Michael Bay dirigerà Ambulance, un thriller d'azione con Jake Gyllenhaal

Warner Bros. Un'immagine di Jake Gyllenhaal in Prisoners

Michael Bay si starebbe preparando a dirigere Ambulance, un thriller d'azione sulla falsariga di classici come Bad Boys e Speed.

Michael Bay è sicuramente uno dei registi più instancabili di tutti i tempi, vista la sua capacità di passare da un progetto all'altro con estrema disinvoltura e velocità.

Il regista si è ora imbarcato in una nuova avventura, un thriller chiamato Ambulance e le cui riprese dovrebbero partire durante il mese di gennaio del prossimo anno (sperando che l'emergenza sanitaria abbia allentato la stretta, consentendo di effettuare i lavori senza rallentamenti o interruzioni di sorta).

Stando a quanto riportato da Deadline, Bay starebbe inoltre cercando gli attori che si uniranno al progetto, tra cui spicca il nome di Jake Gyllenhaal come protagonista. Universal Pictures dovrebbe inoltre essere nelle fasi finali per un accordo di distribuzione del film, per un'uscita prevista nelle sale cinematografiche a fine 2021 (o al massimo a inizio 2022). 

La sceneggiatura originale (parcheggiata per anni in attesa che un regista abbastanza temerario decidesse di prendere in carico il progetto) è scritta da Chris Fedak, il tutto prodotto da James Vanderbilt, Bradley Fischer e Will Sherak. 

Al momento non sono stati resi noti né il ruolo che Gyllenhaal andrà a interpretare né i dettagli specifici della trama del film, che Michael Bay avrebbe paragonato a due grandi classici d'azione degli anni '90, ossia Bad Boys (diretto dallo stesso Bay nel lontano 1995) e Speed (la celebre pellicola d'azione del 1994, diretta da Jan de Bont ed interpretata da Keanu Reeves).

Con molta probabilità, quindi, al centro della vicenda potrebbe esserci davvero un'ambulanza che sfreccia a tutta velocità sulle strade, affrontando insidie e difficoltà di ogni genere (magari nel bel mezzo di un gran numero di esplosioni, da sempre marchio di fabbrica di Bay quando si tratta di pellicole d'azione).

Un'ennesima sfida, quindi, per un cineasta che da sempre ama il rischio e l'adrenalina sotto ogni aspetto. Bay figura infatti come produttore dell'originale thriller Songbird, un film noto per essere di fatto una delle prime produzioni girate nel bel mezzo della pandemia di coronavirus.

Diretto da Adam Mason e interpretato da K.J. Apa e Sofia Carson, il lungometraggio è stato infatti realizzato nel periodo più "nero" per quanto riguarda i casi COVID-19 negli Stati Uniti, più precisamente nella città di Los Angeles.

Jake Gyllenhaal è invece attualmente al lavoro su The Guilty, pellicola diretta dal regista Antoine Fuqua le cui riprese sono attualmente in corso a Los Angeles. Prossimamente apparirà anche nella serie targata HBO The Son, diretta da Denis VIlleneuve e basata sul romanzo di Jo Nesbo (noto in Italia come "Il confessore").

Fonte: Deadline

Leggi anche

      Cerca