Com'è nato l'iconico suono introduttivo di Netflix? Ecco la sua storia

Netflix Il logo di Netflix

Todd Yellin ha spiegato come è nata la scelta di usare l'ormai storico 'ta-dum' per le intro dei vari programmi presenti su Netflix.

È difficile che chiunque conosca Netflix anche solo di sfuggita non abbia mai ascoltato almeno una volta nella vita il caratteristico suono della intro di tutti i programmi disponibili sul catalogo streaming.

Concepito come un effetto audio facilmente riconoscibile, il cosiddetto "ta-dum" è diventato parte delle nostre vite di divoratori di serie TV, tanto che bastano pochi istanti per ricollegare quel suono al logo del colosso californiano fondato da Reed Hastings e Marc Randolph nel 1997.

Da dove nasce la scelta di quel determinato suono e come è stato concepito? La risposta è arrivata durante una puntata del podcast Twenty Thousand Hertz di Dallas Tyler, nel corso della quale Todd Yellin - responsabile della programmazione di Netflix - ha spiegato nel dettaglio le fasi di ricerca del suono da associare al logo della celebre piattaforma streaming. 

La storia mai raccontata dietro il logo audio più riconoscibile del mondo. E quella del secondo logo sonoro realizzato da Hans Zimmer, che potreste non aver mai sentito.

Tra le varie cose, Yellin ha lasciato intendere che il verso di una capra era il lizza per diventare l'audio ufficiale della compagnia:

Mi piaceva il suono di una capra. Era divertente. Era strano. Era la nostra versione di Leo il leone [il celebre logo di Metro-Goldwyn-Mayer, n.d.R.].

Lon Bender, sound designer e vincitore dell'Oscar per il miglior montaggio di effetti sonori per il suo lavoro su Braveheart, aiutò nella scelta del "ta-dum". Bender ha infatti spiegato che il suono è - letteralmente - quello della sua fede nuziale che urta contro un armadio di legno, a cui sono stati aggiunti il suono rallentato di un'incudine e quello di un accordo di chitarra elettrica alla rovescia.

Tanya Kumar, responsabile del brand design di Netflix, aveva sul tavolo tra le 20 e le 30 scelte, con l'unica certezza che il suono avrebbe dovuto essere qualcosa di davvero molto breve e singolare, facilmente identificabile dall'utenza (un po' come i fuochi di artificio del castello Disney o il "boing" della lampada di Pixar Animation Studios).

Il verso della capra, il suono di una bolla che risale dalle profondità dell’oceano e l'urto dell'anello arrivarono in finale, sebbene fu la figlia di Yellin (dell'età di appena 10 anni) a decretare il vincitore. 

Il resto è storia nota: il "ta-dum" sarebbe diventato il logo sonoro che Netflix avrebbe usato anche per le sue uscite al cinema, tanto che il celebre compositore Hans Zimmer (che ha lavorato con il colosso streaming per The Crown) ha creato una versione più lunga dell'intro audio, udita prima di The Irishman e Storia di un matrimonio.

A voi piace come scelta o avreste preferito un suono introduttivo diverso da quello optato da Netflix (magari proprio la capra)?

Fonte: EW

      Cerca