David Fincher è tornato: il teaser di Mank, film che racconta la scandalosa Hollywood di Orson Welles

Dopo una lunga pausa dal grande schermo David Fincher è tornato al cinema: ecco le prime immagini di Mank, il film che racconta la Hollywood di Quarto Potere e Orson Welles, con protagonista Gary Oldman nel ruolo di Herman J. Mankiewicz.

A sei anni dall'ultimo lungometraggio L'amore bugiardo, David Fincher torna a regarci un film per il grande schermo, proseguendo la sua collaborazione con Netflix. È finalmente disponibile il teaser trailer della sua nuova fatica, un film sulla Hollywood di Quarto Potere e Orson Welles intitolato Mank. Il protagonista assoluto delle prime immagini della pellicola è interpretato da Gary Oldman: sarà lui a incarnare Herman J. Mankiewicz, sceneggiatore che firmò il copione del capolavoro di Welles e che successivamente intraprese contro di lui una lunga battaglia legale per i diritti sull'opera. 

Grazie al primo teaser completamente in bianco e nero possiamo farci un'idea di come sarà il film: l'impressione infatti è che Fincher abbia incorporato tutta una serie di stilemi e topoi cinematografici della Hollywood della golden age per raccontarne il dietro le quinte ad alto tasso alcolico. Mank infatti appare perennemente ubriaco, incalzato da Welles e da tutta una serie di donne pericolose, in una spirale autodistruttiva che in molti sono pronti a sfruttare a proprio favore.

Mank stesso è basato su una sceneggiatura scritta dal padre di David Fincher Jack (scomparso nel 2003). La fonte d'ispirazione principale è un pezzo della critica cinematografica Pauline Kael, pubblicato originariamente nel 1971. Kael sosteneva che Welles si fosse arrogato il diritto di comparire tra gli sceneggiatori di Quarto Potere, quando il copione era stato in realtà scritto integralmente da Mankiewicz. La sua tesi è stata attaccata sin da subito, soprattutto da critici vicini al regista. 

Mank, Fincher racconta la Hollywood di Quarto Potere

Il protagonista di Mank è Gary Oldman: è lui a interpretare lo sceneggiatore con il vizio dell'alcol e del gioco, che a causa del suo comportamento si è giocato la propria credibilità nel mondo del cinema statunitense. Pressato dal regista Orson Welles (Tom Burke) quando allettato dopo un brutto incidente, Mank comincia la stesura di un film ispirato al magnate William Randolph Hearst (Charles Dance), nonostante il ricco uomo di affari sia pronto a distruggergli la vita per questo affronto. 

NetflixUna prima bozza del copione
Al centro di Mank c'è la storia del copione del capolavoro di Welles Quarto Potere

Il film dovrebbe poi raccontare la battaglia per i diritti sull'opera tra Welles e Mankiewicz, iniziata dopo il successo commerciale del film nelle sale e la vittoria agli Academy Awards come migliore sceneggiatura originale nell'edizione del 1942. Dal primo teaser possiamo già vedere all'opera anche la controparte femminile del cast, ovvero la diva e amante di Hearst Marion Davies e la segretaria di Mank, interpretate da Amanda Seyfried e Lily Collins. Completano il parterre d'interpreti Arliss Howard, Tom Pelphrey e Ferdinand Kingsley. 

Una curiosità: oltre a impiegare un font arrotondato, bianco e obliquo che ricorda quelli utilizzati al cinema negli anni '40, anche il logo di Netflix appare in versione vintage (rinominato Netflix International Pictures), adattandosi allo stile dell'epoca e ricalcando quello della RKO Pictures, lo studio che produsse i film di Welles.

Il film di Fincher sarà disponibile su Netflix a partire dal 4 dicembre 2020, con una probabile distribuzione limitata in sala per assicurarsi la candidabilità agli Oscar 2021. 

Leggi anche

      Cerca