Le Streghe: critiche al remake per il suo rapporto con la disabilità

Warner Bros. Il cast de Le Streghe

Le Streghe, film di Robert Zemeckis con Anne Hathaway e Octavia Spencer, si trova al centro di polemiche per aver rappresentato la diversità come mostruosa, associandola alle streghe e a qualcosa di malvagio e di cui aver paura. Warner Bros. ha risposto.

È arrivato solo da poco in streaming e sono già scoppiate le polemiche attorno a Le Streghe (The Witches), il film di Robert Zemeckis che vede Anne Hathaway nei panni della Strega Suprema.

Il modo in cui questa - e anche le altre streghe del film - è stata rappresentata sullo schermo non è piaciuto a molti, che considerano la pellicola molto poco sensibile nei confronti delle persone disabili: nel film basato sul romanzo di Roald Dahl, le streghe sono, infatti, descritte come spaventose perché hanno tre dita nelle mani e niente dita nei piedi.

Warner Bros.Il cast nel poster de Le Streghe
Il poster de Le Streghe

Durante la campagna promozionale del film, è stato diffuso un video che insegnava “come individuare una strega”.

Ecco cosa dovete sapere delle streghe: sono vere, sono qui e vivono tra di noi.

Spiegando che le streghe non hanno dita dei piedi, indossano parrucche perché non hanno capelli e guanti per coprire le strane mani, oltre ad avere un enorme spaventoso sorriso.

Secondo alcuni membri della comunità dei disabili e attivisti – come riporta Deadline – ciò sarebbe offensivo nei confronti di chi è affetto da disabilità simili.

La nuotatrice paralimpica britannica Amy Marren ha commentato, sul proprio profilo Twitter, la vicenda.

Warner Bros. UK, avete pensato a come questa rappresentazione delle differenze degli arti avrebbe influenzato la comunità dei disabili?!

L'account Twitter ufficiale dei Giochi Paralimpici, su Twitter, riporta:

La diversità degli arti non fa paura. Le differenze dovrebbero essere celebrate e la disabilità deve essere normalizzata. #NotAWitch

Il profilo ha esortato il pubblico a diffondere l'hashtag #NotAWitch, che vuol dire “non una strega", per far sentire la propria voce ed evidenziare quanto c’è di sbagliato nella rappresentazione delle streghe nel film: far passare il messaggio che avere tre dita o non avere affatto delle dita sia qualcosa di mostruoso, da attribuire alle streghe, all’anormalità e alla malvagità, è del tutto sbagliato.

Di questa opinione è anche Melissa Johns, attrice britannica nata senza avambraccio e mano destra.

È questo il tipo di messaggio che vogliamo che la prossima generazione riceva? Che avere tre dita significhi essere una strega? […] La disabilità NON dovrebbe essere associata al male, all’anormalità, al disgusto, alla paura o ai mostri.

Un portavoce di Warner Bros. ha dichiarato che l’azienda è “profondamente dispiaciuta nell'apprendere che la raffigurazione dei personaggi immaginari ne Le Streghe potrebbe irritare le persone con disabilità” e si “rammarica per qualsiasi offesa causata”.

Il portavoce ha poi spiegato che l’adattamento della storia originale è avvenuto lavorando a stretto contatto con disegnatori e artisti per “creare una nuova interpretazione degli artigli felini descritti nel libro” e che non c’è mai stata l’intenzione di far credere che le creature fantastiche rappresentate potessero riferirsi a persone reali.

Le streghe di Roald Dahl Salani Le streghe di Roald Dahl
Le streghe di Roald Dahl
Salani

Le streghe di Roald Dahl

13,21 €

Nel romanzo di Dahl del 1983, si dice che le streghe abbiano dei “piedi quadrati senza dita" e "artigli invece di unghie". Il libro è già stato adattato al cinema, nel 1990, con Chi ha paura delle streghe?.

La storia narrata ne Le Streghe è quella di un bambino orfano (Jahzir Kadeem Bruno) che, nel 1967, va a vivere con la nonna (Octavia Spencer) e si trova a dover affrontare una congrega di streghe guidata dalla Strega Suprema (Anne Hathaway).

Warner Bros.Il cast de Le Streghe
Una scena de Le Streghe

Diretto da Zemeckis e co-scritto con Guillermo del Toro, Le Streghe è stato rilasciato, negli USA, su HBO Max, il 22 ottobre 2020 e in Italia, il 28 ottobre, su alcune delle più importanti piattaforme di streaming online.

Leggi anche

      Cerca