Captain America - Il primo Vendicatore, 14 curiosità sul film Marvel

Marvel Captain America sulla locandina del film

Dal suo compleanno agli effetti del siero: ecco alcune interessanti curiosità su Cap!

Quella del mingherlino Steve Rogers, che viene trasformato in Capitan America grazie al suo coraggio e alla sua perseveranza, è una storia davvero stimolante. Ognuno può raggiungere ambiziosi obiettivi con una ferrea forza di volontà e mettendo in risalto i propri valori. È così che il reietto diventa eroe. 

Il primo film dedicato al personaggio, Captain America - Il primo Vendicatore, uscì in sala nel 2011. Diretto da Joe Johnston, introduceva nel MCU quello che di lì a poco sarebbe diventato uno degli Avengers più amati dai fan.

Ambientato prevalentemente durante la Seconda Guerra Mondiale, il film racconta le origini del personaggio e spiega come il giovane Rogers sia stato tramutato nel super soldato. La trama, inoltre, ruota intorno alla battaglia tra il supereroe e Teschio Rosso, un ufficiale di Hitler che vuole mettere le mani sul Tesseract per usarlo come arma di distruzione di massa.

A distanza di anni dall'uscita al cinema della pellicola, alcuni interessanti retroscena potrebbero essere ancora ignoti ai più. Ecco allora alcune curiosità su Captain America - Il primo Vendicatore.

1) Chris Evans non voleva essere Cap

Chris Evans ha rifiutato tre volte il ruolo prima di accettarlo. Non perché non volesse vestire i panni del supereroe, ma perché temeva gli effetti dell'improvviso aumento di fama sulla sua vita privata. Fu Robert Downey Jr. a convincerlo ad accettare la parte, quindi è merito dell'interprete di Iron Man se il caro Chris è divenuto un pilastro del Marvel Cinematic Universe.

Qualora il suo timore avesse preso il sopravvento, a quest'ora avremmo avvicinato il volto di John Krasinski a quello di Cap (visto che era la seconda scelta).

MarvelChris Evans sfoggia i pettorali in una scena di Captain America - Il primo Vendicatore

2) Meno riferimenti al nazismo

Fino alla fase di pre-produzione, la pellicola poneva un'enfasi molto maggiore sull'iconografia nazista, in particolare in relazione all'HYDRA. Sebbene nel film sia comunque specificato che l'HYDRA è una divisione scientifica segreta finanziata da Adolf Hitler, in origine il suo legame alla Germania nazista era ben più evidente: persino le uniformi erano state adornate con svastiche.

Certo, non è che ci voglia una grande capacità critica per capire che in Captain America - Il primo Vendicatore l'HYDRA rappresenti i nazisti, ma fino a poco prima dell'inizio delle riprese il confine tra le due realtà era molto più sottile.

MarvelLa divisa dell'HYDRA in Captain America

3) Le scene con Skinny Steve sono state girate quattro volte

Uno degli aspetti più memorabili del film è l'effetto "Skinny Steve", ovvero la versione del protagonista pre-siero. Creare uno Steve Rogers smilzo non è stato un compito affatto semplice, perché doveva essere decisamente più scarno di Chris Evans.

Per questo motivo, è stato necessario che ogni scena con Skinny Steve venisse girata almeno quattro volte: la prima normalmente, la seconda con l'attore davanti a un green screen, poi una volta con Evans assente e un'ultima volta con un attore magro che copiasse le movenze di Evans. 

È stato quindi utilizzato un composito di queste riprese, mentre in altre scene ai responsabili degli effetti speciali è bastato "incollare" la testa dell'attore su quella della controparte. In ogni caso, si è trattato di un processo più complesso di quanto probabilmente ci si potrebbe aspettare oggi.

