John Boyega critica le scelte di diversità fatte da Disney per Star Wars

Disney John Boyega in Star Wars

L'interprete di Finn in Star Wars ha commentato il modo in cui Disney ha messo da parte il suo personaggio dopo averlo pubblicizzato come uno dei protagonisti nella celebre saga.

John Boyega non è certo uno che le manda a dire. L'attore americano, principalmente noto per il suo ruolo di Finn nell'ultima trilogia di Star Wars, ha criticato aspramente le scelte che la casa di produzione del celebre franchise, Disney, ha fatto per quanto riguarda il suo personaggio (ma non solo) in Star Wars.

L'interprete di Finn ha commentato con delle parole molto forti la sua esperienza nel franchise durante un'intervista con il magazine GQ. È inevitabile ignorare il fatto che rispetto a Star Wars: Il risveglio della forza, dove il personaggio di Finn ha un ruolo fondamentale, i successivi capitoli si concentrano maggiormente su Rey (Daisy Ridley) e Kylo Ren (Adam Driver), riducendo particolarmente il ruolo del personaggio di Boyega nella storia.

Non è la prima volta che John Boyega combatte per i diritti degli afroamericani. L'attore era stato già tra le celebrità più attive nelle proteste contro l'abuso della polizia dopo la tragedia di George Floyd. Adesso, torna a parlare di comportamenti scorretti per quanto riguarda attori che appartengono a minoranze o diverse etnie da parte di Disney. 

Ecco cosa ha dichiarato:

Quando entri in un progetto non ti piace necessariamente tutto. Quello che direi a Disney, però, è di non tirar fuori un personaggio nero, pubblicizzarlo come più importante di quello che effettivamente è nel franchise e poi metterlo da parte. Non va bene. Lo dirò onestamente.

Boyega non ha commentato solo il suo trattamento ma anche quello di colleghi come Kelly Marie Tran (Rose Tico), che ha rinunciato ai social dopo una serie di velenosi commenti contro di lei e il suo personaggio in Star Wars. E, infine, l'attore ha citato anche i due protagonisti bianchi che hanno ricevuto, invece, un trattamento diverso per i loro personaggi.

Sapete cosa fare con gli altri, ma quando si tratta di Kelly Marie Tran, quando si tratta di John Boyega, allora f****o tutto. Cosa dovrei dire? Quello che loro vogliono che tu dica è 'mi è piaciuto farne parte. È stata una grande esperienza', bla bla bla. Lo farò quando sarà una grande esperienza.

Hanno dato tutte le sfumature ad Adam Driver, tutte le sfumature Daisy Ridley. Siamo onesti. Lo sa Daisy. Lo sa Adam. Lo sanno tutti. Non sto smascherando niente. 

L'attore continua poi raccontando la frustrazione del dover sopportare petizioni e messaggi poco lusinghieri da parte di fan della saga che non apprezzavano la sua presenza per via del colore della sua pelle. 

Fortunatamente, l'esperienza non ha spazzato via la sua passione per la recitazione. L'attore ha in cantiere, infatti, diversi progetti, tra cui il crime Naked Singularity, attualmente in post-produzione.

Cosa ne pensate delle forti dichiarazioni di John Boyega sulla sua esperienza nel franchise di Star Wars?

      Cerca