Il Postino: le location dove è stato girato l'ultimo film con Massimo Troisi

Il postino è stato l'ultimo film girato nel 1994 da Massimo Troisi, scomparso poco dopo le riprese. Ecco le straordinarie location che hanno contribuito al successo di questa pellicola, amatissima da pubblico e critica.

La luce del cinema italiano e mondiale si è di certo affievolita quando è venuto a mancare un grande attore e regista come Massimo Troisi. Uno dei film più famosi e apprezzati che ha contribuito a rendere ancora più straordinaria la sua carriera di successi è stato sicuramente Il postino, pellicola del 1994 diretta da Michael Redford (in collaborazione con lo stesso Troisi).

La pellicola, incredibile successo di pubblico e critica, fu candidata a ben 5 premi Oscar nel 1996, riuscendo a portare a casa quello relativo alla miglior colonna sonora di Luis Bacalov.

Il postino, basato sul romanzo del 1985 dal titolo Il postino di Neruda di Antonio Skármeta, racconta una storia di fantasia in cui vediamo il noto poeta cileno Pablo Neruda (1904 - 1973) stringere amicizia con Mario Ruoppolo (Troisi), un postino di Procida (isola in cui Neruda ha ricevuto asilo politico) che impara ad amare la poesia proprio grazie al poeta.

Il film, purtroppo, ha sancito anche la fine della carriera di Massimo Troisi, morto a distanza di poche ore dal termine delle riprese a causa di un fatale infarto. Ad ogni modo, una trama ben costruita, un cast d'eccezione (tra gli altri interpreti ricordiamo anche Philippe Noiret e Maria Grazia Cucinotta) e delle splendide location hanno di certo contribuito al successo de Il Postino, osannato da pubblico e critica in tutto il mondo.

SUPER ET Il postino di Neruda
SUPER ET

Il postino di Neruda

8,00 €

Il postino: le location dell'ultimo film interpretato da Troisi

Procida

Mentre nel romanzo di Skármeta l'isola che ospita l'esule Neruda è Isla Negra, un belissimo villaggio in Cile nel quale si alternano verdi colline e alte scogliere, per il film è stata scelta come ambientazione principale la piccola isola di Procida, un angolo di paradiso in provincia di Napoli e in prossimità di un'altra bella isola: Ischia.

PixabayProcida
Marina di Corricella, Procida

La stragrande maggioranza delle riprese effettuate in quel di Procida hanno avuto luogo presso Marina di Corricella, piccolo e splendido borgo di pescatori che si caratterizza per vie strette e bianche che si alternano ai colori pastello delle cose. Il tutto offrendo un bellissimo contrasto con il blu del mare dell'isola. Da Corricella si arriva ad altri luoghi della pellicola: quella che è nota come la locanda del postino, ovvero il bar della bella Beatrice (una giovane Maria Grazia Cucinotta) e il porto, normalmente chiuso ai visitatori per garantire un'abituale tranquillità agli abitanti del posto.

Se la locanda del postino ancora esiste al civico 23, occorre però precisare che gli interni realizzati rispettando lo stile tipico degli anni '50 vennero però ricostruiti negli studi di Cinecittà a Roma. Salendo dal porto alla chiesa giallo pallido di Santa Maria delle Grazie e alla cittadella fortificata della Terra Murata, c'è via San Rocco dove è possibile ricordare il politico corrotto che esorta i cittadini a votare per "Di Cosimo".

In cima a via San Rocco si trova la piccola Piazza dei Martiri (così chiamata per i dodici abitanti di Procida giustiziati durante la rivoluzione napoletana del 1799), dove si può vedere l'esterno dell'edificio che funge nel film anche da ufficio postale dal quale Mario raccoglie la posta da consegnare a Pablo Neruda.

Sempre a Procida si trova una delle due spiagge che è possibile vedere nel film: la spiaggia del Pozzo Vecchio che si trova sulla costa nord-occidentale, in contrada Cottimo.

Isola di Salina, Sicilia

PixabaySalina, Sicilia
Isola di Salina, Sicilia

L'altra spiaggia utilizzata e la casa in cui soggiorna Neruda si trovano invece nell'isola di Salina, una delle isole che formano l'arcipelago siciliano delle Eolie. La casa è un'abitazione privata che si trova nel paese di Pollara, sulla costa nord-occidentale dell'isola. Proprio sulla spiaggia di Pollara, oscurata dall'enorme scogliera conosciuta come Il Costone, hanno avuto luogo le brillanti conversazioni tra Mario e Neruda, che a lungo hanno disquisito di Dante, Beatrice e di poesia.

Come anticipato poco sopra, a Pollara si trova la casa in cui Neruda (in questo film, ovviamente) era solito scrivere le sue brevi e meravigliose poesie. Purtroppo l'incantevole spiaggia di Pollara è stata in parte danneggiata a causa della costante erosione compiuta dal mare e dal frequente approdo abusivo di barche a motore e di turisti che hanno contaminato il paesaggio portando via sassi e ciottoli.

Il postino è dunque un indimenticabile gioiello cinematografico reso tale anche dalla bellezza dei luoghi che lo hanno accolto per le riprese; posti mozzafiato che ancora una volta sanciscono l'unicità della piccola, grande, Italia.

FONTE: Movie Locations - Il Davinotti

Leggi anche

      Cerca