La trama di Arrivano i prof e il film (e il fumetto) a cui si ispira

01 Distribution Claudio Bisio in una scena del film Arrivano i prof

La commedia di Ivan Silvestrini con Claudio Bisio, Lino Guanciale e un ricco cast è il remake del francese Les Profs, a sua volta ispirato alle "bande dessinée" di Pica ed Erroc: ecco tutto quello che c'è da sapere.

Le dinamiche surreali della problematica riapertura delle scuole italiane hanno portato a galla l'incompetenza di una classe dirigente incapace di assumersi le responsabilità.

Dove lo avevamo già visto? Al cinema nella commedia Arrivano i prof, remake del film francese Les Profs, campione d'incassi (4 milioni di spettatori per oltre 30 milioni di euro al botteghino) diretto nel 2013 da Pierre-François Martin-Laval (già attore e regista di Qualcosa di meraviglioso e Gaston Lagaffe) che si è meritato un sequel nel 2015, Les profs 2.

La versione nostrana è stata affidata a Ivan Silvestrini, che conta sulla sceneggiatura di Michele Abatantuono e Giorgio Glaviano con la collaborazione di Serena Patrignanelli.

Dieci anni dopo Notte prima degli esami, Arrivano i prof vuole essere una divertente commedia sul mondo scolastico e sul momento clou vissuto da ogni studente: gli esami di maturità.

Ecco la trama del film e il fumetto di Pica ed Erroc a cui si ispira l'originale di Martin-Laval.

La trama

L'anno scolastico si è appena concluso. I ragazzi promossi si danno alla pazza gioia, mentre al liceo Alessandro Manzoni c'è poco da festeggiare. L'istituto ha stabilito uno strepitoso record negativo: solo il 12% degli studenti è riuscito a passare la maturità e conseguire il diploma.

Il provveditore agli studi è infuriato e minaccia il preside della peggior scuola d'Italia: se almeno il 50% degli studenti dell'anno che sta per cominciare non supererà l'esame, l'istituto dovrà chiudere per sempre i battenti. Il dirigente si rassegna e cede alla proposta che arriva da un algoritmo ministeriale: "Ai peggiori studenti i peggiori professori".

Un'intelligenza artificiale ha calcolato che dove hanno fallito i migliori, possano riuscire i peggiori. Al Manzoni arrivano così i "Magnifici Sette", i prof con i più bizzarri e discutibili metodi di insegnamento e programmi didattici.

Claudio Bisio è il prof Locuratolo, professore fricchettone, naif e apparentemente fancazzista di matematica e informatica, oltre che appassionato di videogame. Lino Guanciale è Cioncoloni, timido e imbranato professore di storia. Maurizio Nichetti è il silenzioso prof Fanfulla, un "esperto" di esperimenti scientifici.

Maria Di Biase è la dittatoriale prof d'inglese Melis, che non tollera gli errori di pronuncia e "punisce" i ragazzi con i gessetti. Il campione di MMA Alessio Sakara è il prof di educazione fisica Golia, e guai a farlo arrabbiare. L'attrice brasiliana Shalana Santana è la bellissima prof di italiano Venturi, mentre Pietro Ragusa è il prof di filosofia Maurizi, sempre con la testa tra le nuvole e un po' fuori dal mondo.

Riusciranno i peggiori insegnati d'Italia a far breccia nel cuore e soprattutto nella mente dei peggiori studenti?

Il fumetto

Arrivano i prof è il remake di Les Profs, ispirato a sua volta all'omonimo fumetto francese.

Nel cast dell'originale, i docenti protagonisti sono alcuni volti amatissimi dal pubblico transalpino come Christian Clavier, Isabelle Nanty, Arnaud Ducret, Raymond Bouchard, Fred Tousch e il regista stesso Pierre François Martin-Laval nei panni del prof di storia Antoine Polochon.

La serie di "bande dessinée" è stata creata dal disegnatore Pica (Pierre Tranchand) e dallo sceneggiatore Erroc (Gilles Corre) ed è apparsa per la prima volta sul magazine Le Journal de Mickey nel dicembre del 1998.

