Chi sono i personaggi di Star Wars nel video introduttivo di The Mandalorian?

Lucasfilm Il Mandalorinao e Baby Yoda in una scena della serie

Da quando The Mandalorian ha debuttato su Disney+ ogni episodio della serie è accompagnato da una nuova intro che presenta alcuni tra i personaggi più iconici dell'universo di Star Wars. Scopriamoli insieme.

Da quando The Mandalorian ha debuttato sul finire dello scorso anno su Disney+ (anche se da noi è arrivata solamente nella primavera del 2020 in concomitanza con lo sbarco della piattaforma di Topolino in Italia) è stata in grado sin da subito di catalizzare su di sé un incredibile consenso di pubblico e critica. Sarà per l'irresistibile cuteness del piccolo Baby Yoda (in originale The Child), vero e proprio mattatore della serie e scacco matto anche a livello di creazione di un nuovo florido merchandising; sarà per la facilità con cui le vicende del misterioso Mandaloriano sono riuscite a restituire ai fan della leggendaria saga le sensazioni e i ricordi della trilogia originale dopo la turbolenta e divisiva parentesi degli ultimi tre film sequel che portano la firma di J.J. Abrams e Rian Johnson.

Con l'arrivo della seconda stagione, che proprio in questo periodo sta conoscendo il rilascio di nuove avventure una puntata a settimana, il giubilo dei fan è tornato ovviamente a salire. Soffermiamoci però su di un particolare che accompagna la prima produzione originale live action a tema Star Wars targata Disney+ (nei passati mesi infatti è giunta sulla piattaforma anche la settima stagione della serie animata The Clone Wars), ovvero la nuova breve intro di casa Lucasfilm. Una fanfara dal gusto retrò che monta e sale ad affiancare un tenue alternarsi di luci blu e rosse che si riflettono e marcano alcuni dei volti diventati più iconici nell'immaginario della florida saga creata da George Lucas nel lontano 1977, lasciando probabilmente dedurre che sarà questo il video di apertura designato delle prossime serie tv originali che dovrebbero sbarcare in streaming, su tutte quelle dedicate al maestro Jedi Obi-Wan Kenobi e alla spia ribelle Cassian Andor.

Adesso però scopriamo insieme qualche dettaglio in più, in ordine di apparizione, su chi sono e da dove arrivano questi volti che in pochi istanti passano davanti ai nostri occhi e segnano una storia lunga decenni.

I personaggi dell'intro

Darth Vader

Chi altri se non Darth Vader incarna lo spirito e l'iconicità di una saga come quella di Star Wars? D'altronde ciò al quale ruotano attorno i nove film principali del canone è proprio il cuore che risiede nelle fattezze del Prescelto, quell'Anakin Skywalker che nasce come un predestinato nella trilogia prequel (dove è interpretato da Hayden Christensen) e che finisce per cedere alle lusinghe del Lato Oscuro, segnando la miserabile parabola di uno dei personaggi più d'impatto dell'intera storia del cinema. Impresso a fuoco nel bagaglio culturale di tutti gli appassionati dalle fattezze dell'armatura disegnata da Ralph McQuarrie nei tre film originali, dove fa la sua prima apparizione, e da quel respiro meccanico che basta da solo a delineare la personalità del villain per eccellenza, quella di Darth Vader è di fatto la presenza cardine e imprescindibile di Star Wars, approfondita nel corso degli anni in modo trasversale anche in romanzi, fumetti e videogiochi.

BB-8

Quello che lega i droidi a Star Wars è un binomio indissolubile e da sempre adeguatamente alimentato, spesso con personaggi in grado di divenire comprimari di spessore e ai quali è affidata la maggior parte delle volte la componente più ironica e irriverente conosciuta in film e serie tv. BB-8 è la new entry in questo esclusivo club al quale si unisce con la trilogia sequel, in particolare svolgendo il suo lavoro come astrodroide al servizio del famigerato pilota ribelle Poe Dameron (che nei film ha le fattezze di Oscar Isaac). Forse non ha raggiunto la fama e lo spessore che alcuni suoi famigerati colleghi sono riusciti a ritagliarsi nel corso del tempo, e che vedremo anche qui di seguito, ma quella del piccolo e sferico companion della Nuova Repubblica è sicuramente una delle note più gradite dei tre film che sono andati a chiudere il ciclo di Skywalker.

C-3PO

Proseguendo appunto su questa scia che abbiamo appena illustrato, troviamo subito dopo C-3PO, il logorroico droide protocollare che ha attraversato da cima a fondo la storia degli Skywalker padre e figlio (Darth Vader è infatti padre di Luke, lo sapevate?). Compare inizialmente in Una nuova speranza, ma C-3PO è costruito da zero da un giovanissimo Anakin quando è ancora relegato come schiavo nella sua casa su Tatooine, rappresentando nella sua spesso spigolosa e unica "antipatia" uno dei motori della memoria della saga, conservando all'interno dei suoi circuiti il ricordo di innumerevoli avventure che lo hanno visto per la maggior parte del tempo al fianco della sua nemesi nonchè sincero amico e fedele compagno R2-D2 (un altro droide che troveremo anche lui in questa lista).

Kylo Ren

Nel 2015 fa capolino un altro grande villain di Star Wars, destinato a imporsi come una figura complessa e incredibilmente sfaccettata: Kylo Ren. Ben Solo, questo il suo nome originale prima che votasse tutto sé stesso allo studio delle oscure vie della Forza, il figlio del leggendario cacciatore di taglie Han Solo e della Principessa Leia, la sorella di Luke Skywalker, Kylo Ren è uno dei personaggi più affascinanti del nuovo corso conclusosi nel 2019 con L'ascesa di Skywalker. Tormentato, isterico, eternamente incompiuto, il comandante dei tenebrosi Cavalieri di Ren è perfettamente interpretato da un sempre ottimo Adam Driver, cresciuto nell'ombra di suo nonno, l'apparentemente inarrivabile modello al negativo Darth Vader, Kylo Ren ascende nella scala gerarchica del Primo Ordine fino a diventarne il Leader Supremo nel capitolo conclusivo della trilogia sequel. Il destino però ha per lui altro in serbo, facendolo redimere nell'istante decisivo al fianco di Rey, la nuova vera paladina della Forza.

R2-D2

Come promesso c'è però un ulteriore tassello da dover dedicare alla nostra lista di mitici droidi, e a questo giro il turno è quello che tocca a R2-D2. Come già accennato, oltre ad essere la controparte più irriverente di C-3PO con il quale condivide le apparizioni in ogni film della saga, R2-D2 è un "astromech droid" che inizia la sua avventura sotto il comando della regina Amidala di Naboo, interpretata nella trilogia prequel da Natalie Portman e amore giurato di Anakin Skywalker con il quale avrà i gemelli Luke e Leia. Passerà poi proprio al servizio di Anakin nel corso delle Guerre dei Cloni, diventandone uno dei più fidati compagni di viaggio e di battaglia prima che decenni dopo, durante la guerra tra Ribellione e Impero, finirà proprio al seguito del novello Jedi Luke.

Pilota ribelle

Tra questa rassegna di icone trova posto anche l'elmetto di un pilota ribelle, confermando che questo breve slideshow non fa affidamento su volti specifici riconducibili a determinati attori, ma piuttosto si ricollega al portato di immaginario in grado di scaturire dalla potenza dei simboli. Nello specifico i piloti ribelli hanno da sempre rappresentato una colonna portante delle battaglie spaziali che danno, non a caso, il nome proprio alla saga di Star Wars. Ogni vero appassionato ha infatti impresse nella memoria le forme e le curve delle famigerate astronavi della Guerra Civile Galattica, come il più noto tra tutti X-Wing, l'A-Wing, lo Y-Wing, il B-Wing, lo U-Wing, bolidi che hanno sfrecciato in innumerevoli scontri e vera chiave di volta nel rovesciare le sorti nelle schermaglie che sono culminate con la distruzione della prima e seconda Morte Nera.

Scout Trooper

Subito dopo troviamo il casco di uno scout trooper, lo speciale corpo dell'Esercito Imperiale che viene impiegato per lo più in missioni di ricognizione. Indossano un'armatura e attrezzatura più leggera rispetto alla loro controparte più diffusa, i regolari stormtrooper, e vengono per lo più associati a operazioni nelle quali sono soliti muoversi a bordo delle veloci speeder bike, così come avviene in maniera massiccia durante la battaglia sulla luna di Yavin IV che occupa la fase finale dello scontro tra Alleanza Ribelle e Impero ne Il ritorno dello Jedi. Tra l'altro proprio nella prima stagione di The Mandalorian, nel capitolo otto, c'è il simpatico siparietto che riguarda Baby Yoda messo nella sacca di uno speeder bike mentre una coppia di scout trooper prova a portarlo nelle mani del Moff Gideon (Giancarlo Esposito).

Stormtrooper del Primo Ordine

Parlavamo poc'anzi degli stormtrooper ed ecco che uno dei loro elmetti (forse quello di un generico comandante come il Captain Phasma, tra i leader dell'esercito) compare brevemente in questa particolare rassegna, seppur nella variante aggiornata che fa riferimento ai soldati appartenenti non all'Impero Galattico bensì alla sua costola rimasta nelle fattezze del Primo Ordine. Appaiono per la prima volta nel 2015 con Il risveglio della forza, dove in particolare a divenire uno dei protagonisti è un ex soldato redento e che finisce per disertare, Finn (al quale presta il volto John Boyega), destinato a diventare uno dei compagni più fedeli della nuova eroina Rey.

Il Mandaloriano

Ultimo ma non ultimo a delineare questa sorta di "Star Wars Cinematic Universe" tocca a lui, il protagonista indiscusso della serie alla quale presta il nome, il Mandaloriano. In realtà, nonostante sia questo il generico appellativo con il quale la maggior parte delle persone si rivolge a lui, il Mandaloriano un nome lo ha: Din Djarin, che porta il volto, solo per brevi attimi al termine della prima stagione, di Pedro Pascal. Cresciuto come "trovatello" da un clan di mandaloriani, che secondo il loro credo non possono abbandonare gli orfani che trovano durante il loro cammino, è addestrato all'arte della guerra e diviene un noto cacciatore di taglie che opera nell'Orlo Esterno della galassia durante il turbolento periodo di interregno dopo la caduta dell'Impero Galattico. Dopo il suo incontro con The Child, che tutti noi conosciamo meglio come Baby Yoda, le sue avventure a bordo della Razor Crest sono tutte da scrivere e noi non vediamo l'ora che ciò accada. This is the way.

Leggi anche

      Cerca