Black Widow rifletterà il movimento #MeToo: parla Scarlett Johansson

Marvel Studios Un'immagine di Scarlett Johansson e Florence Pugh nel poster di Black Widow

Scarlett Johansson, interprete del personaggio di Vedova Nera, ha parlato dello standalone dedicato a Black Widow, rivelando che non sarà una semplice storia tutta al femminile.

La storia di Vedova Nera, il personaggio interpretato da Scarlett Johansson nel Marvel Cinematic Universe, potrebbe ricevere una degna conclusione nel suo film standalone Black Widow, previsto nei cinema a fine 2020.

A quanto pare, però, il cinecomic diretto da Cate Shortland non sarà una semplice pellicola tutta al femminile: nel corso di nuova intervista con Empire, la Johansson ha infatti parlato del film, specificando che il suo prossimo lungometraggio rifletterà tutti i capisaldi dell'era del #MeToo (il celebre movimento femminista contro le molestie sessuali e la violenza sulle donne) raccontando nello specifico una storia incentrata su "donne che aiutano altre donne".

Ecco quindi le parole dell'interprete di Natasha Romanoff:

Penso che questo film in particolare rifletta molto quello che sta succedendo riguardo al movimento Time’s Up e al movimento #MeToo. Sarebbe un tale errore affrontare quel discorso, se questo film non prendesse quella situazione di petto.

L'attrice ha poi spiegato il motivo che ha mosso la regista Cate Shortland a raccontare una storia con un sottotesto realmente delicato:

Penso che, in particolare per Cate, fosse davvero importante fare un film sulle donne che aiutano altre donne, che a loro volta risollevano altre donne da una situazione decisamente difficile. Qualcuno mi ha chiesto se Natasha fosse una femminista. Certo che lo è! Che domande sono.

Ricordiamo infatti che nel film la Johansson sarà affiancata dall'attrice Florence Pugh, qui nel ruolo di Yelena Belova, con molta probabilità l'eroina destinata a diventare la seconda Vedova Nera dopo l'uscita di scena della Romanoff (il personaggio ha infatti sacrificato la sua vita in Avengers: Endgame). Yelena potrebbe quindi dare il via a un franchise all'interno del MCU, così come accaduto con eroi "al maschile" come Thor, Captain America e Iron Man. 

Ma non solo: sempre via Empire, è apparsa anche una nuova immagine del film che ci mostra un confronto decisamente teso tra Natasha e il villain Taskmaster (inquadrato di spalle). 

Black Widow seguirà le avventure di Vedova Nera dopo le vicende viste in Captain America: Civil War (di cui racconterà gli eventi appena successivi). Natasha dovrà fare i conti con il proprio passato e con una nuova, terribile minaccia, sebbene dalla sua parte troveremo Guardiano Rosso (David Harbour) e, appunto, la coraggiosa Yelena Belova.

Il film, precedentemente atteso nelle sale cinematografiche italiane per il 29 aprile 2020, è stato purtroppo rinviato a causa dell’emergenza sanitaria che ha costretto Marvel Studios a interrompere temporaneamente la produzione del film.

L'uscita di Black Widow nei cinema del nostro paese è ora fissata per il 6 novembre 2020.

      Cerca