MarvelSkinny Steve in una scena di Captain America

4) Emily Blunt ha rifiutato il ruolo di Peggy

Sebbene Hayley Atwell si sia calata egregiamente nella parte di Peggy Carter, non era stata la prima scelta dei Marvel Studios. Il ruolo era stato infatti offerto a Emily Blunt, che ha dovuto però rifiutarlo a causa di impegni precedentemente presi.

Ciò è piuttosto interessante perché alla Blunt, prima ancora, era stata offerta la parte di Vedova Nera. Anche allora dovette però declinare per via di impegni, quindi il personaggio fu infine assegnato a Scarlett Johansson.

Probabilmente Emily Blunt avrebbe svolto un buon lavoro nella parte di Peggy, ma forse sarebbe stata più a suo agio come Vedova Nera.

MarvelPeggy Carter in una scena del primo Captain America

5) Jeff Goldblum avrebbe dovuto fare una comparsa

Alla vigilia dell'uscita di Thor: Ragnarok, il capo dei Marvel Studios Kevin Feige si è lasciato sfuggire che a Jeff Goldblum - che recita in Ragnarok nel ruolo del Gran Maestro - era stato originariamente offerto un cameo in Captain America - Il primo Vendicatore.

Goldblum era infatti stato contattato per interpretare il senatore Brandt, ma per motivi sconosciuti l'attore di Jurassic Park rifiutò, lasciando la piccola parte a Michael Brandon.

Feige si è quindi mostrato soddisfatto per come siano andate le cose, perché altrimenti Goldblum non ci avrebbe regalato la sua gran performance in Ragnarok.

MarvelJeff Goldblum nel ruolo del Gran Maestro

6) Si diceva che Edgar Wright avesse riscritto il film

Uno dei rumor più diffusi durante la produzione del film riguardava il coinvolgimento di Edgar Wright, che secondo alcuni aveva riscritto la sceneggiatura prima dell'inizio delle riprese. Il regista doveva dirigere Ant-Man, ma lasciò la produzione a causa di "divergenze creative" con Marvel.

Per quanto riguarda Captain America - Il primo Vendicatore, Wright ha negato pubblicamente qualsiasi coinvolgimento nel film ogni volta che gli è stato chiesto qualcosa al riguardo, e l'unico talento esterno confermato a lavorare sulla sceneggiatura fu Joss Whedon (regista di The Avengers e Avengers: Age of Ultron), che avrebbe aggiunto sfumature minori al personaggio per avvicinare di più il film all'ampio MCU.

Gage Skidmore, immagine usata su licenza CC BY-SA 2.0Edgar Wright al Comic-Con

"Edgar Wright" by Gage Skidmore is licensed under CC BY-SA 2.0

7) Chris Evans fu pagato poco

I primi film dei Marvel Studios non erano certo una miniera d'oro per gli attori, e questo valse anche per Chris Evans, che all'epoca era una stella nascente. L'interprete di Cap guadagnò 300mila dollari per la sua interpretazione ne Il primo Vendicatore, più o meno quanto Paul Rudd per la sua performance in Ant-Man. Chris Hemsworth, per il primo Thor, incassò ancora meno: "appena" 200mila dollari.

Chiaramente i guadagni di Chris Evans si moltiplicarono a ogni film e con l'uscita di Avengers: Age of Ultron, appena quattro anni dopo, all'attore vennero offerti 6,9 milioni di dollari per riprendere il ruolo.

MarvelChris Evans in una scena finale del primo Captain America

8) Barone Zemo e Barone von Strucker dovevano essere nel film

Una bozza iniziale della sceneggiatura prevedeva che nel film ci fossero Barone Zemo e Barone von Strucker, ma alla fine vennero tagliati fuori per la sensazione di non funzionare come avrebbero dovuto.

Entrambi i personaggi sono apparsi nel MCU: von Strucker (Thomas Kretschmann) è stato a dire il vero un po' sprecato in Avengers: Age of Ultron (dopo un cameo in Captain America: The Winter Soldier), mentre Zemo (Daniel Bruhl) ha ricoperto il ruolo di antagonista in Captain America: Civil War.

