Lost: Damon Lindelof immaginava la fine entro la terza stagione

ABC I protagonisti di Lost

Damon Lindelof ha parlato di Lost e di come la serie era pensata per durare solo tre stagioni.

Lost è sicuramente una delle serie più importanti degli ultimi 20 anni, nonché una di quelle in grado di cambiare per sempre la storia della televisione mondiale.

Colpi di scena, misteri e un gruppo di personaggi rimasti impressi nell'immaginario collettivo: era questa la formula che permise allo show ABC creato da J. J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber di fare breccia nel pubblico, per ben 6 stagioni (e un totale di 114 episodi) andate in onda dal 2004 al 2010.

Ora, in un'intervista a Collider, è proprio Lindelof a svelare alcuni retroscena sulla serie, specie quelli relativi al segreto della sua longevità e sul finale.

Cercherò di non essere troppo diplomatico, dandovi la risposta più accurata possibile basandomi su ciò che ricordo. Le prime discussioni sul finale della serie si ebbero già durante la scrittura dell'episodio pilota. Alcune delle domande che ci hanno posto ad ABC erano 'Quando saranno risolti tutti i misteri? Una volta risolti perché il pubblico dovrebbe continuare a guardare lo show?'.

Rispondemmo che 'Una volta risolti i misteri iniziali ne introdurremo di nuovi, a patto di trovare il giusto equilibrio, non si accavalleranno'. Penso proprio che ci siamo riusciti.

Sembra infatti che sia Lindelof che il team impegnato sulla stesura della storia abbiano avuto a che fare con una gestione non proprio ideale dei tempi narrativi, i quali portarono la serie ad allungarsi eccessivamente, passando da 3 a 6 stagioni.

Lost era una cosa del tipo 'Cosa c'è all'interno della botola, quali erano le origini del mostro, come si è ritrovato Locke su una sedia a rotelle, perché l'isola sembra spostarsi e che caratteristiche possiede, e chi sono gli Altri?'. Dovevamo rispondere a queste cose entro la fine della prima stagione e poi della seconda, la serie n pratica doveva concludersi dopo tre anni. Quello era l'obiettivo iniziale e non l'hanno nemmeno ascoltato.

Poco sotto, il video con il finale della terza stagione di Lost, così da rinfrescarci la memoria.

Lindelof venne quindi affiancato dal produttore e sceneggiatore Carlton Cuse, che - dopo il secco "no" da parte di ABC circa lo stop della serie dopo le prime stagioni - fecero salire a bordo anche gli autori Drew Goddard e Jeff Pinkner, reduci dal successo di Alias.

La terza stagione divenne realtà: ABC decise di dividere il tutto in due parti e alla fine capirono la nostra situazione. Noi volevamo solo dare il massimo per lo show, non volevamo boicottarlo. Iniziava però a essere molto difficile e frustrante far rimanere i personaggi sull'isola, i flashback non funzionavano più così tanto bene.

I dirigenti di ABC concordarono che lo show doveva finire in un certo qual modo e pensarono che 10 stagioni fossero il numero giusto: Lindelof e Cuse la presero quasi a ridere, riuscendo a negoziare alla fine per un totale di sei stagioni.

L'accordo era che saremmo arrivati ​​a sei stagioni, con meno episodi per darci più tempo per pianificare al meglio le cose. Ovviamente la quarta stagione è stata interrotta per via dello sciopero degli sceneggiatori scrittori, sebbene tutto il resto sia andato secondo i piani. Forse non tutto ciò che abbiamo fatto ha funzionato, ma il piano che ci è stato detto di seguire lo abbiamo seguito alla lettera.

Da tempo si vocifera circa un reboot della serie di Lost, magari ambientata nello stesso universo narrativo delle avventure vissute dai sopravvissuti del volo Oceanic 815. Al momento, né i creatori originali dello show, né i vertici di ABC sembrano essere interessati a un eventuale riavvio della serie cult che vedeva nel cast Matthew Fox, Jorge Garcia, Evangeline Lilly, Josh Holloway, Terry O'Quinn e Naveen Andrews. 

Ricordiamo che Damon Lindelof è anche autore di Watchmen, la miniserie televisiva HBO ispirata all'omonima opera a fumetti di Alan Moore e Dave Gibbons.

Fonte: Collider

Leggi anche

      NoSpoiler Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

      Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all'uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi . Potrai consultare le nostre Informativa privacy e Policy sui cookie aggiornate in qualsiasi momento.