L'ultimo bacio: 8 cose che non sapevi sul film di Muccino e il suo sequel

Medusa Film Stefano Accorsi e Giovanna Mezzogiorno in L'ultimo bacio

L'ultimo bacio di Gabriele Muccino è un cult del cinema italiano che ha segnato il successo non solo del regista ma anche del suo giovane cast. Le curiosità sul film.

Nel 2001 Gabriele Muccino, giovane regista romano ancora poco conosciuto, dirige e scrive un film che avrebbe segnato la storia del cinema italiano del ventunesimo secolo. L'ultimo bacio, questo il titolo del film, è stato un incredibile successo al box office, conquistando anche la critica e ben cinque David di Donatello. L'entusiasmo per il film, uscito in Italia a ridosso di San Valentino, è riuscito a diffondersi anche oltreoceano. Al Sundance Film Festival, uno dei gironi festivalieri più importanti del cinema americano indipendente, il film ha ottenuto il Premio del Pubblico.

Nei primi anni del ventunesimo secolo, Muccino si è affermato come uno dei talenti più interessanti del panorama italiano. I protagonisti di L'ultimo bacio, storia sulle difficoltà delle relazioni di coppia delle generazioni del nuovo millennio, è tornato poi sul grande schermo dieci anni dopo. Nel 2011, Gabriele Muccino ha scritto e diretto Baciami Ancora, riportando la storia di Carlo (Stefano Accorsi), Giulia (Giovanna Mezzogiorno) e il resto dei loro amici, di nuovo alle prese con i problemi dell'amore.

Ecco tutte le cose che forse non sapevate su L'ultimo bacio di Gabriele Muccino e il suo sequel:

1) Il remake Americano

Negli Stati Uniti, L'ultimo bacio è stato accolto con grande calore a tal punto da convincere Tony Goldwyn, attore noto per il ruolo del Presidente Fitz Grant in Scandal, a prendere la macchina da presa per girarne il remake americano. Ed è così che cinque anni dopo il film di Muccino, nel 2006, Goldwyn porta al cinema The Last Kiss con Zach Braff (nel ruolo che fu di Accorsi), Jacinda Barrett (che riprende i panni della Mezzogiorno) e Casey Affleck (interprete del ruolo di Pasotti nell'originale). Nel ruolo che fu di Martina Stella, troviamo Rachel Bilson, nel pieno del successo nel teen drama The O.C.

Purtroppo il film, scritto tra l'altro dallo sceneggiatore premio Oscar, Paul Haggis, fu un flop ben presto dimenticato, nonostante le buone premesse.

2) L'amore sul set

Giovanna Mezzogiorno e Stefano Accorsi, protagonisti tormentati nel film, sono stati una coppia anche nella vita fuori dal set. Nel 2003 i due si sono lasciati e l'attore italiano ha iniziato una relazione con l'attrice e modella francese Laetitia Casta. Come riportava Vanity Fair Italia nel 2016, Giovanna Mezzogiorno ha dichiarato, durante il programma Verissimo, che purtroppo il rapporto con Accorsi non è particolarmente stretto.

Io e Stefano non ci frequentiamo perché abbiamo fatto percorsi di vita molto diversi, non ci vediamo, ma se ci fosse l’occasione di rilavorare insieme assolutamente sì.

3) Il sequel senza Giovanna Mezzogiorno

Buona parte del cast, nel 2011, è tornata per indossare nuovamente i panni invecchiati dei loro personaggi in L'ultimo bacio. Grande assente, però, è stata la protagonista Giovanna Mezzogiorno, che Muccino ha sostituito con Vittoria Puccini. Poco prima dell'uscita del sequel, l'attrice romana aveva dichiarato di aver letto la sceneggiatura e di non aver apprezzato lo sviluppo del personaggio di Giulia. A La Stampa ha dichiarato:

Si, sono contenta di non aver partecipato a Baciami ancora. Quando l’ho visto ho capito che era proprio come lo avevo immaginato leggendo la sceneggiatura. Il film che avevo rifiutato.

Ovviamente non n'è stato molto contento il regista Gabriele Muccino, che ha successivamente dichiarato che avrebbe fatto il film anche senza di lei.

4) Muccino vs. Martina Stella: il sequel dei litigi

L'annuncio del sequel di L'ultimo bacio ha creato diverse aspettative e curiosità intorno al progetto. Muccino è un regista da sempre al centro di polemiche e controversie e durante la produzione di Baciami Ancora non si è scontrato solo contro Giovanna Mezzogiorno, ma anche con l'altra grande assente del film: Martina Stella.

