Brave New World non avrà una seconda stagione (per ora): Peacock non ha rinnovato lo show fantascientifico

Peacock  Jessica Brown Findlay

La seconda stagione di Brave New World non si farà: Peacock ha cancellato il titolo, non rinnovandolo per la seconda stagione e silurando la creatura fantascientifica di David Weiner.

Brave New World non è stata nuova e coraggiosa come sperato. A fronte delle recensioni tiepide della critica e di un riscontro freddino del pubblico nelle nazioni in cui è già andata in onda, Peacock ha deciso di non rinnovarla per una seconda stagione. Il neonato servizio di streaming dell'emittente statunitense NBC ha comunque espresso pubblicamente la sua fiducia allo showrunner David Weiner con uno stringato comunicato stampa ufficiale in cui è stata annunciata la notizia al pubblico, ringraziando il cast e la troupe.

Che qualcosa non fosse andato per il verso giusto lo si era intuito già da qualche tempo tra gli addetti ai lavori. In un periodo ricchissimo di adattamenti tratti da romanzi fondativi del genere fantascientifico - l'imminente serie targata Apple tratta dal ciclo della Fondazione di Asimov, il monumentale film di Dune tratto dal romanzo di Frank Herbert - Brave New World non è mai sembrata riuscire a scaldare gli animi.

Eppure alle sue spalle ha uno dei romanzi fantascientifici più letti e amati dell'epoca d'oro del genere, almeno per quanto riguarda il mondo anglosassone: Il mondo nuovo di Aldous Leonard Huxley, pubblicato per la prima volta nel 1932. 

Per Brave New World c'è ancora una tenue possibilità 

Di certo a Brave New World non sono mancante le carte per attirare l'attenzione del pubblico. Basta per esempio considerare gli attori che interpretato i protagonisti della vicenda distopica; sono tutt'altro che volti sconosciuti al pubblico del piccolo e del grande schermo. Tuttavia bisogna anche rilevare come sia Alden Ehrenreich (Solo: A Star Wars Story) sia Jessica Brown Findlay (Downton Abbey) stiano conoscendo un momento d'impasse nelle loro carriere, che dopo questo mancato rinnovo non farà che rafforzarsi. 

Non tutto è perduto. In realtà esiste una via per salvare gli interpreti, lo showrunner e l'intera produzione. È probabile che sarà la stessa NBC via Peacock a sondarla in breve tempo, lavorando alla cessione dei diritti. Comprare uno show "già confezionato", con cast e tecnici scelti e uno showrunner che in breve tempo può scrivere un'intera stagione (per non parlare del pubblico di spettatori già fidelizzati) è un affare ghiotto per i grandi servizi di streaming. Realtà come Amazon Prime ma soprattutto Netflix sono sempre affamate di acquisizioni facili per ampliare ulteriormente il loro già vasto catalogo. 

PeacockJessica Brown Findlay in laboratorio
Dopo Downton Abbey Jessica Brown Findlay non riesce a trovare una serie altrettanto solida di cui far parte

In un periodo di pandemia globale come questo in cui gettare le fondamenta di un nuovo show - tra provini, ricerca delle location e lavoro sul set delle maestranze - è tutt'altro che semplice, avere un prodotto già avviato può essere allettante per questo genere di servizi, anche se la prima stagione non è stata entusiasmante. Mettendoci mano (e dando più tempo al titolo di giocare le sua carte), c'è sempre l'opportunità che cresca fino a diventare un successo di critica e pubblico, vedi alla voce Lucifer e Cobra Kai

È probabile quindi che Universal Cable Productions tenti presto di vendere i diritti di Brave New World a qualche concorrente. Certo per il servizio di streaming di NBC è un colpo non da poco: uno show brillante e capace di attrarre l'attenzione e sostenere la concorrenza delle altre piattaforme avrebbe fatto molto comodo. 

Per saperne di più su Brave New World potete leggere l'approfondimento dedicato

Leggi anche

      Cerca