Videogiochi Marvel, successi e cantonate: ecco Top 5 e Flop 5

Marvel / Insomniac / Arcadia / Nintendo A sinistra la copertina di Marvel's Spider-Man, a destra quella di Silver Surfer del 1990

Peter Parker e gli Avengers sorridono, Silver Surfer e gli X-Men invece chiedono giustizia. L'immaginario Marvel nel gaming, tra consensi e clamorosi scivoloni.

L'industria videoludica punta sull'universo Marvel dal 1982, anno d'uscita di Spider-Man per Atari 2600. Wolverine, Spidey, Thanos e gli altri della Casa delle Idee si prestano alla perfezione ai titoli per le svariate piattaforme di gioco, tuttavia - nonostante il materiale che i Marvel Comics mettono a disposizione (sia in termini di quantità che di qualità) - alcune proposte hanno deluso e non poco le aspettative dei giocatori.

A riportare l'equilibrio facendo da contrappeso ci pensano veri e propri omaggi a supereroi e villain della famiglia Marvel, con videogiochi divertenti, curati nei dettagli e - soprattutto - rispettosi. I più riusciti sono quelli arrivati sul mercato negli ultimi anni, che sfruttano al massimo la potenza delle console più recenti e che con un pizzico di coraggio mettono sul piatto storie inedite e coinvolgenti.

Marvel Games: Top 5

5) X-Men: Mutant Apocalypse

Nel 1994 Capcom lancia sul mercato un picchiaduro a scorrimento per Super Nintendo a tema X-Men. Il gioco è sì basato sul celebre team di mutanti, ma più precisamente su Wolverine & co. visti nella serie d'animazione Insuperabili X-Men in onda dal 1992.

Trama a parte (cinque X-Men si lanciano in una missione di salvataggio per liberare alcuni mutanti prigionieri sull'isola di Genosha), Mutant Apocalypse convince per il sistema di gioco sorprendentemente fluido e appagante per quegli anni e per la fedele trasposizione in salsa videoludica di supereroi e villain.

4) LEGO Marvel Super Heroes

C'è la firma di Traveller's Tales sul primo videogioco in cui gli iconici mattoncini colorati incontrano i personaggi della Casa delle Idee. Pubblicato nel 2013 da Warner Bros. Interactive Entertainment, LEGO Marvel Super Heroes ha regalato ore di divertimento a migliaia di giocatori, anche perché disponibile su più piattaforme (PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One, Wii U, Nintendo DS per citarne alcune).

LEGO Marvel Super Heroes è un open world e molti edifici della Grande Mela sono addirittura esplorabili dall'interno. Il gioco è divertente, ironico ed è l'emblema del puro fan service. Pensate che sono oltre 150 i personaggi Marvel utilizzabili e tutti con peculiari abilità. Tra questi c'è anche Stan Lee, pensate.

3) Marvel: Ultimate Alliance

Siamo nel 2006, Raven Software lancia un RPG in stile Diablo con tutti i più noti nomi dell'immaginario Marvel. L'azione non manca di certo, anche perché si procede con un team composto da quattro elementi, e il comparto grafico è più che gradevole. Forte del successo su piattaforme di più generazioni (da PlyaStation 2 a PlayStation 4, ad esempio), il titolo ha avuto due sequel, l'ultimo nel 2019 in esclusiva per Nintendo Switch.

2) Marvel's Avengers

Nel 2020 è arrivato su PlayStation 4, Xbox One, PC Windows e Google Stadia il cinecomic Marvel che purtroppo è mancato nelle sale. Square Enix - nonostante qualche critica per il design di amatissimi personaggi come Captain America - ha realizzato il videogioco che i fan dei Vendicatori chiedevano da tempo a gran voce. La storia originale c'è (A.I.M., M.O.D.O.K., Taskmaster), il sistema di combattimento diversificato, le possibilità di personalizzazioni, il fan service, la qualità grafica (seppur con qualche sbavatura) pure.

Non ci si può nemmeno lamentare del numero di eroi con i quale mandare al tappeto il nemico e spaccare ogni cosa: Iron Man, Thor, Hulk, Black Widow, Captain America, Ms. Marvel, Black Panther, Hawkeye, Kate Bishop, Spider-Man (quest'ultimo solo su PlayStation). Marvel's Avengers è promosso quasi a pieni voti, ed è per questo che porta a casa "solo" la medaglia d'argento di questa Top 5.

Square Enix Marvel's Avengers - COMIC Book [Esclusiva Amazon.It] - Day-One Limited - PlayStation 4
Square Enix

Marvel's Avengers - COMIC Book [Esclusiva Amazon.It] - Day-One Limited - PlayStation 4

34,99 €
Square Enix Marvel's Avengers - COMIC Book [Esclusiva Amazon.It] - Day-One Limited - Xbox One
Square Enix

Marvel's Avengers - COMIC Book [Esclusiva Amazon.It] - Day-One Limited - Xbox One

59,99 €

1) Marvel's Spider-Man

È l'avventura videoludica di Peter Parker per eccellenza nonché, più in generale, uno dei migliori titoli per current gen. In esclusiva per PlayStation 4 e PlayStation 5 (anche in versione Remastered), l'opera di Insomniac è superba sotto molti punti di vista.