Nel 2009, La Stampa riporta che l'attrice, diventata una giovane star a soli 16 anni proprio grazie a L'ultimo bacio, ha dichiarato:

Provo tanto affetto per Gabriele, gli devo immensa riconoscenza per aver creduto in me - ma credo che quel personaggio sia finito li nell’Ultimo Bacio. Sono legata anche emozionalmente a quella ragazza che fa innamorare Accorsi, trovo sia più giusto per me non proseguire.

Le affermazioni dell'attrice hanno scatenato la sorpresa (ma anche l'irritazione) del regista che ha subito smentito l'idea che avesse proposto all'attrice di tornare.

È stato divertente scoprire che Martina Stella ha rifiutato una parte che in realtà non è mai esistita. Mi dispiace che Martina si faccia pubblicità in questo modo, ma voglio chiarire, e non a Martina, che conosce la verità, che il suo ruolo, come dice lei stessa, era realmente finito ne L’Ultimo bacio.

Il regista ha infatti aggiunto che nella primissima stesura di Baciami Ancora era previsto un piccolo cameo per omaggiare il personaggio della Stella. Un cameo che è stato presto tagliato e che quindi sin da subito ha escluso la sua presenza. 

5) Enrico Silvestrin ha rifiutato un ruolo nel film

Il conduttore e attore Enrico Silvestrin, che con Muccino aveva lavorato ai suoi film precedenti, Ecco Fatto (1998) e Come te nessuno mai (1999), era stato contattato dal regista peri il ruolo di Adriano. Il giovane rifiutò la parte perché già impegnato sul set della sitcom Via Zanardi, 33 e la parte dell'amico del protagonista andò a Giorgio Pasotti. Via Zanardi, 33 purtroppo fu cancellata dopo la prima stagione, ma Silvestrin ha poi lavorato di nuovo con Muccino in Ricordati di Me (2003).

6) Un libro sul film per gli stranieri

Il successo di L'ultimo bacio ha convinto anche l'editoria italiana ad utilizzarlo come esempio per chi non conosce bene la nostra lingua. Per la rubrica Quaderni di cinema italiano per stranieri, l'editore Guerra Edizioni ha scelto il film di Gabriele Muccino come esempio, tra pochi altri, per aiutare gli stranieri ad avvicinarsi alla lingua italiana tramite il cinema. Attraverso l'individuazione di scene chiave, personaggi e dialoghi tratti dal film, ma anche grazie ad approfondimenti sul regista e la sua biografia, il piccolo libro tenta di insegnare in modo curioso e efficace la lingua italiana a chi ama il nostro paese o ne ha particolare bisogno. 

QUADERNI DI CINEMA ITALIANO PER STRANIERI L'ultimo bacio. Gabriele Muccino
QUADERNI DI CINEMA ITALIANO PER STRANIERI

L'ultimo bacio. Gabriele Muccino

8,00 €

7) La sorpresa del box office

Essendo il terzo film di un Gabriele Muccino ancora non famoso, L'ultimo bacio non aveva un grandissimo budget. Eppure il pubblico affascinato dal film, ha premiato il dramma sentimentale del regista italiano portandolo ad un guadagno di poco più di 17 milioni in tutto il mondo. Un risultato che può apparire ridicolo oggi e magari in confronto a tantissimi film di diverso genere, ma che per un film come L'ultimo bacio invece, nel 2001, fu un riconoscimento incredibile.

8) Le location romane del film

Medusa Film / FandangoL'ultimo bacio di Gabriele Muccino
Giovanna Mezzogiorni e Stefano Accorsi in L'ultimo bacio

Le riprese del film, come riporta Il Davinotti, si sono svolte attraverso tutta Roma, nelle zone più celebri della città, che il regista conosce benissimo essendo cresciuto nella Città Eterna. Dai Parioli, dove si trova la casa di Francesca (Martina Stella) a Trastevere, fino alla zona EUR, dov'è stata girata la scena finale del film, quella della corsa iconica di Giovanna Mezzogiorno nei giardini del laghetto dell'EUR.

E ora diteci voi: cosa ne pensate della duologia di Gabriele Muccino sull'amore nel duemila?

Leggi anche

      Cerca