Arriva la conferma: The Batman non fa parte dell'universo di Justice League (e degli altri cinecomic DC)

Warner Bros. / DC Il logo di The Batman, cinecomic del 2021

Il Pipistrello Incappucciato di Robert Pattinson non andrà a caccia di criminali nella stessa Gotham di Batman v. Superman. Come per Joker, Warner Bros. ha deciso per una realtà cinematografica diversa da quella di Wonder Woman e soci.

C'è chi resterà deluso e chi, al contrario, tirerà un sospiro di sollievo. Dopo il passaggio del testimone - idealmente consegnato da Ben Affleck a Robert Pattinson - in molti sarà sorto un dubbio che solo in occasione del DC FanDome 2020 è stato ufficialmente sciolto: The Batman non è collegato a Justice League, sfortunato cinecomic corale basato sul supergruppo DC.

Se paragonato al Marvel Cinematic Universe, che tra i suoi capitoli vanta la pellicola dei record Avengers: Endgame, il DC Extended Universe targato Warner Bros. ha avuto fino ad oggi vita difficile. Ambiziosi crossover come Batman v. Superman: Dawn of Justice, Suicide Squad e Justice League hanno attirato pesanti critiche. Destino completamente diverso invece per Joker, che - libero dalle catene del DCEU - ha conquistato fan e stampa. Non a caso la pellicola del 2019 con Joaquin Phoenix ha raccolto numerosi premi, tra cui due Premi Oscar (Miglior attore e migliore colonna sonora), due Golden Globe e il Leone d'oro al miglior film alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Per The Batman, il cui primo teaser trailer è stato mostrato proprio alla convention digitale citata in apertura, Warner Bros. ha optato per la medesima strategia, quella di un film estraneo al gruppo delle precedenti produzioni supereroiristiche. Il vigilante di Gotham con il volto di Pattinson appartiene dunque ad una realtà diversa da quella di Wonder Woman, Aquaman, Cyborg e via dicendo.

A fare chiarezza ci ha pensato Walter Hamada, noto produttore oggi presidente della DC Films. Così al DC FanDome:

Stiamo cercando di lasciare le cose semplici, come se ci fosse la Terra di Justice League e poi un'altra Terra, quella di The Batman. Poi c'è il caso di Joker, che non esiste in nessuna delle due terre che ho citato. Ma non è assolutamente un problema, fa tutto parte del multiverso.

Poi il riferimento alla vociferata nuova serie televisiva per HBO Max ambientata nella stessa Gotham del cinecomic in questione:

Il regista Matt Reeves può continuare a costruire la sua Gotham, e ha grandi progetti per farlo in modo innovativo. C'è l'idea di ambientare un nuovo show televisivo in questa Gotham, ed è una cosa che si può fare perché non c'è da preoccuparsi dell'impatto su Aquaman 2 o The Flash.

Warner Bros. riuscirà a superare l'ostacolo della confusione (tra il pubblico) avendo tra le mani più franchise con rispettive storyline, per di più tutti esistenti in parallelo?

Che il gigante statunitense abbia avuto qualche problema nella gestione del singolo universo condiviso è sotto gli occhi di tutti, quindi quella di slegare alcune future produzioni - sull'esempio di Joker - è oggi una decisione più che sensata.

      Cerca