Serpentine, la nuova novella di Pullman, influenzerà la serie TV?

HBO/BBC Dafne Keen è Lyra Belacqua

Philip Pullman pubblicherà il racconto Serpentine, a lungo rimasto inedito e ambientato nell'universo di Queste oscure materie.

Philip Pullman è autore della trilogia fantasy Queste oscure materie, saga che ha dato vita a un adattamento cinematografico poco riuscito e a una nuova serie televisiva co-prodotta da HBO e BBC.

Nel 2017, Pullman ha rivisitato la storia e i personaggi in un nuovo romanzo, La belle sauvage, primo di una nuova trilogia dedicata a Lyra Belacqua, dal titolo Il libro della polvere.

Il primo volume della saga è ambientato dieci anni prima rispetto alle vicende de La bussola d'oro. The Secret Commonwealth, secondo volume della saga, e l'inedito terzo libro portano invece il lettore dieci anni avanti nel tempo rispetto agli avvenimenti de Il cannocchiale d'ambra.

A fare da anello di congiunzione tra Il cannocchiale d'ambra e The Secret Commonwealth ci pensa Serpentine, un racconto che per lungo tempo è rimasto inedito.

Serpentine, l'annuncio della pubblicazione

Scritto nel 2004 in occasione di un'asta benefica e mai dato alle stampe, Serpentine ci mostra una Lyra adolescente e in cerca di risposte. Il racconto, secondo lo scrittore della saga, è fondamentale per meglio comprendere il personaggio principale della storia.

Pullman ha spiegato:

Il libro della polvere e soprattutto gli eventi narrati in The Secret Commonwealth ci mostrano una Lyra che ha mutato il modo di percepire sé stessa e la sua relazione con Pantalaimon. Quando ho scritto Serpentine non avevo idea che avrei scritto un’altra trilogia con Lyra adulta, ma lei e il suo mondo proprio non volevano lasciarmi in pace. Quando si tratta di questioni umane, un miliardo di filamenti invisibili ci collega al nostro passato e a cose inimmaginabili. Per me, questi libri riguardano innanzitutto il significato dell’essere vivi e dell’essere umani.

Il libro verrà pubblicato in formato cartaceo eBook il 15 ottobre 2020. A bordo del progetto c'è già l'attrice premio Oscar Olivia Colman, che narrerà invece la versione audiolibro di Serpentine.

Il futuro di His Dark Materials in TV

Annunciata già nel 2015, la serie televisiva His Dark Materials, basata sui romanzi di Philip Pullman, ha fatto il suo debutto in televisione lo scorso novembre 2019.

Ancora prima della messa in onda degli otto episodi che compongono la prima stagione, BBC ne ha raddoppiato l'ordine, annunciando che la serie sarebbe tornata per una seconda annata e che avrebbe coperto gli eventi del secondo volume della trilogia, La lama sottile.

Il cast è così tornato presto sul set per girare gli otto episodi della stagione 2 in arrivo il prossimo autunno.

Gli ascolti della prima stagione sono stati talmente soddisfacenti che il presidente di HBO, Casey Bloys, ha spiegato a Deadline di essere molto contento dell'inaspettato risultato, perché His Dark Materials rappresenta uno dei pochi contenuti per famiglie presenti sul canale. Era perciò un azzardo per la rete, ma ha pagato molto bene. Ogni episodio è stato visto in media da cinque milioni di spettatori su HBO, mentre la premiere ha totalizzato più di sete milioni su BBC.

Con questi risultati, la terza stagione della serie, dedicata a Il cannocchiale d'ambra, sembra un certezza.

A tal proposito, Bloys ha aggiunto:

La seconda stagione arriverà presto e penso che, una volta che sarà in onda, parleremo della terza stagione. Ovviamente, dovremmo discuterne con BBC.

La serie è prodotta da Bad Wolf and New Line Production. La co-fondatrice di Bad Wolf, Jane Tranter, ha affermato di essere propensa a dividere le vicende narrate nel terzo volume in due stagioni, così da produrne quattro in totale.

La pubblicazione di Serpentine potrebbe ampliare ulteriormente il progetto. Se i risultati continueranno a essere positivi, la vicenda narrata in Serpentine potrebbe essere adattata in nuovi episodi, e chissà che la storia non continui in TV con la trasposizione de Il libro della polvere.

Intanto, qualche anticipazione sulla seconda stagione in arrivo ce la offrirà il virtuale San Diego Comic Con di quest'anno.

Il 22 luglio sarà presentato un panel cui parteciperanno i protagonisti dello show Dafne Keen, Ruth Wilson, Ariyon Bakare, Amir Wilson, Andrew Scott, Lin-Manuel Miranda e i produttori esecutivi Jane Tranter e Jack Thorne.

      Cerca