Jon Favreau spiega perché Baby Yoda non ha legami con Yoda

The Child della serie TV The Mandalorian e il Maestro Jedi della saga di Star Wars non hanno legami, rivela Favreau: almeno per adesso...

Disney / Lucasfilm The Child in una scena della serie TV The Mandalorian

Baby Yoda e Yoda non sono la stessa creatura né hanno alcun tipo di legame. Lo hanno capito in tanti, fan di The Mandalorian e della saga di Star Wars, ma lo ha ribadito una volta per tutte Jon Favreau, il creatore della serie TV che ha reso il personaggio verde dalla testolina rugosa una vera star, sui social e nel cuore degli spettatori.

Intervistato sul red carpet dei Golden Globes da USA Today, Favreau ha spiegato che la timeline di The Mandalorian si colloca dopo Il ritorno dello Jedi.

I fan della trilogia originale ricorderanno che Yoda non solo muore, ma di fatto sparisce. Quindi Yoda esiste come Fantasma di Forza.

LucasfilmYoda in una scena del film Il ritorno dello Jedi

Se ci sarà un legame con The Child nella seconda stagione dello show, Favreau non ha voluto ammetterlo.

Adesso mi chiedete di fare degli spoiler su questo argomento. Non ve lo dirò, ma ci sono un sacco di teorie in merito.

Vuole dire che il Maestro Jedi potrebbe apparire in The Mandalorian? Bisognerà attendere i nuovi episodi per scoprirlo. Per adesso, Favreau si è limitato a commentare l'entusiasmo con il quale è stato accolto Baby Yoda, anche se questo nome non è proprio quello corretto.

La specie a cui appartiene Yoda non ha un nome. È il modo più breve, semplice e facile per identificare il personaggio con un hashtag. Nella serie è chiamato The Child. Ma il suo vero nome non è Baby Yoda: per adesso quello vero lo sappiamo soltanto io, la crew e Lucasfilm.

Sulla bambola del personaggio e il merchandising, il regista ha lodato la collaborazione ottenuta dai vertici Disney.

Disney è stata davvero gentile da tenere il segreto sui design di Baby Yoda, per questo non c'erano giocattoli immediatamente disponibili. Tuttavia, ci sono magliette e altri oggetti carini che ora sono disponibili. Quindi è stata un'esperienza meravigliosa a tutto tondo.

Il segreto del nome è stato custodito al meglio da Taika Waititi, il regista e attore neozelandese che ha prestato la propria voce (nella versione originale) al droide IG-11 e ha diretto Redemption, l'ottavo e ultimo Capitolo della prima stagione.

Sempre sul tappeto rosso dei Globes, Waititi è stato intercettato da Kyle Buchanan, reporter del New York Times, il quale gli ha chiesto di Next Goal Wins, film calcistico che sta realizzando con Michael Fassbender protagonista, e appunto del vero nome di "Yodino".

La risposta di Taika è stata perentoria: lui sa come si chiama ma non può ancora rivelarlo.

Non si chiama Baby Yoda! Aspetterò che lo dica Favreau.

Vi ricordiamo che Disney+ arriverà in Italia a marzo 2020. È già possibile iscriversi al sito ufficiale per rimanere aggiornati con le ultime novità sul nuovo servizio streaming.

Leggi anche

      Cerca