Sopravvissuti: cosa sappiamo finora del mystery drama Rai con Lino Guanciale

Uno dei titoli più attesi della prossima stagione racconta una vicenda ammantata di mistero e promette di inquietare gli spettatori con un'angoscia sottile e dannatamente concreta.

Rai Fiction / Gabriele Crozzoli Lino Guanciale in una scena della serie La porta rossa

Un racconto sovrannaturale e al tempo stesso naturalistico, fantastico e al contempo concreto e reale. Sono queste le premesse con le quali si presenta al pubblico Sopravvissuti, la nuova serie TV di Rai Fiction che avvia le riprese il 21 ottobre 2020 a Genova.

I ciak dureranno 23 settimane e si sposteranno tra il capoluogo ligure e Roma. La prima stagione sarà composta da 12 episodi da 50 minuti.

Produce Marco Poccioni per Rodeo Drive con i francesi di Cinétévé: Sopravvissuti è infatti uno dei primi quattro progetti dell'Alleanza Europea, l'iniziativa lanciata dalla Rai insieme ai broadcaster pubblici France Télévisions (Francia) e ZDF (Germania) per la co-produzione internazionale di serie di alta qualità che possano competere con la grande produzione globale.

Ecco tutto quello che sappiamo finora su questo progetto che potrà affascinare i fan di Les Revenants, The Leftovers e The OA.

La trama

Sopravvissuti è presentato come un mystery drama pronto a porre interrogativi ipnotici ed inquietanti allo spettatore.

La trama parla dei passeggeri di una nave di nome Arianna, una barca a vela che salpa per una traversata oceanica con dodici persone a bordo.

Una violenta tempesta, però, costringe l'imbarcazione ad una difficile manovra dopo pochi giorni di navigazione. L'esito è scontato: Arianna scompare dai radar, la nave naufraga negli abissi.

Un anno dopo, tuttavia, succede qualcosa di inaspettato: il relitto viene portato alla luce e a bordo, ancora vive, ci sono sette persone. Che cosa è successo agli altri? Quale segreto nascondono i superstiti?

Ogni episodio della serie, annunciano le note di produzione, "segue le complesse vicende legate al ritorno dei naufraghi, alternate con il terribile periodo trascorso alla deriva per scoprire, passo passo, il segreto del loro viaggio".

Il cast

Lino Guanciale guida il cast di Sopravvissuti. L'attore abruzzese ha da poco concluso la prima parte della tournée di Non svegliate lo spettatore, lo spettacolo diretto da Davide Cavuti e dedicato alla vita e alle opere di uno dei più grandi scrittori e sceneggiatori italiani, Ennio Flaiano.

Nel resto del cast troviamo un mix tra volti noti del cinema e della serialità nostrana e interpreti francesi e tedeschi che potranno diventare sorprendenti scoperte per i telespettatori italiani.

  • Luca Biagini
  • Barbora Bobulova
  • Stéfi Celma
  • Vincenzo Ferrera
  • Florian Fitz
  • Giacomo Giorgio
  • Pia Lanciotti
  • Sophie Pfenningstorf
  • Elena Radonicich
  • Fausto Maria Sciarappa
  • Camilla Semino Favro
  • Alessio Vassallo
  • Adèle Wismes

Il regista e gli autori

Sopravvissuti è una serie scritta da quattro giovani autori provenienti dal Master di Sceneggiatura Rai di Perugia: Sofia Bruschetta, Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano.

Fachin, Galassi e Matano hanno già fatto parte della squadra di autori di Curon, la serie Netflix made in Italy prodotta da Indiana e divisa tra horror, mystery, teen drama e soprannaturale.

La regia dei 12 episodi è di Carmine Elia, che ha già diretto Guanciale nelle due stagioni del thriller La porta rossa e sta conquistando il pubblico di Rai 2 con Mare fuori.

L'offerta delle serie della Rai che vedremo nella prossima stagione non vuole deludere le aspettative.

D'altronde Sopravvissuti ha un respiro internazionale e punta all'innovazione, come spiegato sin dal lancio al Berlinale Series Market, il mercato delle serie televisive del Festival di Berlino, dall'allora Direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta, diventata nel frattempo Vice Presidente delle serie originali italiane di Netflix.

Nel comunicato stampa di lancio, Francesco Nardella, Vicedirettore di Rai Fiction, ha definito Sopravvissuti "una storia universale".

Quella di un Nostos, un ritorno a casa, che, con il linguaggio e i meccanismi del mystery drama, indaga nel profondo dell'animo umano e delle sue relazioni per raccontare cosa siamo disposti a fare per continuare a vivere.

Una certezza confermata da Simone Emmelius, Vice Presidente di ZDF, che ha lanciato Sopravvissuti come "una serie emozionante che unisce diversi talenti europei davanti e dietro la macchina da presa".

Per i temi e l'ambientazione su cui si fonda, Sopravvissuti rappresenta e si rivolge a un pubblico moderno e cosmopolita che raggiungiamo principalmente con le nostre piattaforme digitali ZDFneo e Mediathek.

Nathalie Biancolli, Vice Presidente di France Télévisions, si unisce ai colleghi spiegando che Sopravvissuti "unisce vari aspetti della nostra mission".

La promozione di giovani sceneggiatori e il coinvolgimento dei nostri talenti sul mercato internazionale.

Le altre tre serie dell'Alleanza Europea sono il biopic Leonardo, con Aidan Turner ad interpretare il giovane genio da Vinci e un ricco cast internazionale, Il giro del mondo in 80 giorni con David Tennant nei panni di Mr. Phileas Fogg, e Il quinto giorno, adattamento del thriller distopico di Frank Schätzing.

Questi progetti e Sopravvissuti promettono originalità e idee semplici quanto efficaci. Se saranno all'altezza delle aspettative, sarà valsa l'attesa.

Leggi anche

      Cerca