Vampire Diaries: perché la stagione 9 non è mai stata fatta?

The CW Il poster promozionale della sesta stagione di The Vampire Diaries

Ecco perché la nona stagione di The Vampire Diaries non è mai stata realizzata.

Con l'annuncio dell'ottava stagione di The Vampire Diaries nel 2016, ci si chiedeva quanto ancora la serie ci avrebbe tenuto compagnia.

Dopo l'addio di Nina Dobrev allo show dopo la sesta stagione, sembrava non esserci nessuna certezza. Il fulcro della storia era sempre stata Elena Gilbert, l'umana desiderata e amata dai fratelli vampiri Stefan e Damon Salvatore, e senza di lei lo show aveva perso il suo centro gravitazionale.

Eppure The Vampire Diaries ha continuato a essere un appuntamento fisso per altri due anni dopo la dipartita della sua protagonista.

Nonostante il fatto che Julie Plec e il suo team di scrittori siano riusciti a creare trame più o meno interessanti anche nelle stagioni 7 e 8 dello show, è difficile pensare che The Vampire Diaries sarebbe riuscito a sopravvivere anche solo per un altro anno in TV. Una delle ragioni è da rintracciare nella perdita di interesse degli attori protagonisti. Dopo l'uscita di Nina Dobrev, infatti, anche altri membri del cast hanno lasciato intendere di non essere interessati a continuare a lavorare allo show di CW.

L'abbandono di Nina Dobrev e le dichiarazioni del resto del cast

Quando Nina Dobrev ha lasciato The Vampire Diaries ha spiegato molto chiaramente la ragione che l'ha portata a compiere questa scelta. L'attrice ha dichiarato di voler espandere i propri orizzonti e di essere pronta a prendere una strada diversa, che la portasse a ricoprire ruoli più adulti.

Ho sempre voluto correre grandi rischi. Ho iniziato a recitare in The Vampire Diaries quando avevo 20 anni e interpretavo una ragazza adolescente. Ho anche interpretato Katherine, una donna furba come una volpe, pazza e manipolatrice. Poi sono cresciuta e mentre recitavo in TVD ho scoperto una parte di me che non conoscevo. Sono cresciuta insieme alla serie, ma volevo continuare a crescere al di fuori di essa.

Nina è stata solo la prima ad abbandonare la nave, perché dopo l'ottava stagione anche altri attori si erano detti restii all'idea di tornare sul set della serie vampiresca creata da Kevin Williamson e Julie Plec.

Già prima che il cast si mettesse al lavoro per la stagione 8, che ancora non era stata annunciata come quella conclusiva, Kat Graham, interprete della strega Bonnie Bennet, aveva anticipato la sua intenzione di smettere i panni dell'amato personaggio.

Intervistata da Us Weekly, ha detto:

L'ottava stagione sarà l'ultima per me. Spero solo che, qualunque cosa farò dopo, avrò la stessa crew accanto. Sarà dura lasciar andare la troupe.

Ian Somerhalder, invece, già prima che l'ottava stagione fosse annunciata come ultima, dava per scontato che la serie si sarebbe conclusa quell'anno.

Le sue parole alla WalkerStalkerCon di Nashville sono state: “Abbiamo deciso di fare un'ultima stagione per rendere giustizia alla storia”.

Julie Plec, interrogata sulla questione, ha risposto:

Sarò sincera: ero così felice del rinnovo per la stagione 8 che la sola idea della nona mi sembra lontanissima, non ho nemmeno iniziato a pensarci. Ogni volta che dobbiamo iniziare una nuova stagione pensiamo: 'Non c'è più nulla da raccontare. Abbiamo esaurito le idee'. Poi iniziamo a discuterne e ci rendiamo conto che abbiamo ancora tanto da dire. Una volta che inizieremo a lavorare alla stagione 8 avremo un quadro più preciso di quello che vogliamo fare con questo mondo e coi suoi personaggi. Cosa c'è ancora da dire? Se riterremo di poter andare avanti, lo faremo, se invece ci renderemo conto che non c'è nient'altro da fare ci fermeremo. Non lo sapremo finché non inizieremo davvero a discuterne.

Sembra che le ragioni per cui non è mai stata prodotta una nona stagione di The Vampire Diaries siano principalmente due: da una parte l'indisponibilità del cast, dall'altra la mancanza di idee nuove da sviluppare.

Ma cosa sarebbe successo se le cose fossero andate diversamente?

I piani per la nona stagione

Dopo aver lasciato la serie nelle sagge mani della collega Julie Plec alla fine della seconda stagione, Kevin Williamson è tornato a scrivere due episodi della stagione finale, il primo e l'ultimo.

Era inevitabile che entrambi gli showrunner si lasciassero andare a qualche dichiarazione dopo la conclusione di The Vampire Diaries. Nelle loro parole, era chiara l'intenzione di rimettere in campo il triangolo tra Stefan, Elena e Damon.

La sfida sarebbe consistita nel vedere se saremmo stati capaci di riportare in vita il triangolo amoroso prima della conclusione della serie.

Possiamo solo immaginare che a grandi linee, se ci fosse stata una nona stagione con il cast al completo disponibile a tornare sul set, le vicende sentimentali dei protagonisti avrebbero subito un'ulteriore e inaspettata svolta.

I piani originali prevedevano che la serie terminasse con la morte di entrambi i fratelli Salvatore, Damon e Stefan, che si sarebbero dovuti sacrificare per salvare la donna che entrambi amavano.

L'uscita di scena di Nina Dobrev, in un momento in cui Elena era follemente innamorata di Damon, non ha permesso lo sviluppo del progetto iniziale.

Da allora, chiunque fosse stato coinvolto nello show si è dedicato ad altro, autori in primis. Kevin Williamson ha creato la serie Tell Me a Story, conclusasi dopo sole due stagioni, che ha per protagonisti due attori già visti proprio nell'universo di The Vampire Diaries, Paul Wesley e Danielle Campbell.

Per quanto riguarda Julie Plec, invece, è attualmente al lavoro su due serie: Roswell, New Mexico, reboot della Roswell del 1999, e Legacies, spin off di The Vampire Diaries e The Originals.

The Vampire Diaries potrà anche essere giusto a termine, ma la sua eredità resiste con Legacies e con i suoi fan, che ancora sperano di poter rivedere i loro beniamini sullo schermo.

      Cerca