che abbiamo avuto. Ma potrebbero esserci grandi differenze sui personaggi secondari. 

Dopo l'ultimo episodio di Game of Thrones, Martin ha pubblicato un post sul suo Not a Blog in cui ha di fatto ripetuto che romanzi e serie saranno simili nell'impianto generale, ma diversi negli aspetti secondari:

I libri finiranno come la serie? Saranno diversi? Beh... si. E no. E sì. E no. E sì. E no. E sì. Io lavoro su un mezzo molto diverso da quello di David e Dan, non va dimenticato. Per l'ultima stagione, loro hanno avuto a disposizione 6 ore. Mi aspetto che, tra l'uno e l'altro, [The Winds of Winter e A Dream of Spring, n.d.r.] arriveranno a 3mila pagine, prima che io abbia finito. E se saranno necessarie più pagine, capitoli e scene, li aggiungerò. 

Lo scrittore è sceso nei dettagli e ha anticipato che rivelerà il destino di molti personaggi mai apparsi o (già) morti in TV e... che ha in serbo delle novità inaspettate:

Ci sono personaggi che non sono mai arrivati sullo schermo o che sono morti in televisione e ancora vivi nei libri. Quindi, se non altro, i lettori scopriranno cosa è accaduto a Jeyne Poole, Lady Stoneheart, Penny e il suo maiale, Skahaz Shavepate, Arianne Martell, Darkstar, Victarion Greyjoy, Ser Garlan il Galante, Aegon VI e una miriade di altri personaggi grandi e piccoli che gli spettatori di Game of Thrones non hanno mai avuto la possibilità di conoscere. E sì, ci saranno degli unicorni... una specie.

GRRM è tornato un'altra volta sull'argomento qualche mese dopo il divisivo finale di GoT in un'intervista al giornale tedesco Welt (tradotta da un utente di Reddit e riportata da Watchers on the Wall).

Lo scrittore ha sottolineato che "le persone conoscono una fine, non la fine" e che i creatori della serie lo hanno "sorpreso". E all'ennesima domanda sulle eventuali differenze tra i libri e Game of Thrones (in particolare sul destino di Daenerys), ha risposto con quello che è diventato un suo cavallo di battaglia:

Quanti figli ha avuto Scarlett O'Hara? Nel romanzo di Margaret Mitchell, Via col vento, ha avuto tre figli. Nel film uno solo. Quale versione è quella valida? Quella con uno o quella con tre? La risposta è: nessuna della due. Perché Scarlett O'Hara non è mai esistita, è un personaggio di finzione, non una persona reale con dei figli veri. [...] Questo discorso vale per qualsiasi storia adattata per il cinema o la televisione. Nel processo, il cambiamento è inevitabile. Anche se l'adattamento è fedele al materiale letterario originale, come nel caso di Game of Thrones.

Il Corvo con Tre Occhi diceva: "Il passato è già scritto, l'inchiostro è asciutto". Ma in questo caso non sembra così.

Le novità sugli altri progetti

In questo momento, The Winds of Winter (e anche A Dream of Spring, sperano i fan) sembra la priorità di George R.R. Martin. Ma di certo, lo scrittore non ha abbandonato gli altri progetti in cui è coinvolto e che non è un segreto che l'hanno distratto parecchio negli ultimi anni. 

L'autore ha rivelato che i lavori per lo spin-off di Game of Thrones, House of the Dragon, procedono nonostante il coronavirus:

Hollywood ha rallentato a causa della pandemia, ma House of the Dragon sta ancora volando meravigliosamente grazie a Ryan Condal, al suo gruppo di autori e all'instancabile Ti Mikkel.

E ha dichiarato che il lavoro nel mondo dello spettacolo procede anche su altri fronti:

Nelle vesti di produttore, sono ancora coinvolto nel tentativo di portare sul piccolo schermo il brillante Who Fears Death di Nnedi Okorafor e di rilanciare Wild Cards. Ci sono in sviluppo film dalle mie opere Sandkings, The Ice Dragon e The Lost Lands, programmi televisivi basati sul lavoro di Roger Zelazny e Tony Hillerman e short movie segreti... ma se ne parlassi, non sarebbero più un segreto.

Insomma, la pandemia e l'isolamento forzato hanno costretto George R.R. Martin a rallentare. Ma la sensazione è che quando le cose torneranno alla normalità, i numerosi impegni dello scrittore lo risucchieranno di nuovo. E allora, i fan non possono fare altro che sperare che, prima che accada, abbia finito The Winds of Winter. Poi inizierà la nuova attesa per A Dream of Spring...

Photo cover credits: "File:George R.R. Martin, presenting award the Hugo Award Ceremony 2017, Worldcon in Helsinki.jpg" by Sanna Pudas is licensed under CC BY 4.0

Photo text credits:"File:George R.R. Martin at Archipelacon.jpg" by Henry Söderlund is licensed under CC BY 4.0

Leggi anche

      Cerca