The Murders at White House Farm, la miniserie ispirata a una storia vera

L'agghiacciante omicidio di una famiglia inglese avvenuta negli anni '80 sono protagonisti della miniserie britannica in 6 episodi, The Murders at White House Farm.

Ci sono delle drammatiche storie che nascondono sempre un filo di mistero. Qualcosa di incompreso, che non fa scorrere tutti i tasselli nel modo giusto. La storia della civiltà è piena di agghiaccianti omicidi che farebbero inorridire anche il più imperturbabile degli esseri umani.

Tra questi casi c'è sicuramente quello che divenne noto come gli omicidi di White House Farm, una strage che nel corso del tempo ebbe dei risvolti sempre più terribili.

Ed è proprio a questa storia che si ispira la nuova miniserie britannica di ITV Hub, co-prodotta con HBO Max, piattaforma streaming del celebre network americano. The Murders at White House Farm racconterà la storia di come due detective hanno indagato sull'ignobile tragedia avvenuta nella fattoria, scoprendo delle verità terrificanti e trovando, dopo una serie di eventi, il vero colpevole.

Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla miniserie e i fatti reali a cui è ispirata:

La storia vera degli omicidi a White House Farm

ITV Hub / HBO MaxScena tratta da The Murders at White House Farm
Freddie Fox è Jeremy Bamber in The Murders at White House Farm

La notte tra il 6 e il 7 agosto 1985, in una fattoria bianca e isolata vicino al villaggio di Tolleshunt D'Arcy, nell'Essex, i componenti di una famiglia furono uccisi brutalmente con dei colpi di fucile. La polizia fu allarmata da Jeremy Bamber, il figlio ventiquattrenne di Nevill e June Bamber, che disse di aver ricevuto una chiamata spaventata dal padre che si era poi interrotta bruscamente. 

Quando la polizia arrivò alla fattoria, trovò il cadavere di Nevill e June, oltre a quello della loro altra figlia (adottiva) Sheila Caffel e dei suoi due piccoli gemelli di sei anni, Daniel e Nicholas Caffel. Inizialmente tutte le prove indicavano che fosse stata Sheila ad uccidere la sua famiglia, visto che aveva dei precedenti per schizofrenia e fu trovata con il fucile al suo fianco e dei colpi di pistola al mento. Tutto faceva crede che si trattasse di un caso di omicidio-suicidio.

Nel corso dell'investigazione, però, c'erano alcune cose che non quadravano. Cominciando dal fatto che non ci fossero segni di polvere da sparo sulla dita di Sheila. Inoltre, vista la quantità di colpi utilizzati, sarebbe stato impossibile per lei ricaricare il fucile visto che indossava una vestaglia senza tasche. Le indagini, alla fine, rivelarono un'altra verità: quando la fidanzata dell'unico sopravvissuto, Jeremy Bamber, dichiarò che il ragazzo poteva essere implicato negli omicidi, la polizia cominciò a sospettare di lui, figlio di Nevill e June e fratello adottivo di Sheila.

A rafforzare questo sospetto furono alcuni avvenimenti, come la dichiarazione dei partecipanti al funerale secondo cui Jeremy, dopo la veglia, era sorridente e scherzoso. Dopo la dichiarazione della fidanzata, Bamber fu arrestato l'8 settembre del 1985 ma poi rilasciato a causa del suo forte alibi. Quando tentò di vendere fotografie di Sheila nuda al giornale The Sun e iniziò a vendere tutti gli averi della famiglia, il suo arrestò divenne definitivo.

Nell'86 fu condannato all'ergastolo. Il ragazzo si è sempre dichiarato non colpevole ed è tutt'oggi l'unico degli ergastolani in Inghilterra che lotta ancora per la sua innocenza. A più di trent'anni dal tragico evento, ci sono forti sostenitori di Jeremy Bamber che chiedono la riapertura del caso e il suo rilascio. L'uomo, oggi, ha 59 anni.

La miniserie HBO Max

ITV Hub / HBO MaxImmagine promozionale di The Murders at White House Farm
I protagonisti di The Murders at White House Farm

Diretta da Paul Whittington e scritta da Kris Mrksa, Giula Sandler, The Murders at White House Farm scava nei misteri del tristemente famoso omicidio, aggiungendo dettagli di finzione senza stravolgere i fatti realmente accaduti.

La sinossi ufficiale della miniserie (che in Inghilterra è andata in onda con il titolo White House Farm), riportata dal sito Slash Film, recita: 

Una famigerata, vera storia del crimini. Oltre 30 anni fa, tre generazioni di una famiglia furono uccise nella loro fattoria isolata. Le prime prove puntavano il dito contro la figlia della famiglia, che aveva un passato di disturbi mentali, finché un detective rifiutò quelle prove fin troppo circostanziali e scavò in profondità con l'investigazione. La sua determinazione rivelò nuove prove che crearono sospetto su un altro membro della famiglia. Questa è la drammatizzazione di una vera storia del crimine basata su una ricerca estesa, interviste e documenti pubblici che gettano uno sguardo sul mistero dietro ciò che accadde quel fatidico giorno.

La serie vede un cast di volti noti tra cui spiccano le star di Game of Thrones, Mark AddyGemma Whelan e Alfie Allen, che interpretano rispettivamente il detective Stan Jones, Ann Eaton (cugina di Jeremy) e Brett Collins (miglior amico di Jeremy). Nei panni dell'unico sopravvissuto della famiglia Bamber, invece troviamo Freddie Fox (che vedremo presto in The Crown). Infine, nel cast anche Alexa Davies, Stephen Graham e Scott Reid.

La serie è già andata in onda in Inghilterra a gennaio 2020 su ITV Hub, con una media di pubblico di circa otto milioni, ma arriverà negli Stati Uniti su HBO Max il 24 settembre 2020. Non ci sono ancora notizie sulla possibile messa in onda italiana.

  • La miniserie di HBO Max, The Murders at White House Farm, non ha ancora una data di rilascio in Italia.

Leggi anche

      Cerca