9-1-1: Lone Star, il finale di stagione negli episodi 1x09 e 1x10

Nel finale di stagione, 9-1-1: Lone Star ci regala tante nuove emozioni. La famiglia è al centro della narrazione, sconvolta da inediti, strani fenomeni...

Nel 2001, in casa Strand, T.K. (Ronen Rubinstein) non faceva che sentire i suoi genitori litigare.

Sua madre perché il padre, il capitano Owen Strand (Rob Lowe), non c’era mai e non parlava che dell’11 settembre, e il padre perché la moglie non lo capiva.

T.K. era solo un bambino, ma forse aveva già deciso di seguire le orme di quell’uomo che lo trascurava per salvare delle vite.

Famiglia

La famiglia, in questo doppio finale di stagione, è al centro della narrazione.

La famiglia in cui si nasce, quella che si sceglie, quella che si trova sul lavoro.

Quando T.K. finalmente apre gli occhi, dopo la drammatica sequenza che potete vedere qui e che la settimana scorsa FOX non aveva mandato in onda, vede subito Zoe (Natalie Zea), che si presenta come la ragazza di Owen.

T.K. non ricorda nulla del ferimento, mentre Judd (Jim Parrack) cita l’incidente avvenuto a Los Angeles a Chimn nella serie originaria: 9-1-1. E subito dopo, va ad aiutare suo padre Stuart (la guest star Barry Corbin, The Closer, One Tree Hill). La famiglia, appunto.

Il parto imprevisto a una festa, padre e figlio che finiscono nei guai per esplorare il “corno del diavolo”,  Owen che si prende cura di suo figlio, il padre allarmato che chiama per il figlio che si è infilato una macchinina nel naso prontamente imitato dal padre, T.K. alla ricerca di un sostituto per fare compagnia al padre (e di qualcuno con cui parlare)…

Ce n’è per tutti, fino al momento in cui T.K. capisce che l’11 settembre ha condizionato anche le sue scelte, oltre a quelle del padre.

Strani eventi

Ma poi, qualcosa condizione l’intera città. Qualcosa di spaventoso… E pericoloso.

Qualsiasi apparecchiatura elettrica smette di rispondere ai comandi e si aziona automaticamente, causando gravi incidenti.

Si tratta della tempesta solare più forte nella storia della Terra.

La centrale del 911 è in preda al caos e la gente è in preda al delirio.

Il primo finale di stagione - la serie è già stata rinnovata per una seconda stagione - ci mette di fronte, come sempre, al fatto che la vita non sia scontata.

"Che brutta cosa la cirrosi… E non bevo neanche!"

"Cancro ai polmoni, e non fumo."

La tranquilla routine che ci costruiamo è un’illusione, e dobbiamo ricordarlo sempre.

A volte, però, gli imprevisti sono positivi: sì, Iris è viva. La ragazza nella tenda viola era lei, e ha salvato Michelle (Liv Tyler) dopo che era stata aggredita e derubata del furgone al campo dei senzatetto.

Vive lì da tempo, è gravemente malata e non ha bene idea di che cosa sia successo. Soprattutto, non ha intenzione di tornare alla sua vecchia vita.

Ma c’è qualcuno che ha addirittura più problemi di lei: Tom Scanlon (Jonathan Chase), in linea dalla stazione spaziale e investito dalle radiazioni. Per lui, Grace (Sierra Aylina McClain) non può fare altro che consentirgli di dire addio alla sua famiglia. Mentre T.K. riabbraccia la sua.

9-1-1: Lone Star ci ha regalato una prima stagione ricca di emozioni.

La serie è stata rinnovata per un secondo ciclo: appuntamento all'anno prossimo!

Leggi anche

      Cerca