The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca, la storia vera dietro al film

Videa CDE/The Weinstein Company Forest Whitaker è Cecil Gaines in The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca racconta la vicenda di Eugene Allen, che da semplice garzone di cucina è diventato un punto di riferimento per 7 presidenti USA. Tra realtà e finzione, qual è la storia vera dietro al film?

Per 34 anni, Eugene Allen ha lavorato nel personale di servizio alla Casa Bianca. Da semplice garzone di cucina a maître d'hôtel (il ruolo gerarchico più alto), ha attraversato la storia degli Stati Uniti d'America servendo 7 presidenti.

Nel 2008, poco prima dell'elezione di Barack Obama, la sua vicenda è stata raccontata dal Washington Post nell'articolo A Butler Well Served by This Election e nel 2013 è diventata un film, The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca, diretto da Lee Daniels e interpretato da Forest Whitaker. Ma nel passaggio sul grande schermo, diverse cose sono cambiate. A partire dal nome del protagonista, che è stato modificato in Cecil Gaines.

Come hanno spiegato il regista e lo sceneggiatore, Danny Strong, la scelta è stata dettata dalla volontà di raccontare non (solo) la vicenda di una singola persona, ma una serie di eventi cruciali per la comunità afroamericana e gli USA e l'esperienza di tutti i lavoratori della Casa Bianca.

E allora, dove finisce la realtà e inizia la finzione? 

La trama di The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

Georgia, 1926. Il piccolo Cecil Gaines lavora con i genitori in una piantagione di cotone. Dopo avere assistito allo stupro della madre e all'uccisione del padre da parte del padrone, il ragazzino diventa il protégé dall'anziana tenutaria, che inizia ad addestrarlo come "negro di casa". Diventato adulto, Cecil lascia la piantagione e dopo avere vagabondato a lungo viene assunto come cameriere e barman in un locale esclusivo per bianchi.

Il giovane matura sempre maggiore esperienza professionale e il suo superiore lo raccomanda per un ruolo di responsabilità presso un hotel di lusso a Washington. Nella capitale, Cecil trova l'amore e ottiene il suo più importante avanzamento di carriera, venendo chiamato a lavorare come maggiordomo alla Casa Bianca. L'uomo inizia a prestare servizio sotto Dwight D. Eisenhower e successivamente serve John Fitzgerald Kennedy, Lyndon B. Johnson, Richard Nixon, Gerald Ford, Jimmy Carter e Ronald Reagan.

Nel corso della sua lunga carriera, Cecil assiste da una posizione unica ai conflitti, alle battaglie e ai grandi cambiamenti che scuotono gli USA, mentre il figlio più grande, Louis, diventa un militante della battaglia per i diritti degli afroamericani e il più giovane, Charlie, sceglie di combattere in Vietnam e non fa più ritorno.

Dopo avere servito per 34 anni e avere ottenuto la parità per lo "staff di colore", l'uomo si congeda dal suo ultimo datore di lavoro, Ronald Reagan, e si riconcilia con Louis, che ha abbandonato l'estremismo e ha scelto di combattere per la causa della sua gente come politico e attivista.

Insieme alla moglie, Gloria, Cecil partecipa con grande emozione e trasporto alla campagna elettorale di Barack Obama. Tuttavia, non riesce a festeggiare con la compagna di tutta una vita la nomina del primo presidente USA afroamericano, perché la donna muore poco prima. 

L'uomo torna alla Casa Bianca un'ultima volta non come maggiordomo, ma come ospite proprio di Barack Obama, "ansioso" di conoscerlo di persona.

La storia vera di Eugene Allen

L'approccio e l'impostazione scelti da Lee Daniels e Danny Strong per The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca hanno trasformato la vicenda di Eugene Allen in una sorta di fil rouge per raccontare alcuni dei momenti più importanti della storia americana recente e hanno finito per modificarla in più punti. Ed è (anche) per questa ragione che il nome dell'uomo è stato cambiato:

Mentre The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca rappresenta eventi storici, il protagonista e la sua famiglia sono romanzati. Abbiamo potuto prendere in prestito alcuni straordinari momenti della vita reale di Eugene per inserirli nel film.

