Come funziona il Millarworld di Netflix? Lo spiega il fumettista

Millarworld/Netflix Millarworld, acquisita da Netflix nel 2017

La casa editrice indipendente creata da Mark Millar è stata acquisita da Netflix nel 2017. Il fumettista spiega quali sono i termini dell'accordo.

Nel 2017 Netflix è approdato nel mondo dei fumetti. Ha infatti stretto un accordo con Mark Miller e sua moglie Lucy per acquisire l'etichetta creata dal fumettista scozzese nel 2003.

Wanted, Kick-ass e Kingsman (tutti adattati per il cinema) sono solo alcuni dei titoli targati Millarworld che hanno stuzzicato l'interesse di Netflix e condotto infine all'acquisizione.

La mossa del servizio di streaming è chiaramente volta non solo a fare i primi passi nel mercato dei comics, ma anche ad accaparrarsi una serie di titoli da poter adattare nella forma di film e serie televisive da distribuire sulla piattaforma. Almeno, questa era la conclusione alla quale eravamo giunti dopo aver letto il comunicato stampa rilasciato da Netflix nell'agosto del 2017.

Insieme, Netflix e Millar porteranno in TV il franchise di Millarworld, coi suoi personaggi acclamati dalla critica e amati dai fan, e lo faranno attraverso film, serie e programmi per bambini disponibili esclusivamente su Netflix. Millarworld continuerà inoltre a creare e pubblicare nuove storie e franchise sotto l'etichetta Netflix.

Il fumettista ha recentemente specificato che gli show e le pellicole in arrivo non saranno basate su fumetti già editi da Image Comics. Su Twitter, Millar ha spiegato che titoli come Magic Order, Sharkey, Space Bandits e Prodigy, creati in seguito all'accordo con Netflix, sono nati come sceneggiature per la TV e solo in un secondo momento si sono trasformati in fumetti.

Alla domanda “Quindi, fondamentalmente hai creato il fumetto sapendo che avresti realizzato anche una serie TV di Magic Order?”, Millar ha risposto:

Esattamente. Ho lavorato al fumetto basandomi sui dettagli inclusi nella sceneggiatura e sul character design che avevo realizzato in precedenza per il team televisivo. Ovviamente, il discorso cambia per i progetti pre-2017, perché in quel caso sono venuti prima i fumetti e poi gli adattamenti live-action.

L'accordo tra Millaword e Netflix prevede infatti che il fumettista crei una serie di storie ex novo per la distribuzione in TV. Solo successivamente queste potranno prendere forma tra le pagine di un fumetto. “Circa l'80% di queste creazioni si trasformerà in fumetto nell'arco di un anno”, ha spiegato Mark Millar su Twitter.

Per l'autore, si tratta del migliore degli accordi, perché gli permette di continuare a fare ciò che più ama (disegnare fumetti) con la collaborazione di artisti straordinari assunti da Netflix.

Primo frutto dell'accordo è il già citato The Magic Order, pubblicato nel 2018 dalla società di streaming. Come già spiegato, il fumetto ha visto la luce solo dopo la creazione del character design e la stesura della sceneggiatura di una serie televisiva omonima.

Ora, tuttavia, la produzione dello show è stata interrotta. Il progetto era ancora appena in fase di pre-produzione. Lo stop è arrivato mentre la troupe si trovava a Praga, la città che avrebbe fatto da sfondo alla serie, originariamente programmata per il 2021.

Non è chiara la ragione dell'interruzione del progetto, ma secondo Deadline, che ha riportato la notizia in esclusiva, l'incertezza causata dalla pandemia da Coronavirus potrebbe aver avuto un impatto non indifferente nella decisione.

Netflix, consapevole della popolarità del fumetto – che al momento del lancio ha venduto un numero tale di copie da svettare al primo posto nella classifica delle novità più richieste negli ultimi 20 anni –, promette di non avere alcuna intenzione di accantonare per sempre il progetto. La serie TV prodotta da James Wan e Lindsey Beer arriverà sui nostri schermi in futuro, anche se per il momento non sappiamo esattamente quando.

Leggi anche

      Cerca