New York non è mai stata così bella, dettagliata e divertente da scoprire. Su console chiaramente. La vista dall'Empire State Building è mozzafiato, così come dalla Avengers Tower. Andare a spasso tra i boroughs di Manhattan per recuperare collezionabili, scattare foto, scoprire nuovi punti di interesse e, ovviamente, dare una lezione a chiunque stia seminando il panico o abbia intenzione di farlo è sempre un piacere, anche dopo aver completato tutte le missioni principali.

Sony Marvel's Spider-Man - PlayStation 4
Sony

Marvel's Spider-Man - PlayStation 4

31,98 €

L'occhio vuole la sua parte, e la Grande Mela - che sia di giorno o di notte, illuminata dalle sue mille luci o messa a ferro e fuoco da un pericoloso villain - svolge egregiamente il suo ruolo di mappa open world. Un "terreno di gioco" dove Spidey da il meglio di sé, passando da uno skyscraper all'altro con agilità e fluidità e mandando al tappeto i nemici con acrobazie che già conosciamo e che vengono riproposte nel migliore dei modi. Combo, gadget hi-tech e attacchi stealth fanno il resto.

Marvel's Spider-Man si avvicina alla perfezione e per poco non la raggiunge. Un problema, ad esempio, è la ripetitività delle missioni secondarie (che sulla mappa non mancano mai). Per il resto, primo posto nella Top 5 più che meritato.

Marvel Games: Flop 5

5) Iron Man

Nemmeno il doppiaggio (in lingua originale) di Robert Downey Jr. e Terrence Howard è riuscito a rendere piacevole Iron Man. Datato 2008 e disponibile su PlayStation 2, PlayStation 3, PSP, Wii, Nintendo DS, Xbox 360 e PC, il gioco è stato realizzato unicamente per cavalcare l'onda dell'omonimo film, che tra l'altro ha dato inizio al Marvel Cinematic Universe. Una copertina per conquistare i fan, poi crudelmente traditi dalla realtà dei fatti.

Comandi tutto fuorché intuitivi, una grafica imbarazzante considerato l'anno di pubblicazione (eccezion fatta per l'armatura di Tony, più curata rispetto a tutto il resto), nemici che vanno giù al primo colpo. E volare dal punto A al punto B - aspetto del gameplay che dovrebbe essere piacevole - è un incubo.

4) The Incredible Hulk

È riuscito a fare peggio del film dai cui è tratto, L'incredibile Hulk appunto (che è parte del MCU, anche se molti fanno finta di non ricordare). Anche in questo caso c'è lo zampino di SEGA, che ha lanciato sul mercato un gioco dai più giudicato come imbarazzante. Coraggiosa la mossa dell'open world, ma il resto è da gettar via. Comandi scattosi, grafica difficile da commentare e glitch in ogni dove.

Hulk spacca, sì, ma il disco di "gioco"...

3) The Punisher: No Mercy

La campagna in single player dura meno di un'ora e il sistema di shooting sembra una presa in giro. Cercando approfondimenti e recensioni su The Punisher: No Mercy troverete giudizi del genere. Giunto nel 2009 solo su PlayStation 3, dell'orrore firmato Zen Studios c'è traccia solo su YouTube o in classifiche come questa. Per fortuna!

2) Silver Surfer

L'araldo di Galactus detiene il Potere Cosmico, ha capacità divine, può manipolare la materia di cui è composto l'Universo. Viaggia sulla sua iconica asse attraverso lo spazio, il tempo e le dimensioni. Ha una forza sovrumana e la sua pelle è indistruttibile. Può guarire tutti gli essere viventi, anche in punto di morte. È uno dei più potenti personaggi Marvel, eppure nel videogioco per NES del 1990 a lui dedicato passa a miglior vita quando viene sfiorato da una zucca di Halloween o colpito da lucertoloni che a vederli non mettono nessuna paura.

Sarà che siamo negli anni '90, ma qui la grafica non c'entra proprio nulla.

1) The Uncanny X-Men

Ancora NES, ma nel 1989. È questo l'anno di The Uncanny X-Men, una mortificazione fatta gioco. È possibile scegliere fra più personaggi (Ciclope, Tempesta, Wolverine...), che tuttavia non hanno alcuna abilità peculiare. Sono praticamente tutti uguali e non possono fare altre che colpire i nemici da lontano con non si sa bene cosa. Ok il 1989, ma qui non c'è alibi che tenga: è proprio tutto da buttare.

Logan e soci sono ancora in attesa di sentite scuse. E anche chi ha acquistato The Uncanny X-Men.

Leggi anche

      Cerca