Le differenze iniziano fin da subito, in quanto Eugene Allen è nato nel 1919 in una piantagione di cotone in Virginia e non in Georgia. Per quanto riguarda i genitori, non ci sono riscontri sul fatto che la madre abbia subito violenza e il padre sia stato ucciso dal proprietario della tenuta.

Diversamente dal film, Eugene e la sua futura moglie, che nella realtà si chiama Helene e non Gloria, si sono incontrati a una festa di compleanno a Washington e non sul lavoro. E poiché Eugene non ha osato chiederle il numero di telefono, Helene lo ha seguito fino a dove abitava. I due si sono sposati dopo un anno e hanno avuto un solo figlio, Charles. Il giovane ha realmente prestato in servizio in Vietnam, ma non è caduto sul campo. Tornato a casa, è diventato un investigatore del Dipartimento di Stato.

Videa CDE/The Weinstein CompanyThe Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca: Gloria e Cecil Gaines
Oprah Winfrey e Forest Whitaker sono Gloria e Cecil Gaines in The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

Un altro significativo cambiamento tra realtà e finzione riguarda il modo in cui Eugene è arrivato a lavorare alla Casa Bianca. L'uomo è stato assunto nel 1952, dopo che una signora che conosceva gli ha detto che c'era una posizione aperta. Eugene ha fatto un colloquio con il maître d'hôtel Alonzo Fields, che lo ha subito apprezzato. Il suo primo incarico è stato quello di garzone di cucina e successivamente è diventato valletto, poi maggiordomo personale del presidente e infine maître d'hôtel (durante l'amministrazione Reagan). In merito all'episodio che ha cambiato la sua vita, l'uomo ha dichiarato al Washington Post:

Non stavo nemmeno cercando un lavoro. Ero felice dov'ero, ma [una signora che conoscevo, n.d.r.] mi ha detto di andare e di parlare con un certo Alonzo Fields.

Videa CDE/The Weinstein CompanyThe Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca: Cecil Gaines e Dwight D. Eisenhower
Forest Whitaker e Robin Williams sono Cecil Gaines e Dwight D. Eisenhower in The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

Eugene ha prestato servizio per 34 anni e come nel film ha ottenuto la fiducia, la stima e l'affetto dei presidenti per i quali ha lavorato. Ha volato sull'Air Force One con Richard Nixon, ha trascorso un periodo nella residenza estiva di Camp David con Jimmy Carter e ha avuto un rapporto speciale con John Fitzgerald Kennedy e Ronald Reagan.

Quando JFK è stato assassinato, ha ricevuto un invito personale a partecipare al funerale, ma lo ha declinato per rendere omaggio alla memoria del presidente in altro modo:

Qualcuno doveva restare alla Casa Bianca per organizzare e gestire il servizio dopo il funerale.

E Jackie Kennedy gli ha realmente regalato una delle cravatte del marito come ricordo.

Allo stesso modo, Nancy Reagan ha davvero invitato Eugene e sua moglie a partecipare a una cena di gala per il cancelliere Helmut Kohl. E quando l'uomo ha comunicato a Ronald Reagan l'intenzione di ritirarsi, il presidente gli ha scritto un messaggio affettuoso e la first lady lo ha abbracciato in modo caloroso.

Inoltre, il rapporto tra Eugene e il presidente non è stato adombrato dalla posizione di Reagan in merito dell'apartheid. A quell'epoca, USA e URSS erano in piena Guerra Fredda e il Sud Africa era l'unico stato del continente con una forte posizione anticomunista. Il presidente americano esitava a emettere delle sanzioni per non perdere un'alleanza cruciale, ma anche perché avrebbero colpito soprattutto la fascia più debole della popolazione, ovvero proprio i cittadini di colore.

Videa CDE/The Weinstein CompanyThe Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca: Cecil Gaines
Forest Whitaker è Cecil Gaines in The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca

Eugene è sempre stato orgoglioso del suo lavoro e degli anni alla Casa Bianca (diversamente dal film, in cui la cena di gala porta il suo alter ego a ripensare a tutte le sue scelte). Inoltre, è davvero stato un sostenitore di Barack Obama, dal quale è stato realmente invitato in qualità di ospite di onore alla Casa Bianca, venendo scortato da un picchetto di marines.

Fonti: Washington Post, Time, History vs Hollywood

      Cerca