Agents of S.H.I.E.L.D. 7x08: Dopo, prima. La recensione dell’episodio

Fermare i salti temporali. Fare i conti col passato. Ritrovare un personaggio protagonista di una stagione passata: ecco l'episodio 7x08 di Agents of S.H.I.E.L.D.: Prima, dopo.

Dopo tutti i viaggi nel tempo, le immersioni nelle atmosfere del passato, Deke (Jeff Ward) e Mac (Henry Simmons) rimasti bloccati nel 1982 e un intero episodio dedicato a loro la settimana scorsa - non potevamo aspettarci nulla di diverso: l’altra faccia della medaglia.

L’altra versione della storia

Dal 21 gennaio del 1982 al 17 maggio del 1983, lo Zephyr ha fatto un salto avanti nel tempo senza che Jemma (Elizabeth Henstridge) riuscisse a impedirlo, così come il prossimo salto.

Un sovraccarico che non è causato dai Chronicom, né voluto da Fitz: avanti nel tempo, da maggio a settembre.

Yo-yo, ovvero Elena (Natalia Cordova-Buckley) e May (Ming-Na Wen) scendono dallo Zephyr per raggiungere Mac e Deke mentre Jemma resta a bordo e ritrova gli amici nell’ottobre del 1983.

Nel teaser di questo ottavo episodio dell’ultima, straordinaria stagione di Agents of S.H.I.E.L.D., abbiamo visto come sono stati vissuti i salti temporali a bordo dello Zephyr e la squadra è stata riunita.

E adesso?

Jiaying

Adesso mancano pochi minuti al collasso dello Zephyr: un salto dopo l’altro, si salta nel buio. Nemmeno Enoch (Joel Stoffer) può fare nulla, i fondamentali poteri di Elena non sono più tornati e Daisy (Chloe Bennet) è ancora debole dopo essere stata usata come cavia da Nathaniel Malick (Thomas E. Sullivan).

Coulson (Clark Gregg) sta per tornare in nuovo corpo, per l’ennesima volta, e la linea temporale potrebbe essere modificata: chi è nato dopo il 1983, ovvero Daisy, potrebbe non venire mai al mondo.

L’unico modo per assicurarsi che non succeda è andare nell’Aldilà, da Jiaying (Dichen Lachman), che i fan della serie ricordano fin troppo bene.

Una donna molto potente ma anche molto, molto pericolosa.

Il Divinatore mostra la vera natura di Elena e convince Jiaying ad aiutarla a recuperare i poteri.

Percependo l’empatia di May, dopo aver decretato psicologico il problema di Elena, Jiaying afferma che May potrebbe aiutarla.

Affrontare il passato

Così come May aiuta Elena a modo suo, facendole raccontare la tragica morte dello zio, Daisy aiuta Coulson a fare i conti con il proprio passato, un po’ come fa Jemma con l’agente Sousa (Enver Gjokaj).

Jiaying stava usando Elena: i poteri di Kora (Dianne Doan), la figli di Jiaying, sono fuori controllo e toglierle il suo dono potrebbe essere la chiave per salvare l’Aldilà. Per sua fortuna, May percepisce anche a distanza la sua paura, ma non abbastanza in fretta da precedere Nathaniel.

Com’è sempre stato, fin dal principio, tutto in Agents of S.H.I.E.L.D. riporta all’eterna lotta fra lo Shield e l’Hydra. Fra ordine e caos, fra luce e tentebre…

L’eterna lotta fra il bene e il male.

Leggi anche

      Cerca