Mi chiamo Francesco Totti, cose da sapere sul film di Alex Infascelli

Mi chiamo Francesco Totti verrà presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2020 e sarà nelle sale cinematografiche il 19, 20 e 21 ottobre 2020.

[Update della Redazione] È ora disponibile anche il trailer ufficiale di Mi chiamo Francesco Totti. Lo trovate in copertina a questo articolo.

[Articolo originale] Era il 28 maggio 2017 e 70mila spettatori erano sugli spalti dello Stadio Olimpico per assistere all’ultima partita di Francesco Totti. Dopo aver battuto il Genoa 3 a 2, il capitano prese la parola per il suo discorso di addio (video in testata). 

L’atteso docufilm Mi chiamo Francesco Totti racconterà la notte che precedette quella partita del 28 maggio

Qui di seguito, tutto quello che dovete sapere sul documentario, prodotto da The Apartment, Wildside con Capri Entertainment, Fremantle, Vision Distribution e Rai Cinema, in collaborazione con Sky e Amazon Prime Video. 

Vision Distribution Mi chiamo Francesco Totti - poster

Un capitano, da libro a documentario

Il documentario è tratto dal libro Un capitano, pubblicato nel 2018 da Rizzoli e scritto a quattro mani da Francesco Totti e dal giornalista sportivo Paolo Condò.

Francesco Totti e Paolo Condò Un capitano
Francesco Totti e Paolo Condò

Un capitano

7,99 €

La regia, invece, è di Alex Infascelli. Il regista romano è tornato dietro la macchina da presa dopo il documentario S is for Stanley (2016), in cui ripercorreva la storia di Kubrick attraverso il racconto del suo autista personale: l’italiano Emilio D’Alessandro. 

In questo nuovo lavoro, Infascelli ha messo Totti allo specchio, facendogli rivivere la notte che ha preceduto la sua ultima partita da calciatore professionista. Il capitano ripercorrerà la sua vita professionale e privata come se la osservasse proiettata su uno schermo. 

Nella la sinossi ufficiale di presentazione di Mi chiamo Francesco Totti si legge: 

Le immagini e le emozioni scorrono tra momenti chiave della sua carriera, scene di vita personale e ricordi inediti. Un racconto intimo, in prima persona, dello sportivo e dell’uomo. 

Il docufilm sarà presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma 2020, che si terrà dal 15 al 25 ottobre all’Auditorium Parco della Musica della capitale. 

Non solo, sono previsti tre giorni di proiezioni speciali nelle sale. I fan della Roma e di Francesco Totti e tutti gli appassionati di calcio potranno vedere al cinema Mi chiamo Francesco Totti il 19, il 20 e il 21 ottobre, grazie alla distribuzione di Vision Distribution. 

Non si tratta comunque dell’unico progetto incentrato sulle gesta sportive e sulla carriera di Francesco Totti. Il libro Un capitano, infatti, ha ispirato anche una serie televisiva in sei puntate, il cui titolo provvisorio dovrebbe essere Speravo de morì prima. A vestire i panni di Totti c’è Pietro Castellitto. Ilary Blasi, invece, avrà il volto di Greta Scarano. Completano il cast Monica Guerritore nei panni della madre Fiorella e Gianmarco Tognazzi in quelli dell’allenatore Spalletti. 

Francesco Totti in persona ha annunciato l'uscita del docufilm con un post su Facebook, in cui ha dichiarato tutto il proprio entusiasmo per il progetto. 

      Cerca