Queste oscure materie, cos'è successo nel finale della prima stagione

HBO/BBC Lyra e Asriel nel finale della prima stagione di Queste oscure materie

Uno sguardo all'ultimo episodio della season 1 della serie tratta dall'opera di Philip Pullman.

Il finale di Queste oscure materie spalanca le porte a una seconda attesa stagione, che farà finalmente incontrare i due assoluti protagonisti, Lyra e Will. La prima è una ragazzina audace e carismatica che vive in un mondo in cui le persone sono accompagnate da daimon, vale a dire la rappresentazione sotto forma di animale della propria anima; il secondo è un giovanotto che abita in un mondo parallelo, simile al nostro, e si prende cura della madre malata di mente fin quando non decide di mettersi sulle tracce di suo padre, l'esploratore disperso John Parry.

Nelle fasi iniziali della serie TV, Lyra scopre l'esistenza di una sostanza dorata nota come Polvere, che per il Magisterium è estremamente eretica (la considera infatti la prova fisica del peccato originale): peraltro, un'organizzazione religiosa chiamata Intendenza Generale per l'Oblazione, diretta da Marisa Coulter, studia il fenomeno compiendo raccapriccianti esperimenti sui bambini. Così ha inizio il viaggio di Lyra: tra i bimbi rapiti dalla Coulter c'è infatti Roger, il suo migliore amico, quindi non può fare a meno di mettersi in marcia per andare a salvarlo. La prima parte della sua avventura si conclude con il lieto fine, perché non soltanto riesce a porre fine agli oscuri esperimenti condotti per separare i ragazzini dai daimon, ma anche a ricongiungersi a Roger. La felicità della protagonista è però effimera e l'ultimo episodio dello show HBO è un vero colpo al cuore per Lyra.

Ma come finisce la season 1 di Queste oscure materie? Cosa succede nel finale? Ecco un recap.

Lyra e Lord Asriel

Va detto che il finale di Queste oscure materie è probabilmente il migliore episodio finora distribuito, sia perché la stagione raggiunge po' il suo climax, sia perché offre un alto livello di recitazione e un ottimo ritmo. Gran parte della puntata è dedicata a Lyra e Lord Asriel: molto bello il confronto che hanno nei primi minuti, quello in cui la protagonista raggiunge Asriel per dargli l'aletiometro e gli dice di sapere che è sua figlia. È la prima volta che i due hanno un rapporto genitore-figlio e non manca un momento di commozione da parte della bambina, ma subito viene smorzato dal padre che le confessa di non essere tagliato per una responsabilità simile.

Un'altra scena importante in cui Lyra e Lord Asriel parlano è quella in cui l'argomento centrale è la Polvere. L'uomo finalmente le spiega come la Chiesa abbia cercato da sempre di controllare le persone indicando la Polvere come la rappresentazione fisica del peccato originale (che si deposita sugli umani quando entrano nella pubertà), motivo per cui Asriel è ossessionato dal condurre ricerche su questa particella invisibile a occhio nudo. Vuole dimostrare che il Magisterium si sbaglia, cercando di capire da dove viene la Polvere e andare alla fonte per chiedere cosa sia, con l'obiettivo ultimo di viaggiare tra i mondi.

Peccato che, per raggiungere i suoi scopi, Asriel voglia seguire metodi poco ortodossi: mentre Lyra dorme, porta con sé il piccolo Roger, che vuole intercidere (cioè separare dal proprio daimon) per accumulare energia sufficiente ad aprire uno squarcio spazio-temporale. La ragazzina allora chiama a rapporto l'orso corazzato Iorek e lo cavalca per raggiungere il più in fretta possibile suo padre. Di fatto, Lyra scopre che suo padre e sua madre non sono poi tanto diversi: se la Coulter era disposta a condurre gli esperimenti sui bambini a nome del Magisterium, Asriel non si sottrae dal sacrificare Roger per portare avanti la sua ricerca.

HBO/BBCLyra e Asriel parlano della Polvere nel finale della prima stagione di Queste oscure materie

La battaglia tra zeppelin e orsi

Marisa Coulter si dirige al Nord per raggiungere Asriel, ma, proprio nel momento in cui lo trova, lui la spiazza: le propone di continuare insieme lo studio della Polvere, di varcare il portale per scardinare il potere del Magisterium scoprendo le origini della particella elementare. La donna però declina l'offerta, dicendogli che tutto ciò che vuole è stare accanto a Lyra.

Forse la parte più spettacolare, dal punto di vista visivo, del finale della prima stagione di Queste oscure materie è quella in cui zeppelin e orsi si scontrano in una guerra violenta. Lyra in un primo momento scappa spaventata, cercando di mettersi al riparo, poi viene invitata da Iorek a salire sul suo dorso per raggiungere rapidamente Roger prima che sia troppo tardi.

Purtroppo però, quando la ragazzina arriva sull'altura, il suo giovane amico è già stato rinchiuso in una gabbia e si dispera perché non vuole morire. Un bagliore e un'onda di energia vengono sprigionati quando l'intercisione si compie, mentre Roger cade a terra esanime. Perlomeno, un attimo prima Lyra e Roger riescono a vedersi un'ultima volta.

In una scena precedente, comunque, i due avevano avuto un breve dialogo all'interno di una tenda. Un bel momento, che ha celebrato il loro rapporto di amicizia: Lyra, infatti, era partita per liberare Roger dalle grinfie di sua madre, un gesto coraggioso e altruista che l'amico dimostra di apprezzare infinitamente. Si scambiano un fraterno abbraccio e, inconsapevoli di quello che di lì a poco sarebbe successo, si addormentano sereni.

HBO/BBCLyra e Iorek in una scena del finale della prima stagione di Queste oscure materie

Attraverso il varco

Dopo la morte di Roger, Lyra è più che mai decisa a varcare il portale per scoprire cos'è la Polvere prima che ci riesca suo padre: valutando il da farsi con Pan, il suo daimon, sceglie di attraverare il Multiverso per far sì che il sacrificio dell'amico non sia vano. Stringe il suo corpicino freddo un'ultima volta e, tra le lacrime, gli dice addio.

Nel frattempo, nel mondo parallelo, Will è pedinato dal Magisterium che si avvale dell'aiuto della polizia. Diramato l'ordine di cattura, gli agenti iniziano a dargli la caccia. Il ragazzino di colore prima si rifugia in un bar, ma, quando vede che in TV il notiziario locale parla di lui, decide di alzare i tacchi ed evitare posti affollati. Will è un po' confuso, disorientato: d'altronde ha appena letto delle lettere di suo padre che potrebbero essere la prova di un suo viaggio attraverso il Multiverso (quindi John Parry potrebbe essere ancora vivo, sebbene sia scomparso da tredici anni dal Mondo di Will).

L'episodio si conclude con il giovane che, incuriosito dalla vista di un gatto, accede al Multiverso da un'altra entrata. Nella seconda stagione, pertanto, Lyra e Will finalmente si incontreranno.

La prima stagione di Queste oscure materie è stata piuttosto fedele al libro La bussola d'oro, sebbene i produttori abbiano deciso di inserire nella storia il personaggio di Will, che non compare nel romanzo (la protagonista assoluta de La bussola d'oro è infatti Lyra). Osservandola nell'insieme, la season 1 si percepisce più come un prologo per le vicende che verranno, piuttosto che come l'adattamento del primo libro della trilogia: questo perché prende appunto in prestito elementi da La lama sottile, dove c'è Will. Se questa decisione ha funzionato lo si scoprirà soltanto con la stagione 2, perché il tempo extra concesso al personaggio potrebbe servire a dargli maggior rilievo. L'obiettivo della season 1, comunque, sembrava fosse quello di avere sia Will che Lyra in un momento finale condiviso, solo che la scelta di introdurre il ragazzino già dalla prima stagione ha effetto solo in parte, perché il suo spazio è notevolmente inferiore rispetto al quello dato a Lyra. Ciò non toglie che ci sia grande fedeltà al materiale d'origine. Soprattutto il finale di stagione rende molto bene omaggio all'opera di Philip Pullman, più o meno tutte le scene clou, infatti, sono ben recitate e trasposte su schermo in modo eccellente.

Leggi anche

      Cerca