Tempesta su Netflix per un bacio controverso nella serie indiana Il ragazzo giusto

Il colosso dello streaming ha inserito in catalogo la mini-serie Il ragazzo giusto, l'adattamento firmato Mira Nair dell'omonimo romanzo di Vikram Seth: una scena dello show, però, ha fatto scattare un'ondata di proteste in tutta l'India.

Lookout Point/BBC Studios/Netflix Ishaan Khattar e Tanya Maniktala in una scena della serie Il ragazzo giusto

Ondata di proteste in tutta l'India contro Netflix. La piattaforma streaming ha acquisito i diritti e lanciato in catalogo la mini-serie Il ragazzo giusto, l'adattamento firmato Mira Nair e Andrew Davies del romanzo omonimo scritto nel 1993 da Vikram Seth.

Il giornale The New Indian Express fa sapere che a scatenare la levata di scudi è una scena in particolare della serie: il bacio tra una ragazza induista e un ragazzo musulmano sullo sfondo di un tempio indù.

Prodotto da Lookout Point per BBC Studios, Il ragazzo giusto è un racconto di formazione in sei episodi ambientato nell'India del 1951 fresca di indipendenza.

La protagonista è Lata (Tanya Maniktala), la giovane figlia della facoltosa signora Rupa Mehra (Mahira Kakkar) che ha appena dato in sposa la maggiore Savita (Rasika Dugal) ad un uomo.

Ora è il turno di Lata, che però ha deciso di opporsi all'usanza dei matrimoni concordati. La ragazza studia letteratura, è libera e indipendente e vuole scegliere da sé il marito con cui dividere l'esistenza.

Lata è affascinata dal brillante e anticonformista Maan Kapoor (Ishaan Khattar), ma le piace pure lo studente di storia Kabir Durrani (Danesh Razvi), che frequenta di nascosto dalla famiglia. Avventure e sentimenti si mescolano così sullo sfondo di un Paese che si prepara alle prime elezioni democratiche ma è ancora lacerato da profonde tensioni sociali, etniche e religiose.

Un racconto come quello di Seth, pubblicato in Italia da TEA e capace di cogliere tutte le sfumature dei cambiamenti attraversati dall'India in quel complesso periodo storico, è stato trasformato dalla regista di Salaam Bombay!, Mississipi Masala e Monsoon Wedding in una saga che ruota attorno a quattro famiglie, molteplici personaggi e un flusso emotivo di passioni, conflitti e drammi.

Il ragazzo giusto Il romanzo di Vikram Seth
Il ragazzo giusto

Il romanzo di Vikram Seth

€ 13,60

Disponibile su Netflix dal 23 ottobre 2020, Il ragazzo giusto ha suscitato disapprovazione in India a seguito di una denuncia di Gaurav Tiwari, il leader dell'organizzazione giovanile del Bharatiya Janata Party, il partito conservatore al governo con Narendra Modi e caratterizzato da posizioni apertamente ostili nei confronti dei musulmani e dei movimenti politici delle caste inferiori.

Tiwari ha presentato alla polizia di Rewa una denuncia contro la mini-serie perché include "scene di baci girate sotto templi sacri". La denuncia per "ferimento dei sentimenti religiosi" è indirizzata a Monica Shergill, vicepresidente dei contenuti di Netflix India, e ad Ambika Khurana, responsabile della public policy della società californiana.

Gaurav Tiwari sostiene che Il ragazzo giusto "incoraggia Love Jihad", una teoria cospirazionista definita "la Guerra santa dell'amore", secondo la quale nelle regioni Kerala e Karnataka giovani dell'islamismo radicalizzato avvicinano ragazze non musulmane, principalmente cattoliche o induiste, seducendole e facendole innamorare.

Dopo averle rapite e violentate, gli attivisti jihadisti minaccerebbero le donne di pubblicare sui social media i video degli stupri, costringendole così a convertirsi all'Islam.

Nonostante non siano mai emerse prove concrete della "Love Jihad", il fenomeno preoccupa la Conferenza episcopale del Kerala e ha guadagnato enorme popolarità tra i gruppi di estrema destra e i sostenitori del Bharatiya Janata Party.

A seguito della denuncia di Tiwari, l'hashtag #BanNetflix spopola tra gli utenti conservatori dei social indiani e persino Narottam Mishra, ministro del governo dello stato del Madhya Pradesh, nell'India Centrale, ha espresso forte preoccupazione in un comunicato ufficiale.

Mishra ha "chiesto ai funzionari di esaminare la serie A Suitable Boy, in streaming su Netflix, per verificare se le scene di baci in essa contenute siano state girate in un tempio e se ciò nuoce ai sentimenti religiosi".

L'indagine, a prima vista, ha rilevato che queste scene feriscono i sentimenti di una particolare religione del nostro Paese.

L'investigazione è attualmente in corso e Rakesh Kumar Singh, il capo della polizia di Rewa, ha fatto sapere che Tiwari pretende delle scuse ufficiali da parte di Netflix e dei realizzatori della serie e la rimozione della scena "incriminata".

Tiwari, intanto, sottolinea su Twitter che l'azione legale (e non il vaccino anti-Covid in arrivo) ha causato il crollo in Borsa dei titoli di Netflix, sommersi dalle vendite negli ultimi dieci giorni.

L'agenzia Reuters ha contattato Netflix e Lookout Point per un chiarimento.

Al momento, tuttavia, l'azienda di Los Gatos e la produzione londinese non hanno voluto commentare la notizia.

Leggi anche

      Cerca