Agents of S.H.I.E.L.D. ci ha detto addio nel finale di serie: ecco come

Le tematiche principali della serie, la chiave per la salvezza del mondo, il sacrificio: nel finale di serie di Agents of S.H.I.E.L.D. c'è tutto ciò che ha fatto di questi 7 anni una grande storia.

Il sacrificio per un bene supremo: il cuore pulsante della narrazione in Agents of S.H.I.E.L.D. non poteva non essere al centro dell'ultimo episodio.

Il finale di serie, intitolato Ciò per cui lottiamo, fin dal titolo ci dice che l'unico scopo dello Shield è sempre stato uno solo: salvare il mondo. A qualsiasi costo.

Il ritorno di Fitz (Iain De Caestecker), l'ultima volta tutti insieme in una stanza, la missione finale, l'amnesia di Jemma (Elizabeth Henstridge), i volontari che si offrono per restare indietro e riunire le linee temporali: tutto, in quest'ultimo capitolo di una storia lunga 7 anni, è stato pensato per ripercorrere le tappe narrative, i personaggi passati che hanno lasciato un segno - nel bene e nel male - in una celebrazione dell'intera serie.

Enoch (Joel Stoffer), i Fitz-Simmons - di cui Coulson (Clark Gregg) pronuncia il nome dopo moltissimo tempo - la lotta contro Sibyl (Tamara Taylor) e i Chronicom, il contributo fondamentale di qualcuno che viene dal futuro, Deke (Jeff Ward), la resa dei conti fra Daisy (Chloe Bennet) e Malick (Thomas E. Sullivan), a simboleggiare lo scontro finale fra il bene e il male...

Credo di ricordarmi per cosa stiamo lottando.

Jemma Simmons anticipa l'unione di Kora (Dianne Doan) alla squadra dello Shield per determinare la vittoria. Come? Dando ai Chronicom l'unica cosa che può trasformarli: l'empatia di May (Ming-Na Wen).

La capacità di comprendere gli altri, di provare pietà, di condividere sentimenti, di mettersi nei panni altrui: ecco la chiave per la salvezza del mondo.

Joss Whedon, Maurissa Tancharoen e Jed Whedon, i creatori della serie, ci danno la soluzione ai problemi dell'umanità. Tanto semplice quanto complessa da mettere in pratica.

Il futuro - con la figlia di Fitz-Simmons e il ritrovo di Yo-Yo (Natalia Cordova-Buckley), Mac (Henry Simmons), Coulson, May e tutti gli altri - diventa l'occasione per dirsi addio, per dirci addio.

L'ultima volta che si trovano insieme a raccontarsi le novità, i protagonisti si riuniscono virtualmente, perché sono lontani. Ma non smettono mai di pensare l'uno all'altra.

L'appuntamento annuale è ricco delle promesse che si fanno sempre: teniamoci in contatto, verrò a trovarvi... Ma la vita finisce per separare anche le persone più unite.

Gli ultimi rimasti, Daisy e Coulson, sono gli stessi da cui è iniziato tutto. Sono l'occasione per commuoversi, dicendo addio a tante avventure che ci hanno intrattenuti, lasciati con il fiato sospeso, spiazzati, divertiti e commossi.

E in puro stile Ritorno al futuro, Phil Coulson ci saluta con la sua Corvette volante. Chiudendo 7 anni di una storia degna di essere vissuta.

      Cerca