Halle Berry rinuncia a un ruolo transgender dopo le proteste online

Di Bonaventura Pictures Halle Berry in Kidnap

In seguito a un'accesa protesta online, Halle Berry ha annunciato di aver rinunciato a interpretare un ruolo transgender. L'attrice si è schierata a sostegno della comunità LGBTQ+, riconoscendo di aver capito perché non sia adatta alla parte.

Non è la prima volta che la scelta di un'attrice cisgender - ossia una persona che identifica il proprio genere con il sesso biologico - per interpretare un personaggio transgender finisce nel mirino. Nel 2018, per esempio, Scarlett Johansson decise di rinunciare a un ruolo trans nel film Rub and Tug proprio in seguito alle polemiche scaturite in Rete: perché lei e non una persona trans? A distanza di qualche tempo, la stessa sorte è toccata a Halle Berry.

Come riporta Variety, alcuni giorni fa nel corso di un'intervista live su Instagram l'attrice aveva raccontato ai follower di non essere stata ancora ufficialmente scelta ma di essere in fase di preparazione per un ruolo transgender:

È un personaggio trans, una donna che è diventata uomo. Fa parte di un progetto che adorerei fare. Vorrei fare un tuffo profondo in quel mondo.

L'annuncio di Halle Berry ha fatto storcere il naso alla comunità LGBTQ+, specialmente a causa di alcune confusionarie sviste dell'attrice nel parlare del personaggio in questione: "Per me è così interessante esplorare chi fosse questa donna, probabilmente sarà il mio prossimo progetto", ha dichiarato parlando del ruolo al femminile.

In seguito alle polemiche, la Berry ha deciso di fare un passo indietro: ha annunciato di aver rinunciato alla parte e, soprattutto, di aver compreso per quale motivo fosse la scelta giusta. Ecco cosa ha dichiarato:

Durante il fine settimana ho avuto l'opportunità di discutere di un mio ruolo imminente come transgender e vorrei scusarmi per alcune mie osservazioni. Come donna cisgender, capisco che non avrei dovuto considerare quel ruolo e che la comunità transgender dovrebbe avere innegabilmente l'opportunità di raccontare le proprie storie.

Halle Berry ha aggiunto:

Sono grata per la conversazione critica e costruttiva che si è instaurata negli ultimi giorni e continuerò ad ascoltare, imparare e apprendere da questo errore. 

La questione ha attirato l'attenzione dell'account ufficiale di GLAAD, organizzazione attivista del movimento LGBTQ+, che ha ringraziato Halle Berry e invitato tutti a vedere il documentario Netflix Disclosure: Trans Lives on Screen, che tratta proprio il tema della rappresentazione a Hollywood delle persone transgender e delle loro storie.

"Altre persone potenti dovrebbero comportarsi come Halle Berry", si legge su Twitter.

Che ne pensate di questa polemica e della scelta dell'attrice di rinunciare al ruolo che tanto agognava?

Leggi anche

      Cerca