David Fincher conferma lo stop a Mindhunter e svela i piani per il finale originale

È davvero (davvero) finita per Mindhunter? Ancora una volta, David Fincher ha confermato lo stop alla serie. Ma di nuovo, il regista è sembrato lasciare una porta aperta, svelando i piani per il finale originale.

Netflix I protagonisti di Mindhunter a colloquio con un serial killer

Il rapporto tra David Fincher e Mindhunter ricorda un po' quello di certe coppie che non riescono più a stare insieme, ma neppure vogliono lasciarsi, e alla fine decidono di prendere una pausa di riflessione.

In una recente intervista a Vulture, il regista di Seven e Fight Club ha dichiarato che i detective Tench e Ford e la dottoressa Carr non avrebbero fatto ritorno... nell'immediato. Il filmmaker ha spiegato che la serie costa troppo per il pubblico che ha. E fatto non secondario, è una produzione che lo assorbe completamente e gli procura un grande stress. 

A distanza di un mese da quelle dichiarazioni, Fincher è tornato sull'argomento con Variety, in occasione del lancio del suo ultimo film, Mank, che arriverà su Netflix il 4 dicembre 2020. E ancora una volta ha ripetuto che Mindhunter è in pausa... per ora:

Non so se ha senso continuare. Era una serie molto costosa. Aveva un pubblico davvero appassionato, ma i numeri non hanno mai giustificato i costi.

Il regista ha confermato lo stop, ma ha lasciato una porta aperta, svelando i piani per il finale originale:

A un certo punto, mi piacerebbe tornare a occuparmene. L'idea era di arrivare alla fine degli anni '90 e all'inizio dei 2000, fino a quando gli agenti bussano alla porta di Dennis Rader.

Il famigerato omicida seriale, chiamato il BTK Killer o lo Strangolatore BTK, acronimo per "bind, torture and kill", ovvero "lega, tortura e uccidi", dal suo modus operandi, è il vero e proprio fil rouge di Mindhunter e il suo arresto da parte dell'FBI (avvenuto nel 2005) rappresenterebbe senza dubbio una conclusione coerente per la serie. Ma i fan potranno mai vederlo? Se accadrà, la sensazione è che non sarà tanto presto:

Di certo, avevo bisogno di un po' di tempo. Eravamo tutti al lavoro per finire la seconda stagione e per la terza non avevamo in attesa molte sceneggiature e bozze e neppure la 'Bibbia dello spettacolo' [una sorta di manuale con tutti i dettagli della storia, n.d.r.]. Ammetto di avere pensato che non ero pronto a trascorrere altri due anni in un vespaio simile.

La serie Mindhunter è ispirata al libro Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano SUPER TEA Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano
La serie Mindhunter è ispirata al libro Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano
SUPER TEA

Mindhunter. La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano

4,75 €

Variety scrive che Fincher spera che una "pausa indefinita" possa aiutarlo a "riaccendere la passione" per la storia dei detective Tench e Ford e della dottoressa Carr e rivela che il regista è stato molto provato dalla produzione di Mindhunter 2.

Il sito riporta che il filmmaker ha licenziato lo showrunner iniziale e si è occupato di 8 sceneggiature (sui 9 episodi che compongono la seconda stagione) e della "Bibbia dello spettacolo". Per gestire tutto è stato costretto a trasferirsi a Pittsburgh e il co-produttore della serie, Peter Mavromates, ha dichiarato che "è stato estenuante":

Quando non dirigeva un episodio, lo supervisionava.

I piani di Fincher di realizzare una stagione ogni 12 o 14 mesi sono andati a rotoli. Tra la prima (2017) e la seconda (2019) sono passati 2 anni e i ritardi e il budget non giustificabile a fronte degli ascolti hanno finito per fare scivolare Mindhunter in un limbo

Perché alla fine è così. La serie basata sul libro Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano di Mark Olshaker e John E. Douglas non è stata ufficialmente cancellata da Netflix. E anche se il suo creatore continua a ripetere che è troppo costosa e che ha bisogno di metterla da parte per un tempo non meglio precisato perché realizzarla lo esaurisce, non chiude mai davvero la porta a un eventuale ritorno degli agenti Tench e Ford e della dottoressa Carr.

E allora, i fan restano lì, appesi a un filo sottile. Ma che fino a quando non sarà tagliato, continuerà a rappresentare una speranza.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca