Detroit: la storia vera dietro al film di Kathryn Bigelow

Detroit è un film drammatico del 2017 che narra quanto avvenuto all'Algiers Motel di Detroit la notte tra il 25 e il 26 luglio 1967, una delle pagine più nere della storia degli Stati Uniti. Ecco la trama della pellicola e il fatto che l'ha ispirata.

Annapurna Pictures Una scena del film Detroit

Detroit è un film drammatico del 2017 diretto da Kathryn Bigelow e scritto da Mark Boal. La pellicola è ispirata ad un fatto di cronaca realmente avvenuto nella notte tra il 25 e il 26 luglio 1967: l'incidente dell'Algiers Motel, che ha avuto luogo durante la rivolta razzista della 12esima strada. Un evento che, ancora oggi, rappresenta una delle pagine più cupe e cruente della storia statunitense. Giorni nei quali polizia e civili si sono affrontati senza riserve causando una carneficina ricordata, a distanza di decenni, con orrore e sgomento dai sopravvissuti, dai familiari delle vittime e dall'opinione pubblica.

Durante gli scontri avvenuti nella città divenuta simbolo della questione razziale negli anni '60 morirono, infatti, 43 persone tra bianchi e afroamericani. Non solo, centinaia furoni i feriti, migliaia gli arrestati e ingenti i danni economici causati, soprattutto, alle attività commerciali di Detroit.

L'uscita del film, che ha commemorato il 50esimo anniversario dell'evento, è stata accolta in maniera sostanzialmente positiva da buona parte della critica cinematografica. Tuttavia, Detroit ha ottenuto scarso successo al box office mondiale, arrivando ad incassare poco più di 26 milioni di dollari a fronte di un budget di produzione di circa 34 milioni.

Detroit: la trama del film

La pellicola tenta di ricostruire in maniera abbastanza precisa, quanto avvenuto in alcuni giorni del mese di luglio 1967, soffermandosi, appunto, principalmente sull'incidente che ha avuto luogo all'Algiers Motel, nel quale persero la vita tre giovani ragazzi afro-americani.

Il film porta lo spettatore indietro nel tempo sino a domenica 23 luglio 1967, quando il dipartimento di polizia di Detroit organizza un'irruzione in un club senza licenza nel quale stava avendo luogo un festeggiamento per il ritorno dei veterani neri dalla guerra del Vietnam. Mentre i sospetti vengono arrestati, si forma una folla di persone che comincia a lanciare pietre contro gli agenti, prima che vengano saccheggiati i negozi vicini e appiccati incendi, dando inizio alla rivolta.

Con le autorità statali, i rappresentanti politici e persino i servizi di emergenza incapaci di mantenere alcuna parvenza di ordine, viene autorizzato l'ingresso in città sia della Guardia nazionale dell'Esercito del Michigan che dei paracadutisti dell'Esercito per fornire assistenza. Il secondo giorno di disordini, due poliziotti inseguono un saccheggiatore in fuga. Uno di loro, Philip Krauss, uccide l'uomo con un fucile da caccia contravvenendo agli ordini, ma gli è permesso di rimanere in servizio fino a quando i suoi superiori non potranno decidere se sporgere denuncia o meno per omicidio.

Nel frattempo i Dramatics, un gruppo R&B nero professionista, arriva a Detroit nella speranza di poter ottenere un contratto discografico. Pochi secondi prima della loro esibizione in programma in un locale, la polizia lo chiude e ordina ai ragazzi di lasciare la città. Durante il viaggio di ritorno, il loro autobus viene attaccato dai rivoltosi e il gruppo si separa successivamente, con il cantante Larry Reed e la sua guardia del corpo Fred Temple che affittano una stanza al locale Algiers Motel per passarvi la notte.

Qui incontrano due ragazze bianche, Julie Ann Hysell e Karen Malloy, che le presentano ai loro amici Carl Cooper, Aubrey Pollard Jr., Michael Clark e Lee Forsythe. Carl Cooper e un altro amico mettono in scena uno scherzo usando una pistola da starter, sconvolgendo Hysell e Malloy, che si trasferiscono nella stanza di Karl Greene, veterano della guerra del Vietnam, mentre Reed e Temple tornano nella loro stanza.

Melvin Dismukes è una guardia di sicurezza privata incaricata di proteggere un negozio di alimentari dai saccheggiatori. Cooper decide di sparare diversi colpi a salve con la sua pistola in direzione delle truppe per spaventarli, ma le guardie pensano che si tratti dell'attacco di un cecchino e lo individuano come proveniente dall'Algiers Motel a causa del bagliore della pistola. Guidati da Krauss, la polizia di stato del Michigan, la Guardia nazionale e la polizia di Detroit arrivano al motel per indagare. Entrando nell'edificio, Krauss spara a Cooper quando cerca di scappare e pianta un coltello vicino al suo corpo mentre sanguina, con il giovane che muore poco dopo.

La polizia raduna tutti nell'hotel e li allinea contro il muro, chiedendo informazioni in merito al cecchino. Nonostante non abbia trovato alcuna arma durante una perquisizione della stanza, Krauss terrorizza e interroga gli occupanti dell'hotel. Arriva Dismukes per cercare di aiutare. Non volendo essere coinvolto, la maggior parte degli agenti della polizia di stato e della Guardia nazionale se ne va senza informare nessuno degli abusi di Krauss.

Quest'ultimo ordina che i sospetti vengano spostati in stanze diverse e sottoposti a finte esecuzioni per indurre gli altri a confessare. Un ufficiale, Ronald August, uccide effettivamente Pollard, poiché non si è reso conto che le esecuzioni avrebbero dovuto essere simulate. Hysell e Malloy vengono portati in una stanza al piano di sopra, con i vestiti di Hysell strappati accidentalmente. Disgustata, una guardia torna indietro e riesce a farli rilasciare dalla custodia. Temendo l'arresto, Krauss permette ai tre uomini rimasti di andarsene, ma solo se giurano di tacere in merito a quanto accaduto all'Algiers. Greene e Reed sono d'accordo, ma Temple viene colpito due volte al petto da Krauss dopo che si ostina a dire loro di vedere un corpo nel motel.

Mentre le rivolte si placano, Dismukes, che ora lavora in una fabbrica, viene arrestato e accusato di omicidio dopo che Hysell lo identifica come presente al motel quella notte. Anche i suoi colleghi ufficiali vengono interrogati e quando tutti tranne Krauss confessano, vengono accusati. Reed, la cui carriera di cantante è in fase di stallo a causa del trauma che ha subìto, viene convocato come testimone. Il giudice alla fine rifiuta di accettare una qualsiasi delle confessioni come prova e, senza prove certe, la giuria di soli bianchi assolve Dismukes e i loro coimputati da tutte le accuse.

Dismukes affronta tre ufficiali ma si ritrova impotente nell'ottenere giustizia per le vittime.

Il film si conclude spiegando cosa ne è stato dei partecipanti: Dismukes si è trasferito in periferia per sfuggire alle minacce di morte e ha ripreso a lavorare come guardia di sicurezza per alcune aziende. Sebbene Krauss, August e Paille siano stati giudicati non colpevoli di omicidio, non sono mai tornati in servizio. Paille è morto il 9 settembre 2011, mentre Krauss e August sono stati arrestati per cospirazione contro la legge del Michigan.

La famiglia di Temple ha citato in giudizio la città di Detroit per omicidio colposo, ma le autorità locali non hanno ammesso alcuna colpa. La pistola da tester di Cooper non è mai stata trovata. Hysell ha lasciato Detroit, cresciuto quattro figli e attualmente lavora come parrucchiere.

I Dramatics ottennero grande successo negli anni '70 e continuano ad esibirsi ancora ggi. Reed non si è mai più unito alla band, ma vive ancora a Detroit e canta nel coro di una chiesa.

Detroit: la storia vera che ha ispirato la pellicola

Eagle PicturesDetroit scena
Una scena del film Detroit, ispirato ai tragici fatti del 1967

La rivolta della 12esima strada di Detroit cominciò nelle prime ore del mattino di domenica 23 luglio 1967. Il dipartimento di polizia di Detroit era composto, all'epoca, per il 93% di uomini bianchi. Di questi, il 45% che lavorava nei quartieri di prevalente popolazione nera era considerato "estremamente anti-negro" e un ulteriore 34% veniva considerato prevenuto nei confronti delle persone di colore.

La rivolta è iniziata dopo che la polizia fece un'irruzione in un'azienda di proprietà di afro-americani che ospitava una sorta di bar illegale, durante una festa per celebrare il ritorno in sicurezza di due veterani neri della guerra del Vietnam. Sebbene la polizia si aspettasse un numero limitato di clienti, all'interno c'erano invece più di 80 avventori afroamericani.

Mentre le dozzine di partecipanti alla festa venivano caricate sui furgoni della polizia, una folla di persone si formò intorno alla scena. Uno dei figli del proprietario del bar saltò sul tetto di un'auto e lanciò una bottiglia contro la polizia, con il resto della folla che decise di seguire il suo brutto esempio. Nella violenza che ne seguì, numerose attività commerciali furono saccheggiate o bruciate, mentre la rivolta si estese ad altri distretti della città. In un primo momento, agli agenti di polizia venne ordinato di trattenersi dal rispondere ai disordini, per prevenire l'esplosione della violenza. Fu imposto il coprifuoco e molte persone di Detroit rimasero a casa o cercarono rifugio.

Per tentare di mettere in sicurezza la città e sorvegliare le sue strade, furono convocate la Guardia Nazionale dell'Esercito del Michigan e i paracadutisti dell'Esercito.

Dopo l'inizio della rivolta, il gruppo musicale dei Dramatics fu costretto a disertare un concerto organizzato tempo prima, con tutti i suoi membri che trovarono ospitalità all'Algiers Motel. Tre dei ragazzi del gruppo - Ron Banks, Larry Demps e Michael Calhoun - se ne andarono prima del 25 luglio, lasciando Roderick Davis, Larry Reed e il cameriere della band Fred Temple al motel. La sera di quello stesso giorno, il motel risultava occupato da diverse persone che si erano rifugiate dai disordini:

  • Carl Cooper, 17 anni, ucciso da un colpo di pistola
  • Lee Forsythe, 20 anni
  • Micheal Clark, 21 anni
  • Julie Ann Hysell, 18 anni
  • Karen Malloy, 18 anni
  • Aubrey Pollard, 19 anni, ucciso da un colpo di pistola
  • Robert Lee Greene, 26 ann
  • Larry Reed, 19 anni
  • Fred Temple, 18 anni, ucciso da un colpo di pistola
  • Roderick Davis, 21 anni
  • Charles Moore, 40 anni
  • James Sortor, 18 anni

Mentre la polizia e le guardie nazionali stavano proteggendo l'edificio della Mutual Life Insurance dei Grandi Laghi un isolato a nord della città, la guardia di sicurezza Melvin Dismukes stava sorvegliando un negozio dall'altra parte della strada rispetto al motel. Dopo la mezzanotte, si avvertirono degli spari e la guardia Ted Thomas riferì di aver sparato nelle vicinanze dell'Algiers Motel. Un grande contingente di agenti di polizia, soldati di stato e guardie di Detroit ricevette l'ordine di indagare. Osservarono le persone dalle finestre della dependance del motel e finirono per fare irruzione nell'edificio dai suoi tre ingressi.

Secondo alcune testimonianze, tre giovani afro-americani - Cooper, Clark e Forsythe - e due donne bianche, Hysell e Malloy, stavano ascoltando musica in una stanza al terzo piano del motel, quando Cooper sparò, con una pistola da starter, più colpi a salve in aria, attirando il fuoco di risposta delle varie autorità esterne. Allarmati e spaventati, gli occupanti del motel fuggirono in altre stanze mentre il personale delle forze dell'ordine fece irruzione all'interno.