L'editrice Bamboo Édition ha raccolto le strisce e pubblicato il primo volume nel 2000: è stato questo l'inizio del successo del fumetto, che nel 2004 ha raggiunto il milione di copie vendute.

"Più forti di Zorro, più coraggiosi di Indiana Jones e molto meno pagati di James Bond". Così Bamboo presenta i protagonisti nella versione animata, realizzata nel 2013 per festeggiare un importante traguardo: le 4 milioni di copie vendute con i 15 volumi della collana.

Les Profs è una satira irriverente che prende in giro (con rispetto e simpatia) difetti e stereotipi generalmente attribuiti agli insegnanti francesi, come l'elevato numero di scioperi ed assenze o l'abitudine di parlare tra loro esclusivamente di lavoro.

La scuola dei protagonisti è il Lycée Philippe Rodrigue Octave Fanfaron, gestito prima dall'autoritario "proviseur" come il capitano di un transatlantico e poi da "Madame la Proviseure", la "signora preside" caricatura della tipica donna d'affari aziendalista e stressata, appassionata di tecnologia e sempre al cellulare.

I prof dei fumetti sono tantissimi. La letteratura è insegnata dalla provocante Amina, dal sadico conservatore Guillemet e dal depresso e sfortunato René Langlois. Maurice è il prof di filosofia, fumatore incallito amichevole e professionale.

Per storia e geografia ci sono il prof Polochon, ossessionato dal culto di Napoleone, il sindacalista Paul, il pigro e lavativo Serge Tirocul (ha insegnato solo una volta ad una classe di sua spontanea volontà: il preside lo ha interrotto e, sorpreso che stesse lavorando, lo ha mandato a casa pensando che fosse malato) e l'anziano Wilfried, ricoverato in una casa di cura e protagonista di buffe e demenziali incursioni in classe.

L'inglese lo insegna la tirannica Gladys, il tedesco la giovane Marie e lo spagnolo la timida e depressa Dolorès. La matematica è materia della bionda e super-sexy Stéphanie e della rossa e maniacale Julien. Chimica e fisica sono insegnate dai geniali Albert (ovvero "Mister Boom" per le esplosioni che produce) e Philippe, mentre Talbin è il prof di economia che insegna agli studenti il capitalismo liberista giocando a poker e in borsa.

La collezione completa, giunta al volume 23 in Francia ed edita in Italia da Mondadori (con le illustrazioni di Simon Léturgie) nella collana I fumetti di Focus Junior con il titolo A scuola con i Prof, è disponibile sul sito di Bamboo Édition.

A scuola con i Prof Il fumetto di Pica e Simon Léturgie
A scuola con i Prof

Il fumetto di Pica e Simon Léturgie

€ 6,99

Nel mirino di Pica ed Erroc, ovviamente, non mancano gli alunni. Tra tutti, spiccano gli scatenati Thierry Boulard (nel 2013 gli è stato dedicato uno spin-off) e Nitchinsky, la prima della classe Sandrine Bourgueil e il rappresentante Lebrec, che ha il dono di infastidire prodigiosamente i suoi insegnanti.

Nella versione cinematografica italiana del fumetto, per interpretare il ruolo principale dello studente è stato scelto Rocco Hunt, autore anche della canzone che riprende i temi principali del film.

Il giovane rapper salernitano, al suo debutto da attore, affianca Irene Vetere. I due hanno già fatto coppia sul set del videoclip di Se mi chiami: a dirigere il video per la canzone di Rocco con il featuring di Neffa è Cosimo Alemà, lo stesso regista di Zeta, il primo film interpretato da Irene.

I professori sono chiamati ad un compito difficilissimo nella scuola di oggi, quella che riparte nell'anno del Covid-19.

L'insegnamento, come ha spiegato Guanciale al sito Camera Look, "è un fatto di passione, anche con i ragazzi. Bisogna tornare a credere che se si dà fiducia ai docenti possono emergere le cose più belle che entreranno a far parte della vita di un giovane".

Leggi anche

      Cerca