L'ira di Tom Cruise sul set di Mission: Impossible 7 è totalmente giustificata

Sul set di Mission: Impossible 7, Tom Cruise ha rimproverato alcuni membri della troupe perché hanno violato le norme anti-COVID. Ulteriori contagi, oltre a ovvi problemi di salute, potrebbero causare la perdita di migliaia di posti di lavoro.

Paramount Pictures Tom Cruise corre

Dopo essere tornato sul set per le riprese di Mission: Impossible 7 in seguito allo stop causato dalla pandemia di COVID-19, Tom Cruise non ha avuto ugualmente vita facile: basti pensare all’ultima pausa, a fine ottobre 2020, dovuta al contagio di dodici persone sul set del film.

Probabilmente, è per questo che, quando l’attore ha notato che alcune persone non stavano rispettando le norme di sicurezza anti-COVID previste, ha dato sfogo alla sua rabbia. Cruise ha espresso liberamente la propria frustrazione nei confronti di alcuni membri della crew decisamente troppo vicini l’uno all’altro, come confermano Variety e un audio diffuso da The Sun.

Se vi vedo farlo di nuovo, siete licenziati! Chiunque della troupe lo faccia!

Le riprese di Mission: Impossible avevano preso il via il 20 febbraio 2020 da Venezia, in Italia e poi Roma, ma sono state sospese a causa della pandemia di Coronavirus (SARS-CoV2). La lavorazione è, in seguito, ripresa in Norvegia, Regno Unito e, nell’ottobre 2020, quando si è svolta nuovamente in Italia, ha subito - come detto prima - un ulteriore stop per una settimana dopo che dodici persone sono risultate positive al COVID-19.

È chiaro, quindi, che dal comportamento delle singole persone dipenda non solo la salute, ma anche il futuro lavorativo di tutti ed è questo che Tom Cruise ha cercato di far capire alla crew che, adesso, si trova nuovamente nel Regno Unito.

Andate a dirlo alle persone che stanno perdendo le loro case perché la nostra industria è chiusa, che non metteranno il cibo sulla loro tavola o non pagheranno la loro istruzione universitaria. Questo è il pensiero con cui dormo ogni notte: il futuro di questa f*****a industria! Quindi, mi dispiace, sono ben oltre le vostre scuse.

Creare un ambiente sicuro per la lavorazione del film è per l’attore fondamentale. Secondo quanto riportato, due dei cinquanta membri dello staff, ai Warner Bros. Studios di Leavesden, stavano a meno di un metro di distanza l’uno dell’altro davanti allo schermo di un computer.

A Hollywood, sono tornati a fare film grazie a noi, perché credono in noi e in quello che stiamo facendo! Ogni notte, sono al telefono con produttori, studi e compagnie assicurative. […] Stiamo creando migliaia di posti di lavoro, s*****i! Non voglio vedere una cosa del genere mai più, mai!

Migliaia di posti di lavoro andrebbero, infatti, persi se nuovi problemi dovessero sorgere durante le riprese del settimo film appartenente alla saga di Mission: Impossible.

Sono stato chiaro? Capite cosa voglio? Capite la responsabilità che ho?

Secondo quanto riferito da una fonte, Tom si sarebbe preso la responsabilità della sicurezza del luogo di lavoro, per garantire il proseguimento della lavorazione del film.

Diretta da Christopher McQuarrie, Mission: Impossible 7 è la settima pellicola legata all’omonima saga iniziata nel 1996, seguita poi da Mission: Impossible II (2000), Mission: Impossible III (2006), Mission: Impossible - Protocollo Fantasma (2011), Mission: Impossible - Rogue Nation (2015) e Mission: Impossible - Fallout (2018).

Mission: Impossible: Film 1-6 Universal Video Cofanetto DVD di Mission: Impossible: Film 1-6
Mission: Impossible: Film 1-6
Universal Video

Cofanetto DVD di Mission: Impossible: Film 1-6

44,00 €

La data di uscita nei cinema di Mission: Impossible 7 – in cui Tom Cruise interpreta Ethan Hunt - è fissata per il 19 novembre 2021.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca