End of Justice - Nessuno è innocente: trama e finale del film con D. Washington

Warner Bros. Denzel Washington in una scena di End of Justice

End of Justice - Nessuno è innocente è un legal drama del 2017 con Denzel Washington nei panni di un avvocato onesto e idealista costretto a scontrarsi con la realtà. Ecco la trama e il finale.

Scritto e diretto da Dan Gilroy, End of Justice - Nessuno è innocente è un legal drama del 2017 che vanta nei ruoli principali attori del calibro di Denzel Washington, Colin Farrell e Carmen Ejogo. 

La pellicola segue la vita di un idealista avvocato difensore (Washington) coinvolto in una serie tumultuosa di eventi che lo porteranno a una profonda crisi personale e alla necessità di un'azione estrema. Presentato in anteprima al Toronto International Film Festival, End of Justice - Nessuno è innocente non ha ottenuto un gran successo commerciale, considerato il fatto che ha incassato al box office mondiale soltanto 13 milioni di dollari a fronte dei 22 milioni del suo budget di produzione.

La critica cinematografica si è espressa in maniera contrastante sulla pellicola, ma all'unanimità è stata celebrata la performance di Washington, che per la sua interpretazione ha anche ricevuto una prestigiosa candidatura al premio Oscar 2018 come miglior attore protagonista.

End of Justice - Nessuno è innocente: la trama

Roman J. Israel è un avvocato afroamericano fortemente legato agli anni '70 (come rispecchia il suo taglio di capelli), idealista e che guadagna poco più di 500 dollari a settimana in un piccolo studio legale a Los Angeles. Poco incline a scendere a compromessi e votato alla difesa dei più deboli, è però molto valido nel suo lavoro riuscendo a far vincere le cause al suo studio grazie alle sue grandi doti di archivista che gli consentono di scovare il cavillo legale vincente. 

In ufficio Roman è responsabile della preparazione delle memorie difensive, spesso concentrandosi sui diritti civili dei suoi imputati, mentre William Jackson, fondatore dell'azienda e rispettato professore, si concentra sulle arringhe in aula. Sebbene non molto incline a gestire i rapporti sociali, inoltre, il protagonista della pellicola è dotato di una memoria fenomenale e di forti convinzioni personali, che ha perseguito a spese della famiglia.

Quando Jackson subìsce un infarto fatale, lo studio va in bancarotta e chiude. Ragion per cui l'ex studente di Jackson, George Pierce, rimasto molto colpito dalle abilità di Roman, gli offre un lavoro nella sua grande azienda.

Roman, inizialmente, rifiuta questa offerta, credendo che Pierce sia semplicemente un avido avvocato. Durante un colloquio di lavoro presso una rete di attivisti locali, conosce Maya, una giovane e brillante attivista che gli chiede di parlare a un prossimo incontro di attivisti per la riforma della giustizia. Dopo aver riscontrato enormi difficoltà nel trovare un nuovo lavoro, con non poca riluttanza decide di accettare l'offerta di Pierce. 

Inizialmente si mostra non all'altezza della sua nuova azienda, scontrandosi con il socio senior Jesse Salinas per una battuta che l'avvocato ha fatto sulle donne maltrattate. Dopo aver invano tentato di spiegare a Pierce i suoi intenti di riformare il sistema giudiziario (mostrandogli tutte le documentazioni raccolte in merito), Israel apprende con delusione di essere stato assegnato a gestire i rapporti con i clienti.

Uno di questi clienti è Derrell Ellerbee, un giovane arrestato per omicidio, che dice a Roman di essere disposto a rivelare il luogo in cui si trova il vero assassino, Carter "CJ" Johnson, e di essere pronto a testimoniare contro di lui. Roman tenta di convincere Salinas a negoziare un patteggiamento con il procuratore distrettuale, ma il pubblico ministero rifiuta la sua offerta. Nessun accordo viene raggiunto ed Ellerbee viene ucciso.

La stessa sera, Israel viene prima rimproverato da Pierce per aver gestito male il caso di Ellerbee e poi aggredito da un senzatetto che in precedenza aventa tentato di aiutare. Con il tempo diventa malinconico e cinico, finendo con l'usare illegalmente le informazioni che ha ricevuto da Ellerbee per ottenere la ricompensa di 100mila dollari prevista per rivelare il luogo in cui si trova Johnson e concedersi così quei lussi e quei piaceri che in precedenza aveva declinato.

Pierce si scusa con Roman per averlo rimproverato in precedenza e per averlo costretto a uscire dall'ombra, accettando che cresca lavorando dietro le quinte come faceva nella sua vecchia azienda. Maya chiama Roman per chiedergli di uscire per un appuntamento, dove condivide con lui alcuni dei suoi ideali e  lo ringrazia per averla ispirata. Pierce, in seguito, invita Roman a vedere una partita, parlandogli dei progetti futuri che ha per l'azienda. 

End of Justice - Nessuno è innocente: il finale della pellicola

Warner Bros.End of Justice - Nessuno è innocente: scena
Denzel Washington e Colin Farrell in una scena di End of Justice - Nessuno è innocente

Prima di presentargli un nuovo cliente arrestato per omicidio, Pierce rivela a Roman che il suo senso della giustizia lo ha toccato e che sta riorganizzando l'azienda per occuparsi dei casi pro bono che saranno gestiti dallo stesso Roman. L'avvocato, però, si mostra scoraggiato e indifferente a questi nuovi sviluppi. Quando i due si recano a conoscere il nuovo loro cliente, Roman si trova davanti lo stesso Johnson. Il detenuto accusa l'avvocato di aver utilizzato delle comunicazioni privilegiate per procurarsi i soldi della ricompensa e decide di tormentarlo minacciando la sua vita se non si costituirà e andrà in carcere. 

L'avvocato subìsce pertanto un profondo crollo emotivo e, ponendosi dinanzi a a se stesso prima come avvocato e poi come giudice, stima come illegali le proprie azioni. Si riconcilia con Maya e Pierce e cerca di motivarli a perseguire il loro senso interiore di giustizia. Rivela, inoltre, a Pierce di essere pronto a consegnarsi alla polizia per pagare il suo crimine. Mentre Roman comincia a camminare verso la vicina stazione di polizia, viene colpito e ucciso da uno degli scagnozzi di Johnson.

In seguito, vediamo Maya intenta a portare avanti le sue battaglie attiviste, mentre Pierce archivia i documenti di Roman, a nome di entrambi, intento a continuare i suoi sforzi per riformare il sistema giudiziario. 

Leggi anche

      Cerca