Il primo dei giovani a morire fu Carl Cooper, che si trovava una stanza al terzo piano, sebbene il suo cadavere venne poi trovato in una stanza al primo piano. Il ragazzo venne ucciso dalle forze dell'ordine quando entrarono per la prima volta nell'edificio: secondo testimonianze successive, Cooper potrebbe essere stato scambiato per un rivoltoso armato. Diversi membri delle forze dell'ordine hanno successivamente testimoniato che Cooper era già morto quando entrarono nell'edificio. La sparatoria non è mai stata completamente spiegata e nessuno è mai stato arrestato per la morte del giovane Cooper.

Gli occupanti del terzo piano del motel furono radunati nel corridoio del primo piano e allineati contro il muro. I vari agenti presenti sulla scena colpirono a turno ciascuna delle persone, minacciando di ucciderle a meno che non avessero rivelato chi nel motel avesse una pistola. Le due donne di 18 anni, Juli Hysell e Karen Malloy, furono entrambe spogliate nude con la forza mentre a molti degli uomini fu mostrato un coltello sul pavimento e fu detto di raccoglierlo, in modo che potessero essere uccisi per "autodifesa". Secondo dei rapporti di polizia contrastanti, un ufficiale portò uno dei giovani in una stanza e sparò contro il muro, per far credere ai prigionieri che fosse morto. Chiese poi alla guardia Ted Thomas se voleva ucciderne uno.

Thomas ha successivamente portato un occupante in una stanza, salvo poi sparare al soffitto. Aubrey Pollard venne in seguito portato nella stanza A-3 dall'ufficiale Ronald August, che avrebbe successivamente ammesso l'omicidio dello stesso Pollard, affermando di averlo fatto per legittima difesa. I testimoni riferirono che Pollard sembrava fosse stato picchiato sulla testa con un fucile, con una forza sufficiente a rompere la stessa arma. Gli occupanti rimanenti hanno in seguito ammesso che Cooper aveva una pistola giocattolo e che l'aveva utilizzata per fare uno scherzo.

Il suono degli spari venne sentito fuori dal motel e gli agenti di polizia se ne andarono. Due dei poliziotti rimasti scortarono i prigionieri rimasti fuori dalla dependance del motel e dissero loro di correre a casa, altrimenti sarebbero stati uccisi. La morte del terzo giovane, Fred Temple, avvenne in quel momento o poco dopo. Molti dei prigionieri a cui fu permesso di lasciare il motel hanno ricordato che Temple era ancora vivo quando sono usciti dalla struttura. Tuttavia, il corpo di Temple fu successivamente ritrovato nella stanza A-3. Era stato colpito dall'agente Robert Paille, che in seguito ha testimoniato di averlo fatto per legittima difesa durante una lotta per la sua pistola.

Gli agenti non denunciarono le morti avvenute al motel all'ufficio omicidi della polizia di Detroit, che furono riportate alla stampa come avvenute in uno scambio di colpi di arma da fuoco con dei cecchini. Tuttavia, il giornale Detroit Free Press intervistò i testimoni degli eventi, che affermarono di essere stati disarmati e che le persone decedute non erano affatto dei cecchini.

Tutto ciò che ne è seguito non ha risposto al criterio della giustizia che dovrebbe informare un sistema legale e la società in generale. Tra testimonianze false e contraddittorie, solo nel 1969 i poliziotti responsabili delle tre morti avvenute all'Algiers Motel furono portati in aula. Due di essi (sebbene avessero confessato gli omicidi, avvenuti a loro dire per legittima difesa) furono assolti da una giuria composta esclusivamente da membri bianchi. Un altro poliziotto venne ritenuto colpevole di omicidio, ma il giudice archiviò il caso in quanto all'imputato non erano stati letti i suoi diritti in fase di arresto.

Ad ogni modo, nessuno di quei tre agenti tornò a lavorare per la polizia di Detroit. 

Giustizia è stata fatta? No, non in quel caso che ancora oggi (e di certo lo sarà ancora per molto tempo) viene ricordato come una delle pagine più nere della storia degli Stati Uniti d'America.  

FONTE: Detroit News 

Leggi anche

      Cerca