La regina degli scacchi è da record su Netflix

Lo show-rivelazione del momento con Anya Taylor-Joy è diventata la mini-serie più vista di sempre su Netflix con 62 milioni di abbonati che l'hanno guardata nei primi 28 giorni: ma i record non finiscono qui.

Netflix Anya Taylor-Joy in una scena della serie La regina degli scacchi

Il successo di The Queen's Gambit, ovvero La regina degli scacchi, è inarrestabile. Netflix fa sapere che lo show del momento, adattamento in sette episodi del romanzo omonimo di Walter Tevis, è diventata la mini-serie più vista di sempre sulla piattaforma di streaming.

I numeri sono impressionanti e stabiliscono un autentico record: da venerdì 23 ottobre 2020, giorno di uscita sul servizio dalla grande N, e nei 28 giorni successivi al lancio, La regina degli scacchi è stata vista da 62 milioni di abbonati.

C'è ovviamente da considerare la rinnovata metodologia con cui Netflix conteggia gli "ascolti". L'azienda californiana ha cambiato il sistema di monitoraggio: in passato i numeri facevano riferimento agli account che avevano guardato il 70% di un singolo contenuto, mentre adesso si considera "visualizzazione" chi ha visto per almeno 2 minuti un film o un episodio di una serie.

Fatta questa premessa, la sostanza non cambia: La regina degli scacchi è diventata la mini-serie più vista tra quelle disponibili nel catalogo.

I record, però, non finiscono qui.

I 62 milioni di "households", come li definisce Netflix, potrebbero rappresentare un numero maggiore di spettatori: ogni abbonamento, infatti, può essere condiviso all'interno della stessa famiglia. Il numero potenziali di persone davanti allo schermo durante la visione potrebbe quindi essere molto più alto.

Il colosso dello streaming fa inoltre sapere che The Queen's Gambit è attualmente nella Top 10 delle serie TV più viste in 92 Paesi. Tra questi, è in vetta alla classifica in 63 nazioni, tra cui spiccano il Regno Unito, l'Argentina, Israele e il Sud Africa.

Nei numeri assoluti di "views" nell'arco dei 28 giorni dal lancio, La regina degli scacchi si piazza al terzo posto, superata soltanto dalla prima stagione di The Witcher (il fantasy con Henry Cavill ha contato 76 milioni di abbonati in visione) e dalla docu-serie true crime Tiger King, che ha fatto incollare allo schermo 64 milioni di utenti.

Peter Friedlander, il vicepresidente responsabile per le serie originali Netflix, fa notare pure un altro paio di primati curiosi per lo show di Scott Frank con Anya Taylor-Joy.

Dopo 37 anni dalla sua pubblicazione, il romanzo scritto nel 1983 da Walter Tevis, edito in Italia da minimum fax, è entrato nella lista dei bestseller del New York Times.

La regina degli scacchi Il romanzo di Tevis Walter
La regina degli scacchi

Il romanzo di Tevis Walter

€ 8,99

La chiave di ricerca "come giocare a scacchi" su Google ha doppiato la semplice ricerca "scacchi" e raggiunto un picco che non si vedeva da nove anni a questa parte.

La portata del fenomeno è così dirompente che su eBay sono aumentate del 250% ricerche e richieste di set di scacchi, Goliath Games ha visto aumentare del 170% le vendite di scacchiere e il numero di iscritti e giocatori al portale Chess.com è quintuplicato.

FIDE, l'International Chess Federation, rende noto che grazie alla mini-serie è nato un forte interesse del pubblico verso il Campionato del mondo di scacchi, che si terrà nel 2021 a Dubai con il campione in carica, il norvegese Magnus Carlsen, pronto a difendere il titolo.

Friedlander ha espresso tutta la soddisfazione di Netflix per questi risultati in una nota stampa ufficiale.

Tre anni fa, quando Scott Frank ci ha contattati la prima volta per adattare il libro del 1983 di Walter Tevis su una ragazza prodigio degli scacchi, abbiamo ritenuto che fosse un racconto avvincente. Tuttavia, credo che nessuno di noi avrebbe potuto prevedere che La regina degli scacchi – e la straordinaria Anya Taylor-Joy – sarebbero diventati il fenomeno globale di oggi, o la nostra più importante mini-serie di sempre.

Il VP di Netflix ringrazia Frank e il team creativo che ha accompagnato il creatore in questo viaggio: la costumista Gabriele Binder, la scenografa Uli Hanisch, il compositore della colonna sonora Carlos Rafael Rivera, la montatrice Michelle Tesoro e il direttore della fotografia Steven Meizler, "il cui lavoro ha trasformato ogni partita in un dramma da batticuore".

Ciliegina sulla torta: la storia di Elizabeth Harmon è la serie Netflix del momento anche nei numeri dell'aggregatore Rotten Tomatoes.

Lo show vanta il 100% di recensioni positive e un punteggio di gradimento del pubblico pari al 96%.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca