Fantasmagoria, incubi e misteri d'Italia diventano una web-serie

Sul canale YouTube "Ore di orrore" è disponibile la web-serie di Byron Rink in 5 episodi che esplora le nostre più popolari leggende urbane, da Villa Manzoni – la "culla del paranormale" – alla "casa del lupo".

Orefilm / 2000 JD Production Fantasmagoria, incubi e misteri d'Italia diventano una web-serie

Fantasmi pericolosi, streghe minacciose, culti segreti. Che cosa può esserci di più terrificante? Secondo Byron Rink, la risposta è semplice: le più popolari leggende urbane della nostra storia.

Nasce così Fantasmagoria – I misteri d'Italia, la web-serie che usa storie realmente accadute e racconti del folklore come spunto per raccontare le paure e le fobie della società.

La formula scelta da Rink – ovvero Fabrizio Byron Rampotti, musicista, scrittore e filmmaker romano classe 1976 – è quella del mixed media: la prima stagione di Fantasmagoria mescola documentario e finzione, accurata ricostruzione storica e suggestiva affabulazione misterico-orrorifica.

D'altronde Rink è un appassionato di cinema e musica, letteratura e poesia: ha scritto la raccolta Assenzio per due, diretto il mediometraggio Je voudrais pas crever e da anni suona nella band dark wave Dirtyfake.

Fantasmagoria è stata realizzata durante il lockdown: proprio in quelle settimane, Byron cercava produttori per una serie distopica. La chiusura e il confinamento hanno cambiato i suoi piani: a quel punto è arrivato lo spunto per una serie più libera e indipendente, basata su vicende sfuggenti "nascoste nel buio", raccapriccianti e tragiche, e affidata esclusivamente al potere della narrazione e della voce.

Prodotta da Orefilm e 2000 JD Production, Fantasmagoria vanta le musiche di Pino Donaggio e la collaborazione di ospiti speciali che introducono ogni singolo episodio. 

La serie ha debuttato il 4 giugno 2020 ed è disponibile in streaming gratuito su Orediorrore, il canale YouTube dello specialista del genere Alessio Giorgi.

Gli episodi sono 5 (short-stories di 20-30 minuti ciascuno) e affrontano ricostruzioni singolari di storie tra il leggendario e il reale che appassionano da sempre studiosi e amanti dell'horror.

Villa Manzoni: The Gate of Hell

Tom Savini, mago degli effetti speciali e regista del remake di La notte dei morti viventi, introduce il pilot dedicato alla "culla del paranormale": Villa Manzoni, una villa romana sulla Cassia costruita per il conte Gaetano dall'eccentrico architetto massone Armando Brasini, dedito a rituali occulti. 

Villa Manzoni è un vero e proprio portale, una delle porte dell'Inferno: edificata sulla residenza dell'imperatore "libidinoso" Lucio Vero, acquista fama iettatoria dal 4 febbraio 1960, giorno della morte di Fred Buscaglione.

The Gate of Hell ripercorre la sua storia, da "villa del pianto" perché sede della Gestapo durante la Seconda guerra mondiale a punto di riferimento di satanisti e tossicodipendenti del luogo.

Oggi è la sede dell'ambasciata del Kazakistan, ma dopo aver visto questo episodio – e i filmati del gruppo di amici che decide di esplorarla – eviterete accuratamente di passarci accanto.

...And the Devil Put the Violin

Luigi Cozzi, il regista che all'argomento ha regalato Paganini Horror, lancia l'episodio che esplora gli eventi dietro alla leggenda spettrale della "casa del violino" di Scogna Inferiore, frazione del comune di Sesta Godano, in provincia di La Spezia.

Il viaggio comincia con la morte misteriosa e violenta di Jean-Marie Leclair – ritrovato abbracciato al suo Stradivari, da allora soprannominato "le Noir" per la macchia nera di sangue lasciata dalla mano irrigidita del violinista francese – e prosegue attraverso la composizione dal Trillo del Diavolo di Giuseppe Tartini e le bizzarrie dell'"anima straziata" Niccolò Paganini.

Una storia macabra che arriva alla fiaba dello strano violinista dei fratelli Grimm e lega lo strumento al Diavolo in persona.

La sedia del Diavolo

L'attrice Olga Shuvalova presenta il terzo episodio di Fantasmagoria: il focus è sulla "sedia del Diavolo" di piazza Elio Callistio, nel quartiere Trieste a Roma. 

Di posti del genere ce ne sono tanti al mondo, ma questo è l'unico ad essere stato costruito sul sepolcro di Elio Callistio (enigmatico liberto dell'imperatore Adriano), nella campagna romana lontano dalle mura della città, e a voltare le spalle al Vaticano.

Dai Grand Tour dei giovani artisti e poeti dell'Ottocento alla scoperta che sconvolge Enrico Coleman, figlio del pittore Charles e di Fortunata Segatori, La sedia del Diavolo è la storia del culto di Baal, il Dio delle mosche.

Al suo potere si consacra "Giovanni dei malanni", il pastore-guaritore che stringe un patto con il maligno.

1969

Mariano Baino, il regista di Dark Waters, è un noto creatore di mostri: i più pericolosi, però, sono quelli che conosciamo meglio, quelli che vediamo guardandoci allo specchio.

1969 parte da un altro luogo di Roma, l'Oratorio dell'Angelo Custode a Piazza Poli, e rimbalza tra il passato – la fine degli anni Sessanta – e il presente.

Al centro della storia c'è Berto, un senzatetto pisano appassionato di alieni e di Nembo Kid, colpito all'epoca dall'influenza "spaziale" che arriva da Hong Kong e soprattutto dal caso di Ermanno Lavorini, un bambino rapito a Viareggio e scomparso nel nulla prima di essere ritrovato cadavere su una spiaggia.

L'"immondo imbroglio di omosessuali" (come scrive L'Espresso) che viene tirato in ballo dai giornali e travolge il malcapitato Adolfo Meciani è il riflesso di una società ipocrita e bigotta, ieri come oggi, messa a nudo da un fantasma invisibile ai nostri occhi.

Fantasmagoria's Halloween Special

Non poteva mancare lo speciale di Halloween introdotto da Zio Tibia, il putrido Uncle Creepy che animava le notti horror di Italia 1 nei primi anni Novanta. 

Questo episodio è proprio all'insegna della nostalgia '80s: dall'estate del 1986, vissuta tra partite a Ghouls 'n Ghosts e Brivido, all'arrivo di Dylan Dog nelle edicole, quattro ragazzini di Civitas decidono di esplorare la "casa del lupo", l'abitazione abbandonata di un sacrestano del posto affetto da licantropia.

Il lupo, ovviamente, può rivelarsi dove meno te l'aspetti, come spiegano il mito di Licaone e Stephen King nel suo Danse macabre.

Ma Fantasmagoria non finisce qui.

In attesa della seconda stagione, i creatori hanno annunciato un Christmas Special.

D'altra parte "questo non sarà un Natale come tutti gli altri, ma in qualche modo cercheremo di rendervelo... indimenticabile!!!".

Leggi anche

      Cerca