Rimuoverli dal primo Captain America si è rivelata in fin dei conti la scelta giusta, perché una pellicola troppo piena di villain difficilmente funziona (come tanti film hanno dimostrato nel corso degli anni).

MarvelBarone Zemo in una scena de Il primo Vendicatore

9) Come è fatto lo scudo di Cap?

Nei fumetti, lo scudo di Capitan America è realizzato in vibranio (che assorbe le vibrazioni) e adamantio (che lo rende invincibile). Tuttavia, poiché quest'ultima lega metallica fa parte del mondo X-Men, che era di proprietà 20th Century Fox, è stato escluso dalla versione cinematografica di Marvel.

Solo con l'acquisto di 20th Century Fox da parte di Disney, infatti, i mutanti entrano a far parte del Marvel Cinematic Universe (dopo l'uscita di X-Men - Dark Phoenix e New Mutants, in sostanza).

MarvelCap fa irruzione con altri uomini in una scena del primo Captain America

10) Il compleanno di Steve Rogers

Steve Rogers è nato il Giorno dell'Indipendenza, vale a dire il 4 luglio. Agli albori dei fumetti non c'erano necessariamente delle sfumature da ricercare nel personaggio: Steve era soltanto un supereroe creato per essere patriottico e affondare Hitler, quindi non sorprende che Marvel abbia scelto una data simile per il suo compleanno. Alla fine si è rivelata la decisione più giusta: d'altronde Cap è arrivato, nel corso degli anni, a incarnare i migliori ideali d'America. 

Ebbene sì, è nato sotto il segno del Cancro.

MarvelSteve Rogers in divisa in una scena del primo Captain America

11) Quella volta che Steve si è vestito da nonnetta

Alcune storyline nei fumetti di Captain America sono davvero bizzarre. In uno dei primi volumi, a opera del fumettista Jack Kirby, Steve deve travestirsi da nonnina per intrufolarsi in Germania e recuperare dei soldi rubati. 

In quel fumetto Bucky Barnes è nella sua versione originale, bambino e aiutante di Steve, e deve aiutare Cap a entrare nei panni di una vecchietta. Peccato che una scena del genere non sia stata pensata per il film!

MarvelIl fumetto in cui Captain America si traveste da vecchietta

12) Prima del siero, Steve si ammalava sempre

In Captain America - Il primo Vendicatore, gli spettatori possono brevemente vedere le informazioni su Steve nel modulo di arruolamento. A quanto pare, il giovane soffriva di condizioni come l'asma, l'ipertensione e l'ansia prima del siero. Era di salute cagionevole.

Il siero, tuttavia, finisce per curarlo da tutto; non solo, gli permette di invecchiare anche più lentamente di una persona media (le sue cellule lavorano al massimo delle prestazioni, quindi muoiono più tardi).

MarvelSteve Rogers, ancora smilzo, si arruola nel primo Captain America

13) Steve Rogers può padroneggiare qualsiasi arma in pochi secondi

Sembra ci sia ben poco che Captain America non possa fare. Nel film lo vediamo brandire il suo scudo e lanciarlo con veemenza contro i nemici, ma il supereroe se la cava egregiamente con qualsiasi arma. E gli bastano pochi secondi per prenderci confidenza (ne è un esempio il martello di Thor in Endgame).

Questo dettaglio viene rivelato nel meno noto fumetto Moon Knight when Beast. Incredibile quante capacità il siero gli abbia donato!

MarvelCaptain America e alcuni militari al suo fianco in una scena del primo film

14) Sebastian Stan avrebbe potuto essere Captain America

A un certo punto dei casting, Marvel aveva preso in considerazione anche Sebastian Stan per il ruolo di Captain America. Forse fu dopo che Chris Evans ci ripensò e accettò la parte che lo studio cinematografico decise di affidare a Stan il ruolo di Bucky.

Via: KickassFacts, Factinate

      Cerca