Come un gatto in tangenziale 2: cosa sappiamo del sequel

Claudio Iannone / Wildside / Vision Distribution Paola Cortellesi in una scena del film Come un gatto in tangenziale

Si intitola Ritorno a Coccia di morto e arriverà nelle sale a Natale 2020: il secondo capitolo della commedia diretta da Riccardo Milani con Paola Cortellesi e Antonio Albanese conferma nel cast Claudio Amendola e Sonia Bergamasco e aggiunge due novità.

Come un gatto in tangenziale, l'esilarante commedia di Riccardo Milani con la coppia Paola Cortellesi e Antonio Albanese, è stato il film italiano più visto del 2018.

La storia della coatta Monica e del borghese radical chic Giovanni ha fatto boom al botteghino staccando il Biglietto d'Oro grazie agli oltre 10 milioni di euro di incasso.

Inevitabile pianificare un sequel per i produttori Mario Gianani e Lorenzo Mieli di Wildside. Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di morto è prodotto da Gianani con Lorenzo Gangarossa e ha iniziato le riprese proprio in questi giorni: i ciak si svolgeranno a Roma per otto settimane.

L'uscita nelle sale è fissata il 16 dicembre 2020.

Cortellesi e Albanese, diretti per la terza volta da Milani dopo l'originale e Mamma o papà? del 2015, indossano nuovamente i panni dei due protagonisti, che avevamo lasciato nel finale di Come un gatto in tangenziale seduti a mangiare la pizza su una panchina nel giardino di piazza Cavour.

Si hanno ancora poche informazioni sulla trama del sequel, ma Wildside e Vision Distribution hanno fornito questa prima breve descrizione. Al centro della vicenda, immancabile, ci sarà Coccia di morto, il caotico lido di Fiumicino.

Monica e Giovanni sono tornati. Sono passati tre anni dalla fine della loro storia d'amore che, come si erano predetti sulla panchina di Piazza Cavour, è durata poco, anzi pochissimo, proprio come un gatto in tangenziale.

La sceneggiatura del film è firmata da Milani e Cortellesi (coppia sul set e nella vita) con Giulia Calenda (figlia di Cristina Comencini) e Furio Andreotti.

La fotografia è di Saverio Guarna, la scenografia di Maurizia Narducci, i costumi di Alberto Moretti, il montaggio di Patrizia Ceresani e Francesco Renda.

Il cast del sequel

La grossa novità riguarda il cast. Tornano Claudio Amendola (Sergio, l'ex di Monica che fa fuori e dentro dal carcere) e Sonia Bergamasco (Luce, l'ex moglie vegana di Giovanni che si è trasferita in Francia per coltivare lavanda per profumi), ai quali si affiancano le due new entry: Luca Argentero e Sarah Felberbaum. Dei loro personaggi, però, non si sa ancora nulla.

Dovrebbero apparire Simone de Bianchi e Alice Maselli, ovvero i figli dei protagonisti Alessio e Agnese. Resta invece incerto il destino di Alessandra e Valentina Giudicessa, le gemelle oversize Pamela e Sue Ellen (chiamate così in onore di Dallas), le zie cleptomani di Alessio capaci di parlare in coro e che trascorrono la giornata davanti al televisore a seguire le "storie maledette" di Franca Leosini.

Le gemellone, vere abitanti del quartiere Bastogi e nella vita reale fan sfegatate di Forum e dei programmi di Barbara D'Urso, sono finite davvero in TV nel circo di freak della trasmissione Avanti un altro, dove Paolo Bonolis le ha ribattezzate le "sorelle soap opera".

Peccato che il 9 febbraio del 2019, come si legge sul Messaggero, sono state arrestate dai Carabinieri della stazione Eur di Roma con l'accusa di furto aggravato. Condannate dal giudice del tribunale di Roma ad un anno di reclusione e 200 euro di ammenda per aver rubato diciotto vestiti pari ad un valore di quasi 5000 euro, le simpatiche signore hanno dovuto pagare a caro prezzo la mania dello "shopping compulsivo".

Dopo il successo del film, Alessandra e Valentina sono tornate a fare le donne delle pulizie e hanno coronato il loro sogno: sono state ospiti (in collegamento da casa) dalla D'Urso a Pomeriggio Cinque.

La loro richiesta? Chiedere aiuto al professor Nicola Sorrentino per perdere 50 chili. Ovviamente in favore di telecamere.

      Cerca