Dominion, la serie-sequel del film Legion che forse non conosci

Universal Cable Productions I protagonisti della serie TV Dominion

In un mondo dove gli angeli rappresentano forze ostili da cui difendersi, un ragazzo è destinato a redimere i peccati dell'umanità. Ecco i temi di maggiore interesse della serie TV che riprende le idee già viste nel film diretto da Scott Stewart.

Dominion, serie TV andata in onda tra il 2013 e il 2015, continuava idealmente la storia di Legion, film del 2010 diretto da Scott Stewart.

Uno show che non ha avuto particolare fortuna, vista la cancellazione avvenuta al termine della seconda stagione. In ogni caso, i motivi di interesse non mancano, specialmente per chi aveva apprezzato la pellicola con protagonisti, tra gli altri, Dennis Quaid, Kevin Durand e Adrianne Palicki.

Universal Cable ProductionsMichael, uno dei personaggi centrali di Dominion

In questo breve speciale verranno illustrati i temi principali della serie, a partire dal legame con il film originale, l’evoluzione di personaggi e storia.

 

Il finale di Legion e come si lega a Dominion

Per comprendere appieno la storia che sorregge Dominion, è necessario fare un passo indietro e tornare alla trama di Legion.

Nel film diretto da Scott Stewart, la cameriera Charlie (Adrianne Palicki), il meccanico Jeep (Lucas Black) e gli avventori della tavola calda Paradise Falls hanno a che fare con un bel problema: l’Apocalisse. A informarli del fatto è direttamente l’Arcangelo Michele (Paul Bettany), che spiega come Dio abbia perso fiducia nell’umanità, e abbia perciò deciso di mandare i propri angeli a eliminare uomini e donne per sempre dalla faccia della Terra.

A complicare ulteriormente le cose, c’è il fatto che il figlio atteso da Charlie è destinato a essere il nuovo Messia, e capace perciò di redimere l’umanità dai suoi peccati. Dopo la nascita del bambino, si assiste al tremendo scontro tra l’Arcangelo Michele e l’Arcangelo Gabriele (Kevin Durand), la mano sinistra di Dio, sceso sulla Terra per eliminare gli uomini una volta per tutte.

Lo scontro vede Michele avere la peggio, ma non per molto. Dio, infatti, provvede a resuscitarlo. Si arriva così a un secondo confronto, dove questa volta è Gabriele ad avere la peggio. Umiliato dal ritorno in vita di Michele, evento che certifica la seconda possibilità concessa da Dio agli uomini, Gabriele torna in Paradiso. Anche Michele lo segue, non prima però di aver rivelato a Jeep che sarà lui il protettore del Messia.

Nella scena finale del film, è possibile vedere proprio Jeep, Charlie e il suo bambino in viaggio su un fuoristrada carico di armi e munizioni.

Ed è da questa scena che Dominion, tre anni dopo l’uscita del film nelle sale, inizierà a raccontare la sua storia, mettendo al centro della trama proprio il figlio di Charlie, il nuovo Messia venuto per redimere l’umanità una seconda volta.

La storia raccontata dalle due stagioni della serie TV

Il mondo di Dominion risente delle conseguenze degli eventi raccontati in Legion. Ambientata 25 anni dopo il finale del film, la serie TV racconta di una umanità in preda a forze ultraterrene e minacciose.

Dio, infatti, è scomparso. In sua assenza, Gabriel (Carl Beukes) è determinato a portare a termine ciò che non gli era riuscito anni prima, ovvero sterminare la razza umana, forte di un’armata di angeli ed “8-ball”, umani posseduti.

Nel disperato tentativo di difendersi, gli uomini hanno costruito città fortezze. Tra queste c'è Vega, location principale della gran parte delle avventure narrate. Al fianco dell'umanità, come sempre, c’è Michael (Tom Wisdom), destinato a scontrarsi ancora una volta con Gabriel.

In tutto ciò, spicca la figura del sergente Alex Lannon (Christopher Egan). Non si tratta di un soldato qualsiasi, ma bensì del figlio di Charlie (Reine Swart), protagonista centrale di Legion. Come se non bastasse, nella prima puntata della serie il protagonista entra in contatto con Jeep (Langley Kirkwood), scomparso da anni. Durante il suo periodo di assenza, l’uomo aveva provato a decifrare i misteriosi tatuaggi apparsi sul suo corpo durante gli scontri tra Michele e Gabriele narrati in Legion.

Un 8-ball, però, uccide Jeep. Alla sua morte, i tatuaggi scompaiono per riapparire sul corpo di Alex. Il ragazzo, così, capisce di essere il Prescelto, l’unico in grado di far terminare la guerra, oltre che la figura principale del Saviorism, la religione praticata a Vega. Al suo fianco c’è Claire (Roxanne McKee), amante segreta ed erede al trono di Vega, occupato inizialmente dal generale Edward Riesen (Alan Dale). Nell'ombra, inoltre, il console David Whele (Anthony Head) cerca di ottenere sempre più potere.

Tra colpi di scena, tradimenti e rivelazioni, la prima stagione si chiude con Alex intento a entrare nell’antro di Gabriel, determinato ad affrontarlo una volta per tutte.

Nella seconda stagione, Alex riuscirà a riavvicinarsi a Noma (Kim Engelbrecht), amica e vecchia fiamma del protagonista. La ragazza non è altri che un angelo superiore che ha il compito di sorvegliare Alex. I due si avviano verso New Delphi, una misteriosa città, mentre Gabriel è sulle loro tracce. Gli episodi svelano un intreccio che si andrà a concludere quando un’armata di 8-ball minaccerà le mura di Vega.

Sarà ancora una volta il figlio di Charlie a dover rischiare in prima persona per salvare ciò che gli è più caro. In tutto questo, Michael e Gabriel combattono per una causa comune, Claire cerca di sfruttare appieno il suo nuovo ruolo di signora di Vega e i tremendi segreti nascosti da Noma vengono a galla.

Perché Dominion è stata cancellata

Nell’ottobre del 2015, Syfy ufficializzò la chiusura definitiva di Dominion. Così come si legge su un articolo dell’epoca di Variety, la ragione principale che decretò la fine dello show creato da Vaun Wilmott è da ricercare negli scarsi risultati di ascolto, specialmente nel segmento composto dal pubblico di 18-49 anni. Il calo di audience registrato tra la prima e la seconda stagione fu di quasi il 40%.

La parola fine fu scritta da un comunicato Syfy in cui era possibile leggere:

Guidati da Vaun Wilmott, il talentuoso cast, i produttori, gli sceneggiatori e tutta la troupe di Dominion hanno svolto un fantastico lavoro per portare in scena due stagioni di questa serie ambiziosa e dal taglio cinematografico. Desideriamo ringraziare loro e i nostri partner di produzione, Universal Cable Productions, Bold Films e Film Afrika.

Conoscevate la serie TV Dominion?

      Cerca